I falchi e le colombe del Pdl si danno battaglia

Pubblicato il 07 novembre 2013 da redazione

ROMA. – Gli ”attributi d’acciaio” Enrico Letta dovrà forse mostrarli prima in Italia che in Europa. La situazione economica, secondo le parti sociali, resta gravissima e piazza Affari è stata la prima a non dimostrare ottimismo dopo l’ennesimo taglio del costo del denaro da parte della Bce. Un po’ perché la speranza del premier di convincere la Germania a cambiare registro è collocata in là nel tempo, quando si aprirà il semestre italiano di presidenza Ue, e un po’ perché la strana maggioranza continua a soffrire le profonde divisioni interne a sé stessa ed ai partiti che la compongono. Il paradosso è che si sta dividendo anche il fronte delle cosiddette colombe del Pdl, la colonna più importante su cui conta Letta per proseguire la sua difficile navigazione. La decisione di Silvio Berlusconi di convocare il Consiglio nazionale prima della votazione della legge di stabilità e di quella sulla sua decadenza ha disorientato gli alfaniani che vorrebbero scongiurare la conta interna. Fabrizio Cicchitto ha ventilato la possibilità di disertare l’appuntamento ma Maurizio Lupi gli ha replicato che, se si parla tanto di unità, questa è l’unica cosa che non si può fare. Del resto Roberto Formigoni ha fatto sapere che il documento degli ”innovatori” ha già raccolto tante firme ed altre se ne potrebbero aggiungere in una votazione a scrutinio segreto. I falchi replicano che il voto segreto non è previsto dallo statuto (Mara Carfagna): intuita la crepa che si va aprendo tra i governativi, i lealisti vogliono tentare l’affondo sebbene tutti siano consapevoli che su questa strada il partito rischia davvero la scissione. C’è in questo scontro un elemento di oltranzismo (il rifiuto categorico di vedere decapitato politicamente il proprio leader) che forse nemmeno il Cavaliere è più in grado di frenare. La promessa dei governativi di ottenere risultati importanti sulla manovra economica e sulle riforme non fa nessuna presa sui falchi, pronti a rinchiudersi in un bunker dal quale sarà poi difficile uscire. L’impressione è che nulla si possa dire sull’esito della battaglia prima del voto finale in Senato sulla decadenza di Berlusconi: solo in quel momento, carico di tensioni ed emozioni anche umane, sarà possibile capire come finirà, come è accaduto del resto proprio sul voto di fiducia del 2 ottobre con la decisione a sorpresa del Cavaliere di appoggiare il governo. Tutto ciò lascia nell’incertezza il premier. Letta non può contare nemmeno sull’appoggio granitico del suo partito. La storia del tesseramento gonfiato ha assunto nel Pd la piega del regolamento di conti: Matteo Renzi l’ha minimizzata e se ne è chiamato fuori, Gianni Cuperlo l’ha giudicata circoscritta anche se gravissima, ma gli altri due candidati (Pippo Civati e Gianni Pittella) non sono affatto d’accordo. Civati accusa Renzi e Cuperlo di aver fatto finta di non vedere, Pittella parla di decisioni tardive, entrambi sono contrari alla chiusura anticipata del tesseramento proposta da Guglielmo Epifani. Il risultato di queste polemiche è l’immagine di un percorso poco limpido che rischia di avvelenare le primarie e anche il clima interno che dovrà affrontare il nuovo segretario. In attesa di vedere che cosa succederà nella terza gamba della maggioranza (Scelta civica), si può osservare che le liti si allargano alla legge elettorale (democratici, montiani e vendoliani hanno presentato un ordine del giorno per il doppio turno, ma il Pdl lo respinge), giustificando il pessimismo del ministro Quagliariello secondo il quale è difficile che le riforme possano vedere la luce. Allarmante diagnosi perché le larghe intese erano nate proprio per questo, come esplicitamente ricordato più volte dal capo dello Stato.

(Pierfrancesco Frerè/Ansa)

Ultima ora

17:49Papa:mantenere domenica senza lavoro,siamo figli non schiavi

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Alcune società secolarizzate hanno smarrito il senso cristiano della domenica illuminata dall'Eucaristia", ha denunciato papa Francesco in udienza generale. "E' necessario ravvivare questa consapevolezza, per recuperare il significato della festa, del riposo che ristora l'anima e il corpo", ha detto, ricordando che il Concilio ha voluto ribadire che "la domenica è il giorno di festa primordiale che deve essere proposto e inculcato alla pietà dei fedeli, in modo che divenga anche giorno di gioia e di astensione dal lavoro". "L'astensione domenicale dal lavoro non esisteva nei primi secoli: è un apporto specifico del cristianesimo - ha sottolineato Francesco -. Per tradizione biblica gli ebrei riposano il sabato, mentre nella società romana non era previsto un giorno settimanale di astensione dai lavori servili. Fu il senso cristiano del vivere da figli e non da schiavi, animato dall'Eucaristia, a fare della domenica - quasi universalmente - il giorno del riposo".

17:21Calcio: Inzaghi, Lazio si sfoghi con Cittadella

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "I fatti accaduti sono fuori dal mondo, spero che chi di dovere prenda i giusti provvedimenti". Simone Inzaghi torna così sui torti arbitrali subiti in Lazio-Torino. Alla vigilia dell'ottavo di finale di Coppa Italia contro il Cittadella, il tecnico avverte: "Adesso dobbiamo cercare di trasformare questa grande ingiustizia subita in ferocia. Sfogare tutto quello che c'è successo in campo, contro il Cittadella ci saranno delle insidie". Fatti come quelli di Lazio-Torino e un utilizzo del Var che la Lazio lamenta essere stato sempre a sfavore "sono cose che non dovrebbero capitare. Da oggi non parlerò più di cose del genere, poi sono altri che dovrebbero farsi sentire. Io già l'ho fatto dopo le partite con Roma, Fiorentina, Sampdoria e Torino". A Burdisso, che aveva smentito il ds Tare e Parolo sottolineando di non aver mai detto all'arbitro Giacomelli di non essere stato toccato da Immobile, Inzaghi replica: "Sono cose che capitano. Burdisso è un giocatore forte in campo, si è lasciato andare".

17:19Calcio: Pordenone, Colucci “torniamo al nostro mondo”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "C'erano tanti dei miei che piangevano, ho detto loro di alzare la testa e tornare al mondo che ci appartiene. In questa professione - ne parlo da pseudo allenatore e da ex giocatore - si vive anche di soddisfazioni, come aver messo in difficoltà una squadra come l'Inter con grande umiltà". Si esprime così l'allenatore del Pordenone, Leonardo Colucci, dopo l'eliminazione in Coppa Italia, ai rigori, contro l'Inter. "Oggi un mio amico mi diceva che non capitava da nove anni che l'Inter non segnasse un gol in Coppa Italia in casa. Poi c'è dell'altro, a un certo punto ieri nei tre cambi che ha fatto Spalletti sono entrati 250 milioni di euro in campo, nei miei tre cambi sono entrati 250mila delle vecchie lire. E' lì che c'è poesia e romanticismo nello sport. Sono entrati tre giocatori al livello mondiale e i ragazzi sono stati bravi a portarla fino ai rigori".

17:16Rifiuti: traffico illecito, perquisite 7 aziende

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Scoperta dai carabinieri forestali un'organizzazione specializzata nel traffico di rifiuti speciali pericolosi, tra cui rottami ferrosi e rifiuti legati al comparto delle acciaierie. Nell'inchiesta, condotta dalla Dda di Firenze, risultano coinvolte 7 imprese e indagate 13 persone, accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti. Perquisizioni e ispezioni sono state effettuate in Campania, Lombardia, Liguria, Lazio, Puglia, Lazio e Toscana. I rifiuti oggetto dell'inchiesta, si spiega in una nota dei carabinieri forestali, sono "rifiuti ferrosi rottami e rifiuti legati al comparto delle acciaierie (dichiarati illecitamente come materie prime secondarie o come rifiuti non pericolosi) provenienti anche dall'estero". Tra le aziende perquisite anche l'Ilva, ma l'azienda secondo quanto precisato da fonti investigative, non risulta tuttavia al momento indagata.

17:16‘Zuppa con cannabis’, la Procura di Milano apre inchiesta

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - La Procura di Milano ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di detenzione di sostanze stupefacenti, a carico di ignoti, sulla vicenda di una donna e due bambini di 4 e 6 anni intossicati dal Thc, il principio attivo della cannabis, dopo avere ingerito un minestrone di verdure e carne, sabato scorso a Milano. Il pm Cristian Barilli, titolare dell'inchiesta, ha convalidato per accertamenti il sequestro della 'zuppa' in cui sarebbe stata contenuta la sostanza, responsabile degli effetti psicotropi di hashish e marijuana. La famiglia, originaria dello Sri Lanka, ha iniziato ad avere i primi sintomi (crampi, nausea, vomito) poco dopo il pranzo sabato scorso a Milano. Poco dopo è stata trasportata in ospedale al San Paolo, poi i bambini sono stati trasferiti alla De Marchi. Anche se ora tutti sono stati dimessi dall'ospedale, il procuratore capo Ciro Cascone e il pm Michela Bordieri hanno disposto accertamenti per la tutela dei minori.

16:55Corteo Roma:divieto caschi-fumogeni, controlli a borse

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Divieto di indossare caschi e indumenti per travisarsi, e fumogeni, compresi artifici pirotecnici. Controlli su persone, borse e zaini lungo tutto il tragitto della manifestazione. Queste le misure di sicurezza messe in atto per il corteo pro migranti previsto per sabato a Roma. La questura teme infiltrazioni di frange violente. La Questura ribadirà il divieto di portare oggetti contundenti, mazze di ogni tipo, materiale o vestiario idoneo al travisamento, artifizi pirotecnici o esplosivi. Previsti anche controlli alle stazioni ferroviarie, nei caselli autostradali e nelle principali vie consolari. Per tutto il percorso delicato i controlli saranno ripetuti su persone, zaini, borse. L'afflusso dei manifestanti "sarà disciplinato dalle forze dell'ordine". Alla manifestazione è prevista la partecipazione di 15mila persone e la Questura teme "l'arrivo di estremisti". Il corteo, che partirà alle 14, si snoderà da piazza della Repubblica a Piazza del Popolo.

16:48Sci: Vidovic vince slalom Coppa Europa a Obereggen

(ANSA) - BOLZANO, 13 DIC - Il croato Matej Vidovic si é aggiudicato lo slalom di Coppa Europa di Obereggen. Al 24enne, in lizza già dopo la prima manche, é bastato il 20/o tempo per staccare l'austriaco Marc Digruber e l'appena 20enne francese Noel Clement. Dopo i due piazzamenti top 10 nei primi due slalom di Coppa Europa a Fjatervaalen in Svezia ora Vidovic ha all'attivo anche il trionfo a Obereggen e lo si vedrà presto in Coppa del Mondo. Il miglior tempo nella seconda manche lo ha fatto segnare il 22enne azzurro Federico Liberatore. 30/o dopo la prima manche ha sfruttato al meglio la possibilità di poter aprire la seconda manche e ha migliorato notevolmente il suo piazzamento - ha chiuso lo slalom in ottava posizione, risultando il migliore degli azzurri. Il secondo azzurro in 12/a posizione é stato il bolzanino Riccardo Tonetti, praticamente sulla sua pista di casa, considerato che ha imparato a sciare proprio a Obereggen.

Archivio Ultima ora