Stato-mafia: il pentito Onorato, rabbia Riina mollato da politici

Pubblicato il 07 novembre 2013 da redazione

PALERMO. – “Sapete perchè Totò Riina accusa lo Stato? Perchè prima gli hanno fatto fare le cose e poi l’hanno mollato”. E’ un Riina arrabbiato e pronto ad ammazzare politici e rappresentanti delle istituzioni, quello descritto dal pentito Francesco Onorato, teste al processo sulla trattativa Stato-mafia. Un racconto il suo pieno di rivelazioni inedite: come quella del progetto di Cosa nostra di uccidere l’ex presidente del Consiglio Giulio Andreotti e il figlio. Dopo il maxi-processo, conclusosi con decine di ergastoli definitivi, il padrino di Corleone stila una lista di nemici da abbattere: personaggi prima ritenuti amici, poi accusati di non avere mantenuto i patti. Un elenco lungo ricordato in aula da Onorato che, dopo una prima esitazione e la richiesta, respinta, di rinviare la deposizione per motivi personali, sciorina ai giudici della corte d’assise tutti gli obiettivi del capomafia. “C’erano Carlo Vizzini – avevamo fatto anche i pedinamenti preliminari all’omicidio – dice – Calogero Mannino, Salvo Lima, i cugini Salvo, Giulio Andreotti e il figlio e imprenditori come Ferruzzi e Gardini”. Dell’eliminazione dell’ex premier e del figlio si sarebbero dovuti occupare i boss Giuseppe e Filippo Graviano a Roma. “Ma poi – racconta il pentito – gli aumentarono la scorta e saltò tutto”. “Riina era arrabbiato – ricorda il teste – perchè prima gli avevano fatto fare cose, come l’omicidio Dalla Chiesa. L’avevano voluto Craxi e Andreotti, mica la mafia. Poi quando l’opinione pubblica scese in piazza i politici si nascosero. Per questo Riina li voleva uccidere tutti”. A fare le spese dell’ira del boss fu Salvo Lima, l’eurodeputato dc, ucciso da un commando di cui faceva parte Onorato il 12 marzo del 1992. Un delitto che, per i pm del processo sulla trattativa, segna il primo atto della strategia di sangue con cui Cosa nostra convinse pezzi dello Stato a trattare. Il collaboratore ricevette l’ordine di eliminarlo dal luogotenente di Riina, Salvatore Biondino. “Mi rimproverò pure – racconta – perchè non avevo ucciso i due uomini che erano con lui. Ma io non me l’ero sentita e avevo deciso di graziarli”. Onorato, una “carriera” di 20 anni in Cosa nostra, è certo che politica e mafia hanno sempre convissuto. “Quale trattativa – dice – c’è stata sempre connivenza”. Un esempio? Sarebbero stati non meglio precisati politici a spingere i mafiosi a mettere in giro la voce che a mettersi la bomba vicino alla casa al mare all’Addaura era stato lo stesso Falcone. “Ci era stato detto di dirlo – spiega – per indebolire Falcone”. Molte cose il pentito le ha apprese proprio da Biondino e non conosce maggiori particolari. “Perchè non ha raccontato tutto questo prima, visto che collabora da 16 anni?”, gli chiede un avvocato. “Nel dire certe cose – risponde – si rischia di restare soli. Come sono io adesso. Solo e abbandonato dallo Stato”. La deposizione è intramezzata da un mistero, poi chiarito, sulla lettera che il capo dello Stato Giorgio Napolitano, citato come teste dai pm, ha spedito al presidente della corte d’assise, manifestando la sua disponibilità a testimoniare. In apertura d’udienza il giudice Alfredo Montalto comunica di non averla mai ricevuta: la notizia della missiva era stata resa nota dallo stesso Quirinale venerdì scorso. Dal Colle si fa sapere che la lettera è stata spedita giovedì. Dopo un controllo il presidente rettifica e dice in aula che la lettera è arrivata al suo ufficio stamattina. “Dopo averla esaminata – spiega – valuteremo se metterla a disposizione delle parti”.

(Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

12:32Brexit: Gentiloni, seconda fase non più facile della prima

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "La seconda fase (dei negoziati sulla Brexit, ndr) non sarà più facile della prima": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, spiegando che ieri il Consiglio Ue ha "accolto con grande cortesia" la disponibilità espressa dalla premier britannica Theresa May nel suo intervento. Il summit Ue discuterà di Brexit questa mattina, senza la May. Ieri la premier ha "rivendicato la linea con la quale siamo riusciti ad arrivare all'intesa con la Commissione qualche giorno fa", ha spiegato Gentiloni, ribadendo che i leader Ue restano "consapevoli" delle difficoltà della seconda fase.

12:30Francia: scontro treno-scuolabus, bilancio sale 6 morti

(ANSA) - PARIGI, 15 DIC - Il bilancio della collisione tra un treno regionale e uno scuolabus a Milau, nel sud-ovest della Francia, sale a 6 morti. E' quanto rivela France Info precisando che altri due ragazzi oltre ai quattro annunciati ieri non ce l'hanno fatta. Entrambi avevano 11 anni.

12:06Terrorismo: espulso francese, ha mimato spari contro Cc

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino francese 23enne, convertito all'Islam radicale, che era stato arrestato per reati comuni il 29 agosto scorso dai Carabinieri in provincia di Cuneo. Già segnalato dalle autorità transalpine quale simpatizzante jihadista, informa il Viminale, durante le procedure di identificazione aveva mimato il gesto di "sparare" contro i Carabinieri e di "far detonare" un ordigno esplosivo, citando Allah. Con quella di oggi sono 101 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 233 quelle eseguite dall'1 gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

Archivio Ultima ora