Vaticano: “Latinitas”, nuova rivista rilancia latino in epoca Twitter

Pubblicato il 08 novembre 2013 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – In latino sono un’ampia parte dei contenuti, i titoli delle sezioni e egli indici, e anche la dedica iniziale a papa Francesco, “Urbis episcopo Ecclesiaeque pastori”, vescovo di Roma e pastore della Chiesa, in perfetta sintonia con l’appellativo preferito da Bergoglio e con lo stile “pastorale” del suo pontificato. Con l’uscita del primo numero della nuova serie della rivista semestrale “Latinitas”, a cura della Pontificia Academia Latinitatis istituita da Benedetto XVI nel novembre 2012, il Vaticano si lancia sempre più nella promozione dello studio e della conoscenza della lingua di Cicerone. E non poteva essere altrimenti, essendo il latino tuttora la lingua ufficiale della Chiesa, riproposta nella modernità anche attraverso i social media come Twitter (sul suo account in latino papa Francesco vanta qualcosa come 182.455 followers), nonché in situazioni storiche, come l’annuncio-shock dell’11 febbraio scorso con cui Benedetto XVI ha comunicato al mondo le sue dimissioni. Uno strumento di grande prestigio con cui l’Accademia di latinità svolgerà ora il suo lavoro di studio e cura del patrimonio classico sarà ora la rivista semestrale, presentata alla stampa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, dal prof. Ivano Dionigi, presidente della stessa Pontificia Accademia e rettore dell’Università di Bologna, e dallo scrittore e archeologo Valerio Massimo Manfredi. La nuova serie prosegue la storica testata fondata nel 1953, presentandosi però con una veste tipografica rinnovata, edita da Palombi e diretta da Dionigi, ospitando articoli in latino, in italiano e nelle principali lingue moderne. Proprio Dionigi, rispondendo nel suo articolo alle domande “Latino per chi? Latino perché?”, lancia la sfida della Pontificia Accademia di Latinità, espressione della Chiesa ma destinata a costruire “ponti con il sapere delle Università e del mondo laico, nella consapevolezza che è in gioco un comune destino culturale”. Seguono le tre sezioni in cui è articolata la rivista: quella propriamente scientifica (tra i contributi quelli di Massimo Cacciari, Luciano Canfora, Carlo Carena, lo stesso Ravasi, Manlio Simonetti e Manlio Sodi), intitolata “Historica et philologica”; quella di letteratura contemporanea in lingua latina, “Umaniora”, con poesie tra gli altri di Alfonso Traina, un cui epigramma latino è stato “twittato” da Ravasi; l’ultima dedicata alla didattica delle lingue e culture classiche, “Ars docendi”, con all’interno anche un articolo di Stefano Bartezzaghi. Redatti in latino sono poi l’appendice con il resoconto dell’attività dell’Accademia e gli “abstracts” (Argumenta), e l’indice (Index universus). Il card. Ravasi ha spiegato che l’Accademia ha la funzione di “esaltare, celebrare la grandiosa e gloriosa tradizione che sta alle nostre spalle”, ma senza che ci sia “un recupero artificioso”. Ravasi ha perfino citato Antonio Gramsci e i suoi “Quaderni dal carcere”: “Non si impara il latino e il greco per parlarli, per fare i camerieri, gli interpreti o i corrispondenti commerciali: li si impara per conoscere direttamente la civiltà dei due popoli, presupposto necessario della civiltà moderna, cioè per essere se stessi e per conoscere se stessi”. Dionigi ha ricordato che “L’Europa ha ininterrottamente parlato latino tramite le sue tre sfere fondamentali: lo ‘studium’, l”imperium’ e l”ecclesia’”. “Perché i classici? – ha chiesto Dionigi – Perché ci insegnano a parlare bene. E oggi esiste un problema del parlare bene”. Ravasi, che ha sottolineato come tra i giovani ci sia ancora molto interesse per “la bellezza dei classici”, ha fatto appello anche ai traduttori della Segreteria di Stato ad essere attenti, ricordando che anche nel testo letto da Benedetto XVI al momento della sua rinuncia c’erano due errori. E ha raccontato un piccolo episodio di quel giorno. “Ero al Concistoro e quando il Papa finì di parlare un cardinale che era vicino a me mi chiese: ‘Ma che cosa ha detto?’. ‘Ha detto che dà le dimissioni’, risposi. ‘No, lei non ha capito!’, fu la sua replica”. Segno che anche tra i porporati c’è chi deve ripassare il latino.

(Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

22:37Pirati strada: donna 75 anni travolta e uccisa nel Bolognese

(ANSA) - ZOLA PREDOSA (BOLOGNA), 16 DIC - Una signora di 75 anni è stata travolta e uccisa in via Risorgimento a Zola Predosa, comune della cintura di Bologna, da un'auto il cui conducente è fuggito senza prestare soccorso. Sono intervenuti i carabinieri e il 118, ma per la donna non c'è stato nulla da fare. Il sindaco di Zola Predosa, Stefano Fiorini, ha postato su facebook un "Avviso ai cittadini": alle 16.50, scrive, "è stata investita da un auto una signora in prossimità delle strisce pedonali di via Risorgimento davanti alla Farmacia Legnani. Chiunque abbia informazioni in merito a questo fatto è pregato di segnalarlo alla nostra stazione dei Carabinieri che sta ricostruendo quando avvenuto ricercando l'investitore che è fuggito senza prestare alcun soccorso alla vittima". (ANSA).

22:20Calcio: Totino, Mihajlovic “quando il Napoli gioca così…”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Se il Napoli gioca così è difficile contenerlo. Sono più forti di noi e non c'è nulla da dire. Dopo 30 minuti erano in vantaggio di tre gol ma della mia squadra mi è piaciuta la voglia di lottare". Così l'allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, dopo la sconfitta all'Olimpico. "Rispetto all'anno scorso, la squadra non ha mollato ha sempre cercato di giocare, abbiamo avuto l'occasione per fare il secondo gol, poteva starci un rigore per noi. Poi loro hanno vinto meritatamente e purtroppo con noi si scatenano sempre: hanno fatto 4 tiri in porta e tre gol". "Per noi adesso è passato un ciclo di gare difficile, ora arriveranno partite più alla nostra portata e vogliamo conquistare più punti possibili, speriamo ora che Belotti non si fermi più.

22:19Calcio: Sarri “il Napoli non era stanco, forse mentalmente”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Non eravamo stanchi, forse eravamo stanchi dal punto di vista mentale perché la stagione è lunghissima. Ho rivisto la gara con la Fiorentina e la ripresa è stata di livello. Lì non abbiamo concretizzato, oggi abbiamo segnato subito e la partita è stata in discesa. I ragazzi sono stati bravi, prendendo in positivo la sconfitta dell'Inter". L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, commenta soddisfatto il ritorno alla vittoria e al primato in classifica. Ai microfoni di Premium Sport, il tecnico toscano ha parlato anche di Marek Hamsik, diventato miglior marcatore del Napoli come Maradona: "E' un giocatore di un livello straordinario e quando fa alcune gare al di sotto delle sue qualità bisogna aspettarlo perché si ha la certezza che prima o poi farà bene. Ha fatto gol ma erano già alcune partite che era in crescita".

22:17Calcio: Napoli, Hamsik “gol importante, vincere lo è di più”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Fa molto piacere dal punto di vista individuale ma era più importante tornare a vincere dopo tre giornate senza vittoria. Ora siamo di nuovo in cima e questa era la cosa più importante. Finalmente poi è arrivato questo gol e sono contento". Il centrocampista del Napoli Marek Hamsik commenta così la vittoria a Torino e la sua 115/a rete con la maglia azzurra, che gli fa eguagliare il record di Maradona. "Abbiamo sbloccato subito la gara e questo ci ha aiutato a liberare la mente - ha detto ancora ai microfoni di Premium Sport - Poi abbiamo potuto fare il nostro calcio. E' importante aver ritrovato il primato, la sconfitta dell'Inter ci ha dato ancora più forza: avevamo voglia di tornare in testa".

22:17Calcio: Inter, Icardi “è andata male,tanti saranno contenti”

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - "Anche se oggi è andata male, io dico a tutti i miei compagni bravi. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo. Oggi abbiamo provato quello che dà una sconfitta e tanti saranno contenti, altri tanti un po' dispiaciuti come noi... ma comunque si continua ad andare avanti come abbiamo fatto finora". Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, sprona i compagni su Instagram dopo la prima sconfitta stagionale dell'Inter, battuta dall'Udinese a San Siro per 3-1. Un ko che secondo Icardi, come ha detto anche Spalletti nei giorni scorsi, qualcuno era dispiaciuto non fosse ancora arrivato.

21:37Usa: media, Pentagono ammette programma su Ufo

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media Usa. Il programma, lanciato nel 2007, e' stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Archivio Ultima ora