Berlusconi, trattativa o battaglia ad oltranza?

Pubblicato il 14 novembre 2013 da redazione

ROMA. – La trattativa ad oltranza non è mai stata nelle corde di Silvio Berlusconi. Eppure stavolta il Cavaliere sembra averla accettata con l’ex delfino Angelino Alfano. Il che è già un segnale di quale sia l’obiettivo del leader del centrodestra, falchi o non falchi. Berlusconi, con ogni probabilità, sa di dover dare ascolto almeno in parte ai pontieri e agli amici di una vita, Fedele Confalonieri e Gianni Letta, i quali gli ricordano come sia poco saggio aggiungere l’ennesimo divorzio ad un percorso politico che ne ha già visti di importanti (da quello con i centristi di Casini a quello con Gianfranco Fini). In passato queste separazioni, anche non consensuali, sono state più agevoli, per la diversa storia politica dei duellanti, ma adesso il rischio è quello di ritrovarsi in mano un partito amputato della parte moderata e liberale, come osserva il sottosegretario Simona Vicari, in compagnia della sola ala oltranzista il cui peso elettorale è da verificare almeno quanto quello delle colombe (che al Sud e in Lombardia sembrano poter contare su un certo seguito). Ne deriva che il gioco al rialzo del Cavaliere è giunto al momento chiave: adesso si tratta di vedere il piatto. Alfano conta di essere stato convincente con l’offerta di schierare il partito compatto nella battaglia contro la decadenza (anche se tutti sono consapevoli che al massimo si guadagnerà qualche giorno), a condizione che tale piano sia tenuto ben distinto da quello del governo. Il secondo punto è l’intenzione di ottenere una revisione della legge di stabilità sui punti che stanno a cuore al Pdl (casa e cuneo fiscale), sebbene le stime sul Pil in calo, l’allarme conti dell’Inps e le preoccupazioni di Bruxelles sulla necessità di una manovra correttiva rendano tutto più difficile. Ma sull’altro piatto della bilancia c’è il carattere di combattente di Berlusconi, solleticato dai ‘Fitto boys’. Dal momento che il leader è convinto che ben presto giungeranno altri colpi dalla magistratura, l’ipotesi di dare battaglia in campo aperto alla sinistra, alle toghe rosse, ai poteri forti dell’Europa che gli sarebbero ostili, ricompattando dietro di sé l’opinione pubblica euroscettica, per così dire di stampo neogollista, lo tenta molto. In fondo si tratterebbe di andare a fare concorrenza a Beppe Grillo nel suo campo proprio mentre Matteo Renzi la fa dentro i vecchi confini del blocco sociale centrista e moderato. Terreno sconosciuto sul quale tuttavia c’è da chiedersi se sia la neonata Forza Italia il movimento più congeniale da schierare in campo. Il limite di questa strategia è quello di fare il gioco non solo del sindaco di Firenze (il cui principale obiettivo è sfondare al centro), ma anche quello dei centristi di Mauro e Casini che potrebbero trovare alleati negli ex Margherita (a disagio nel Pd che guarda al Pse) e tra gli alfaniani. In quel caso gli stessi montiani finirebbero fatalmente attratti nell’ orbita del nuovo soggetto, una filiale italiana del Ppe europeo. Tutto si tradurrebbe nel tramonto del bipolarismo e nella nascita di due poli moderati al centro (popolari e democratici) con due ali estreme (berlusconiani e grillini). Fine ingloriosa per chi aveva puntato tutto sulla democrazia dell’alternanza. E poi c’e’ il monito di Giorgio Napolitano contro il clima politico avvelenato, le esasperazioni di parte, l’assenza costante di dialogo. Il capo dello Stato ha accettato la rielezione proprio sulla base delle larghe intese proposte da Berlusconi, che verrebbero spazzate via da una frattura interna del Pdl. I fedelissimi del Cav, come Bondi e Repetti, rimproverano a Napolitano di non aver fatto nulla per la pacificazione tra i due poli, lasciando intuire che ormai con il Quirinale c’è incomunicabilità. Ma bisogna ammettere che anche la confusione che regna in casa democratica ha aggravato la situazione: basti pensare alla babele interna sulla legge elettorale dopo la bocciatura del doppio turno. Massimo D’Alema ha avvertito Renzi che se vincerà sarà osteggiato da una parte del partito, il sindaco ha risposto di non preoccuparsi perché da segretario rottamerà le correnti e valorizzerà i territori locali contro i dipartimenti. Più che dialogo, altra legna sul fuoco… (Pierfrancesco Frerè)

Ultima ora

13:52Usa: California, in fiamme una zona più vasta di NY e Boston

(ANSA) - LOS ANGELES, 11 DIC - I violenti incendi che ormai da oltre una settimana divampano nel sud della California sono purtroppo, affermano i vigili del fuoco, destinati ad aumentare, alimentati da forti raffiche di vento, mancanza di pioggia e boschi secchi a causa di una perdurante siccità. Nuovi ordini di evacuazione sono stati emessi per abitazioni nei pressi delle città di Montecito e Carpinteria, nella contea di Santa Monica. Nelle contee di Los Angeles, San Diego e Riverside sono stati mandati rinforzi per cercare di contenere diversi fronti di fuoco, che vengono globalmente denominati Thomas Fire e che complessivamente coprono un'area, scrive la Cnn online, maggiore di New York City e Boston messe insieme. Si tratta di risorse mobilitate verso la zona di Santa Barbara, per combattere l'incendio che ormai copre circa 700 chilometri quadrati e che è iniziato il 4 dicembre nella vicina contea di Ventura. Secondo un conteggio aggiornato a ieri sera, le fiamme hanno finora distrutto 790 strutture e danneggiate altre 191.

13:51Maltempo: troppa neve, chiusi mercatini Natale Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - "A causa del maltempo" sono chiusi i mercatini di Natale di Aosta. La scritta su un foglio A4 fuori dall'area del Teatro romano getta nello sconforto tanti turisti arrivati per fare compere nel noto Marché Vert Noel, in grado di attirare migliaia di visitatori ogni anno, dall'Italia e dall'estero. La perturbazione che da ieri sta interessando la regione non dà tregua neanche ad Aosta, dove si registrano tra i 60 e i 70 centimetri di neve. "Stiamo facendo una pulizia straordinaria, penso che nel pomeriggio riapriremo", spiega, contattato dall'ANSA, il sindaco Fulvio Centoz.(ANSA).

13:50Gerusalemme: Usa, un peccato che Anp non veda Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 11 DIC - "E' un peccato che l'Autorità nazionale palestinese prenda le distanze da una possibilità di discutere il futuro della regione". Così la Casa Bianca sul fatto che il presidente palestinese Abu Mazen, dopo la decisione Usa su Gerusalemme, non vedrà il 19 dicembre il vicepresidente Mike Pence. "Ma l'amministrazione Usa - ha detto la portavoce di Pence, citata dai media - resta determinata nei suoi sforzi di aiutare a raggiungere la pace tra israeliani e palestinesi e il nostro team di pace rimane al lavoro nel preparare un piano".

13:49Erdogan, Usa hanno mani sporche di sangue come Israele

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - "Con la loro decisione di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, gli Stati Uniti sono diventati un partner negli spargimenti di sangue" di Israele. Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. "Quelli che rendono la vita difficile a Gerusalemme per i musulmani e altre fedi, non potranno lavare via il sangue dalle loro mani", ha aggiunto, ribadendo che "la dichiarazione del presidente Usa Donald Trump non vincola noi, né Gerusalemme".

13:40Calcio: Kepa e Odriozola, rinforzi spagnoli per Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Real Madrid è ad Abu Dhabi, dove mercoledì giocherà la seconda semifinale del Mondiale per club, contro l'Al Jazira che nei quarti ha battuto i campioni d'Asia, gli Urawa Red Diamonds giapponesi. La prima semifinale è invece quella domani tra i brasiliani del Gremio e i messicani del Pachuca. Ma a tenere banco in casa merengue è il mercato di gennaio, durante il quale la dirigenza dei campioni d'Europa vorrebbe mettere a segno un paio di colpi. L'orientamento è di puntare su giovani spagnoli, così è già stato raggiunto un accordo con il 23enne portiere dell'Athletic Bilbao, e della nazionale, Kepa Arrizabalaga. Kepa, che non rinnoverà il contratto con l'Athletic avrebbe già raggiunto, secondo quanto scrive 'Marca', un accordo della durata di 6 anni per 2,5 milioni netti a stagione. L'altro obiettivo del Real proviene anch'egli dai Paesi Baschi: si tratta del 21enne laterale destro della Real Sociedad Alvaro Odriozola, che si trasferirebbe nella capitale per giocarsi il posto con Carvajal.

13:33Orlando, Liberi e Uguali non sia bersaglio campagna Pd

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un incontro "non era previsto, ma sicuramente non considero Rossi un avversario politico. O, come dire, non riesco ancora a considerarlo un avversario politico. Quindi, sicuramente sono interessato a capire cosa sta succedendo in quell'ambito, che credo non dovrebbe essere bersaglio della nostra campagna elettorale". Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando, oggi a Firenze nella sede della Regione Toscana, parlando con i giornalisti che gli chiedevano se nell'occasione avrà un colloquio 'politico' con il governatore toscano Enrico Rossi (Liberi e Uguali).

13:33Sicurezza: Milano, al via nuove misure a Palazzo Marino

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Al via le nuove misure di sicurezza a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. A partire da oggi tutte le persone che entreranno in Comune saranno controllate dai vigili della Polizia locale, che presidiano l'ingresso, con un metal detector portatile. Inoltre saranno controllate borse e bagagli e i documenti di identità. La misura era stata annunciata dal sindaco, Giuseppe Sala, dopo il blitz di CasaPound del 29 giugno scorso nell'aula del Consiglio comunale. (ANSA).

Archivio Ultima ora