La furia di 80 tornado sugli Usa. Almeno 7 morti solo nel Midwest

WASHINGTON. – Morte e distruzione nel Midwest degli Stati Uniti, su cui si é abbattuta la furia di almeno ottanta tornado. Al momento si contano almeno sette vittime e decine di feriti, concentrati nella contea di Washington, in Illinois, la zona piú colpita. Ma si tratta di un bilancio ancora parziale, vista l’enorme vastitá dell’area messa in ginocchio da questa incredibile ondata di maltempo, inusuale in questo periodo dell’anno. E mentre la perturbazione, decisamente indebolita, si sta spostando verso est, lambendo le coste atlantiche di Boston e del Canada, é scattata la macchina dei soccorsi lungo i 12 Stati toccati dal disastro. L’epicentro dei tornado é stato l’Illinois del sud, dove intere cittadine sono state praticamente rase al suolo, cancellate dalla cartina geografica. Ma si scava tra i detriti anche in Michigan (dove sono state accertate le ultime due vittime, folgorate dai cavi dell’ alta tensione cadutri a terra), Wisconsin, Missouri, Ohio, Kentucky, Tenessee, West Virginia, Pennsylvania e la parte occidentale dello stato di New York. Il luogo simbolo della tragedia é Washington, un piccolo centro di 16mila abitanti, a 140 miglia a sud di Chicago, dove c’é stato il maggior numero di vittime. Qui sono soffiate raffiche di una violenza record, circa 190 miglia orarie, oltre 270 km l’ora, che hanno spazzato tutto quello che incontravano: case, macchine, capannoni, alberi, pali della corrente elettrica. Tutto volato via, come sei mesi fa a Moore, sobborgo di Oklahoma City, cancellato dalla furia di uno dei tornado piú potenti della storia americana. Distrutti anche altri centri dell’Illinois, come New Minden, Pekin, Peoria, Coal City e Massac County. Spesso, di queste case costruite in carton gesso e legno, ormai é rimasta solo la canna fumaria del camino, l’unica costruita in pietra e cemento. Tanti in queste ore raccontano di come si sono messi in salvo, riparandosi in tutta fretta, correndo nelle cantine delle proprie case in quella maledetta domenica pomeriggio. Ora peró sono in migliaia i senza tetto, famiglie che hanno perso tutto e vagano in lacrime tra le macerie per cercare di raccogliere qualche piccolo oggetto del loro passato, ciò che é stato risparmiato dalla violenza del tornado. Qui sono giunti in forza gli uomini della Guardia Nazionale e vigili del fuoco per montare ospedali da campo, tende e mense. Come capita sempre in questi casi, milioni di americani sono rimasti senza luce, a causa del crollo dei pali della luce. Saltate anche tante linee telefoniche. Solo nella zona di Detroit, almeno 450 mila persone sono rimaste al buio, 890 mila persone nell’Illinois. Ritardi e disagi anche nel traffico aereo: oltre 230 voli dell’aeroporto Internazionale di Chicago sono stati cancellati e deviati al secondo scalo della cittá, il Midway Airport. E giá si cominciano a fare le stime dei danni, di sicuro per decine di milioni di dollari.

(Marcello Campo/ANSA)