Enrico Letta vince il primo round contro Matteo Renzi

Pubblicato il 20 novembre 2013 da redazione

ROMA. – Enrico Letta vince il primo round contro Matteo Renzi e costringe il sindaco rottamatore ad allinearsi alla fiducia nei confronti della Guardasigilli. Ma in prospettiva? La sovrapposizione dei due piani politici, quello del governo del Presidente e quello dei comportamenti della Cancellieri, ha seminato il malumore nel Pd che si è sentito commissariato dal Quirinale: tanto da indurre il segretario Epifani a dire che adesso l’esecutivo è più debole e serve ”uno scatto”. Tesi non lontana da quella di Renzi secondo il quale tutto il quadro politico si sarebbe indebolito non imponendo un passo indietro al ministro della Giustizia. In realtà non è proprio così. Ci sono problemi più gravi che bussano alla porta e una crisi in questo momento avrebbe messo piombo nelle ali del nostro Paese. Il premier è stato lesto a dimostrarlo nel corso del vertice con il presidente francese Hollande, a poche ore dalla rinnovata fiducia votata dalla Camera alla Cancellieri. Quando dice che la prossima legislatura europea dovrà essere dominata dalla crescita contro l’austerità, sotto il controllo di un rafforzato asse tra Roma e Parigi, Letta lascia capire implicitamente che nelle tensioni delle ultime ore ha giocato un ruolo determinante la ragion di Stato. E che è compito della politica farla valere. Si tratta infatti di tentare l’affondo decisivo, nell’imminente Consiglio europeo di dicembre, contro le timidezze tedesche sull’unione bancaria (su cui c’è un impegno preciso preso nel precedente vertice) e sull’allentamento dei vincoli di stabilità. Che la situazione sia particolarmente grave lo si capisce anche dalle indiscrezioni sulla discesa dei tassi in territorio negativo che la Bce starebbe studiando per sostenere l’economia di Eurolandia. Mossa choc mai compiuta prima d’ora e che in sostanza porta allo scoperto le tensioni con Berlino che non intende rinunciare al traino finora garantito alla Germania dalle esportazioni facili. Su quale immagine avrebbe potuto contare il nostro Paese se si fosse infilato nell’ennesima crisi ministeriale in un momento così delicato? A Bruxelles già pesa la sconcertante frammentazione partitica (si sono spaccati sia il Pdl che Scelta civica): un premier alle prese con un rimpasto foriero di altre lotte intestine sarebbe stato tagliato fuori dai tavoli che contano. Non che il rischio sia scongiurato. E’ chiaro infatti che la scissione del centrodestra è stato solo l’antipasto di un riassetto molto più generale del quadro politico. Il Pd soffre le larghe intese anche senza Berlusconi. Per di più Forza Italia, in attesa del voto di decadenza del Cavaliere, non scioglie la riserva sulla propria collocazione: pretende di incarnare il ruolo della ”voce critica” senza per ora lasciare la maggioranza (Sisto). Ma il malumore serpeggia sempre più forte soprattutto tra i democratici. L’assalto ad una sede romana del Pd da parte dei no-Tav ha dato l’impressione ai democratici che il partito sia ormai considerato dall’estrema sinistra e dagli antagonisti come il vero baluardo della conservazione. E’ l’immagine che Renzi vuole scrollarsi di dosso, ben sapendo che non sarà un’ operazione indolore: una fetta del partito non è affatto d’accordo con lui. Massimo D’Alema ripete che il vero obiettivo del sindaco di Firenze è quello di usare la segreteria come trampolino per palazzo Chigi: tutta la sua campagna, commenta l’ex premier, si è svolta come se le elezioni dovessero essere imminenti, dunque indirettamente contro la strategia di Letta e Napolitano che puntano a stabilizzare il semestre italiano di presidenza della Ue. Si tratta di un punto dirimente: coloro che sostengono Gianni Cuperlo (Bersani, D’Alema, Epifani) pensano che invece ci si debba concentrare nel rilancio del partito e non in una campagna elettorale permanente. Si vedrà ben presto chi ha ragione. Se Renzi non sfonderà alle primarie (e molto dipenderà dall’affluenza ai gazebo), non potrà ignorare le ragioni di una cospicua minoranza, nè fare opposizione parlamentare ad un governo che può contare su buoni numeri anche al Senato. Infatti Beppe Grillo ha fatto sapere che dal suo movimento potrebbero fuoriuscire altri senatori per appoggiare l’esecutivo: proprio come aveva preannunciato sabato scorso Berlusconi.

di Pierfrancesco Frerè

Ultima ora

07:14Lanciata molotov davanti a commissariato a Roma

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Una bottiglia molotov è stata lanciata nella serata di ieri davanti al commissariato Prati, nel centro di Roma. A tirarla una persona, con il volto coperto da casco, a bordo di uno scooter che arrivando in via Ruffini ha rallentato e, dopo aver tirato la bottiglia incendiaria, è scappato. Centrato un vecchio furgone della polizia parcheggiato nell'area di sosta davanti al commissariato che è rimasto danneggiato nella parte anteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato Prati e della Digos per risalire al responsabile. Al vaglio le registrazioni delle telecamere. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dal gesto anarchico a un episodio legato ad ambienti della tifoseria. Il commissariato Prati, infatti, ha un ruolo centrale nell'organizzazione della sicurezza dello stadio Olimpico. L'episodio avviene a pochi giorni di distanza dall'esplosione di un ordigno rudimentale davanti alla stazione dei carabinieri San Giovanni.

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

Archivio Ultima ora