Letta respinge le critiche, è ora di rimboccarsi le maniche

Pubblicato il 21 novembre 2013 da redazione

ROMA. – Basta lamentarsi, basta con la cultura del “benaltrismo”, è ora di “rimboccarsi le maniche” ed è quello che stiamo facendo. Archiviata – almeno per ora – la vicenda Cancellieri, il presidente del Consiglio cerca di spostare l’attenzione “dalla politica alle politiche”. Per farlo, Enrico Letta cita un film ‘cult’ della sua generazione: Blade Runner. “In questi sei mesi ho visto molte cose che non vanno in questo paese. E potrei dire ‘ho visto cose che voi umani…”, dice in videoconferenza con Milano. “Ma non lo faccio”, aggiunge, sostenendo che il compito di un premier è appunto quello di “rimboccarmi le maniche”. L’effetto sorpresa del piano di dismissioni societarie da 10-12 miliardi viene in parte offuscato dal rinvio del decreto per l’abolizione della seconda rata dell’Imu. Ma il capo del governo cerca di capitalizzare al massimo l’annuncio sulle privatizzazioni. Spiega che metà delle risorse derivanti dalla vendita di quote societarie di Eni – di cui comunque lo Stato manterrà il controllo -, Stm, Enav, Sace, Fincantieri, Cdp Reti, Tag (Cdp) e Grandi Stazioni (Fs) andranno in buona parte a ridurre il debito pubblico. Ciò consentirà al ministro Saccomanni, impegnato in un difficile Eurogruppo, di “battagliare” per chiedere che la Commissione europea conceda quella flessibilità sugli investimenti produttivi, ottenuta grazie alla chiusura della procedura per infrazione, che potrebbe dare all’Italia un bonus di circa 3 miliardi. Ai critici, come Guido Crosetto, di Fdi, che accusano l’Esecutivo di “svendere i gioielli di famiglia”, il premier risponde indirettamente di essere “culturalmente nemico” della frase “servirebbe ben altro”. A suo giudizio, da qualche parte si deve partire e le privatizzazioni sono nel programma di governo. Insieme alla spending review – che avrà come primo obiettivo l’abbattimento delle tasse sul lavoro e come primo bersaglio i costi della politica – e agli investimenti per stimolare la crescita, a cominciare da quelli in cultura ed educazione. Il premier passa l’intera giornata a difendere l’operato del governo. In mattinata, dopo il Consiglio dei ministri, scende in sala stampa per spiegare quanto fatto. Prima però cerca di fermare sul nascere le polemiche sul rinvio dell’abolizione della seconda rata dell’Imu. Smentisce le ricostruzioni “maliziose” sui motivi dello slittamento, spiegando che dietro vi sono solo ragioni “formali”. L’assenza cioè di un parere della Bce sulla rivalutazione delle quote di Bankitalia. Un provvedimento che riguarda banche e assicurazioni che sono toccate anche dall’altro decreto in esame, quello sull’Imu appunto. I due testi, sottolinea Letta, sono legati e devono perciò andare insieme. In realtà dietro il rinvio ci sono anche problemi di coperture. In particolare per quanto riguarda i terreni agricoli. Nunzia De Girolamo ne fa una questione politica e arriva a minacciare le dimissioni se non potrà mantenere la parola data. Una nuova grana che il premier ritiene di poter risolvere entro martedì. Anche se Saccomanni, prudentemente, ricorda di aver sempre detto che reperire le risorse non sarebbe stato facile. Letta annuncia anche emendamenti per ripristinare i fondi in favore dei malati di Sla e degli autotrasportatori. Poi, da palazzo Chigi, si collega con Milano per la presentazione dei progetti dell’Expo 2015. Avverte che senza un “lavoro di squadra” fra governo, regione e manager l’intera esposizione universale rischia di fallire, mentre deve essere la grande vetrina del Paese. Infine, sempre in collegamento video, partecipa agli Stati Generali della Cultura organizzati dal Gruppo24Ore, dove lancia l’idea di nominare ogni anno una “capitale della cultura italiana”, ma soprattutto conferma l’arrivo entro la prossima settimana di una “una significativa dotazione finanziaria per il credito d’imposta sulla ricerca”.

(Federico Garimberti/ANSA)

Ultima ora

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

08:43Russiagate: Mueller accede a migliaia email transition team

(ANSA) - WASHINGTON, 17 DIC - Il team del procuratore speciale per il Russiagate Robert Mueller ho ottenuto l'accesso a migliaia di email private mandate e ricevute da collaboratori di Donald Trump prima che si insediasse alla Casa Bianca. Materiale, riferisce l'Ap, di cui gli investigatori sono venuti in possesso non chiedendo direttamente al transition team del tycoon ma attraverso la General services administration, che spesso archivia i documenti della transizione presidenziale nei suoi computer. Una mossa che potrebbe sollevare obiezioni legali. Un avvocato del transition team ha gia' inviato una lettera al Congresso per segnalare che all'indagine di Mueller sono state fornite "rivelazioni non autorizzate" da parte di questa agenzia federale. Il materiale comprende comunicazioni di una decina di dirigenti all'epoca della transizione, tra cui Michael Flynn, che ha raggiunto un accordo con gli inquirenti per aver mentito all'Fbi.

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

Archivio Ultima ora