Scontro Grasso-Fi su decadenza. No a rinvii ed é bagarre

Pubblicato il 22 novembre 2013 da redazione

ROMA. – FI non si rassegna e torna all’attacco contro il voto sulla decadenza di Berlusconi. Scatenando la bagarre nell’Aula del Senato e innescando un duro botta e risposta tra centrodestra, M5S e il presidente Pietro Grasso. A dar fuoco alle polveri è Elisabetta Casellati (FI) che tenta un “blitz” approfittando del fatto che il presidente di turno Roberto Calderoli le concede la parola nonostante non sia un capogruppo (in questa fase dei lavori il regolamento non lo prevede) e attacca direttamente Grasso accusandolo di non aver risposto alla sua lettera del 15 novembre (firmata da altri 7 senatori di Pdl, Gal e Lega) in cui si chiedeva di riconvocare il Consiglio di presidenza di Palazzo Madama per verificare se ci fossero state irregolarità “sulla violazione del vincolo di segretezza” durantela Cameradi Consiglio della Giunta delle Immunità che votò la decadenza dell’ex premier. Lei a questa domanda, dichiara rivolgendosi a Grasso, “non può opporre un muro di indifferenza e di silenzio”. Casellati ce l’ha sempre con il post “anti-Cav” di Vito Crimi (M5S) finito sul web durante i lavori della Giunta. E Grasso non resta in silenzio. Ripresa la seduta, interrotta per consentire la riunione dei Capigruppo, risponde con una lunga lettera che legge anche in Aula (il Pdl l’aveva data “prima alle agenzie”). Una lettera in cui spiega sostanzialmente tre cose: durantela Cameradi Consiglio non è stato violato alcun vincolo di segretezza; durante il Consiglio di presidenza nessuno ha presentato proposte di carattere disciplinare nei confronti dei membri della Giunta; il Consiglio di presidenza non ha alcun potere di intervenire su altri organismi comela Giuntadelle Immunità vanificandone addirittura le decisioni. In più, interviene anche il presidente della Giunta, Dario Stefano: “Perchéla Casellatiparla solo ora? C’era anche lei quando si decise di procedere con il voto sulla relazione, visto che Crimi dimostrò che il post era uscito prima della Camera di Consiglio”. In più, incalza, furono quelli del Pdl a mantenere un contatto con l’esterno in una fase in cui non avrebbero potuto farlo, visto che lei e Malan vennero informati della conferenza stampa di Schifani per chiedere lo stop dei lavori. Ma l’attacco della Casellati dà il via alla polemica. Malan (FI) critica le ragioni di Grasso e avverte che la “storia non finisce qui”. Sandro Bondi prima definisce la lettera “una lunga pappardella”, poi dà a Grasso del “partigiano”. Gasparri avverte che non verranno tollerati “abusi sul piano delle regole”. Mentre Luigi Compagna (Gal) lancia l’affondo: “Lei forse ha più esperienza di Procura che di Camera di consiglio” dichiara rivolgendosi a Grasso forse dimenticando che lui, da magistrato, fece una Camera di Consiglio di 35 giorni di fila solo per il maxiprocesso. Ma anche il Nuovo Centrodestra non vuol essere da meno e con Schifani difende le ragioni ribadite da FI secondo le quali il Consiglio di presidenza dovrebbe invalidare la decisione della Giunta per le Immunità con un voto che non si riuscì a fare solo perché mancò il numero legale per la protesta del Pdl che andò via. Mentre Alfano, in una riunione di gruppo successiva, invita i “suoi” a continuare a combattere contro la decadenza auspicandone uno slittamento. E, si racconta, dicendo “no” alla fiducia sulla legge di Stabilità. Ma la bagarre in aula continua e a Paola Taverna (M5S) che ricorda come al di là delle “belle parole” e delle norme “formali” la decadenza del Cav sia un fatto ineludibile, prima Malan le dà della “nazista” e poi Salvatore D’Anna la paragona a madame de Condorcet che, dopo aver detto a Robespeirre che se fosse stato suo marito lei lo avrebbe avvelenato, lui rispose: “Se lei fosse stata mia moglie, l’avrei bevuta”. Alla fine è il commento di Grasso a chiudere il dibattito: “Abbiamo abbondantemente iniziato a scaldare gli animi in vista di futuri appuntamenti”.

(Anna Laura Bussa/ANSA)

 

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora