Tutto pronto all’Olimpico per il “clásico” Caracas-Táchira

Pubblicato il 22 novembre 2013 da redazione

CARACAS – La sfida della Primera División di domenica tra Caracas e Deportivo Táchira sarà la prima di tre che nelle prossime settimane avranno come protagoniste le due grandi del Venezuela. Tre incontri che certo contribuiranno a far salire di tono la storica rivalità dei due club, anche perche in ballo c’è il campionato e la Coppa Venezuela. A fare da aperitivo alla sfida di coppa, ci sarà quella in programma domani nella Liga: gli uomini di Eduardo Saragò scenderanno in campo nello stadio Olimpico con l’obiettivo di mantenere la vetta della classifica.

“Tutt’e due siamo obbligati a vincere (il match di domani), noi dobbiamo puntare assolutamente alla vittoria, un altro risultato cambierebbe i nostri obbiettivi stagionali. D’altra parte anche il Táchira è obbligato a vincere per non perdere contatto con la vetta” ha spiegato Eduardo Saragò.

Caracas si fermarà e l’Olimpico si riempierà (fino ad oggi si sono venduti 15 mila dei 20 tagliandi messi in vendita) per la gara più attesa dell’anno. I tifosi sono pronti ad assistere alla sfida più sentita del Paese e le misure di sicurezza saranno molto rigide, per evitare gli scontri che spesso hanno caratterizzato le parteti tra queste squadre.

Attenzione però, il “Clásico” non sarà l’unico match clou della 15ª giornata. Infatti nello stadio Misael Delgado di Valencia saranno impegnati il Carabobo e lo Zamora. Entrambe le squadre sono terze, appaiate a 27 punti. I granata, fino alla scorsa settimana leader del Torneo Apertura, cercheranno di ritrovare la strada della vittoria dopo la cocente sconfitta della scorsa settimana. I bianconeri di Barinas, attuali campioni in carica, non vogliono perdere contatto con la vetta del campionato, quando mancano poche giornate alla fine del torneo.

Detto delle due gare di cartello della giornata, non è da trascurare neanche l’incontro tra Mineros e l’Atlético Venezuela che si disputerà nello stadio Cachamay di Puerto Ordaz. I neroazzurri sono leader del torneo insieme al Caracas dopo la vittoria contro El Vigía la scorsa settimana, l’Atletico Venezuela è una delle rivelazioni della stagione e deve riscattarsi dal passo falso della scorsa settimana contro l’Estudiantes de Mérida.

Nell’anticipo della giornata il Deportivo Petare farà visita all’Aragua. La squadra municipale che, da quando Saul Maldonado ha preso in mano, accumula nelle tre gare disputate altrettanti pareggi. Il Petare ha lavorato duro durante la settimana per ottenere la terza vittoria stagionale.  Gli obbiettivi dei municipali per questo incontro li conosce molto bene uno dei capitani della squadra, Alain Giroletti: “Cercheremo di portare a casa l’intera posta in palio, sappiamo bene che l’Aragua è un rivale difficile. Durante la settimana abbiamo lavorato sodo per scardinare nel modo migliore il loro schema”. Giroletti, che in questa stagione ha disputato in tutto 512 minuti, afferma: “Dobbiamo saper giocare bene in contropiede, dobbiamo essere veloci sia nelle azioni offensive come in quelle difensive. Se riusciamo a mantenere il ritmo, potremmo portare a casa i tre punti”.

A completare il quadro della giornata ci saranno le gare: Zulia-Yaracuyanos, Deportivo La Guaira-Deportivo Lara, Llaneros-Deportivo Anzoátegui, Estudiantes-Tucanes e Trujillanos-El Vigía.

Fioravante De Simone

Ultima ora

17:20Calcio: Mourinho tenta Kovacic, pronti 30 mln per il Real

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Manchester United punta a rafforzarsi nel mercato invernale e uno dei nomi sul taccuino di Josè Mourinho è Mateo Kovacic, il centrocampista croato del Real Madrid poco utilizzato però da Zinedine Zidane (3 partite in Liga e due in Champions). Secondo lo spagnolo 'AS', per accaparrarselo il club dei Red Devils sarebbe disposti a mettere sul piatto 30 milioni. Kovacic, 23 anni, ha un contratto con il Real fino al 2021. E' arrivato a Madrid nell'estate 2015 dall'Inter per 28 milioni, cifra simile a quella offerta al momento da United. Un altro dei club che è sulle tracce del croato, scrive 'AS' è la Juventus.

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

17:11Calcio:Gattuso,che fatica ma ho sostegno Fassone e Mirabelli

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Ringrazio Mirabelli e Fassone, che non mi fanno mancare sostegno. E' un'esperienza molto, molto faticosa, lo sto toccando con mano. Loro sono fondamentali, mi danno grande tranquillità, mi sento tranquillo perché ho un grande appoggio". Così Rino Gattuso non nasconde le difficoltà che vive da allenatore del Milan. "Tante problematiche in questo momento le deve mettere a posto Fassone che è l'ad, Mirabelli ha i suoi problemi, ma io mi sento tranquillo, perché sento grande appoggio da queste due persone", ha spiegato l'allenatore alla vigilia della trasferta con il Verona, raccontando che l'allenamento per lui "è il momento più divertente, in quell'ora e mezza mi diverto come un bambino dell'asilo. Dopo - ha spiegato - c'è il momento più duro: parlare con tutti quelli del club, preparare le partite contro colleghi molto più bravi di me. La fatica più grande è questa, e poi le interviste dopo le partite''.

17:10Migranti: partito corteo a Roma, “è giorno degli esclusi”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Con in testa lo striscione "diritti senza confini" è partito da piazza della Repubblica il corteo pro migranti a Roma. "Siamo quelli che vengono confinati in centri di accoglienza e nelle periferie. Siamo disoccupati e senza casa -dicono gli organizzatori- Siamo uomini e donne colpiti in questi anni da leggi infami. E' la nostra giornata. E' la giornata degli esclusi, degli invisibili. Sfileremo per le strade di Roma. Ci riprenderemo la nostra dignità. Abbiamo sete di diritti e libertà". Tra gli striscioni alcuni con su scritto "Ius omnibus", "Uniamo le lotte" e "schiavi mai"; e poi pettorine rosse con la frase "Diritti senza confini", bandiere "Stop sfratti e sgomberi" e "No tav". "Siamo in attesa di altri pullman -spiegano dai movimenti- sono stati bloccati ai vari caselli di ingresso nella Capitale per i controlli. Ci sono state perquisizione e sono stati richiesti documenti a chi era a bordo". La manifestazione sfilerà fino a piazza del Popolo.

17:05Calcio:Allegri, a Bologna sempre faticato ma serve vittoria

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "A Bologna servirà una partita solida tecnicamente, tatticamente e agonisticamente. Altrimenti usciamo con le ossa rotte". Massimiliano Allegri mette in guardia la Juventus dai pericoli della trasferta di domani. "Sarà importante perché dobbiamo prendere i tre punti contro una squadra ben organizzata, che corre, ha buona tecnica e non ha pressione. Inoltre a Bologna la Juve ha sempre fatto fatica, tranne l'anno scorso". Il tecnico bianconero recupera Pjanic, che "potrebbe partire titolare", e annuncia l'intenzione di far giocare Alex Sandro titolare. "Sono convinto farà una grande partita. Arriva da due stagioni importanti, ha avuto alti e bassi si sta ritrovando". Un pensiero, infine, a Inter e Napoli, impegnate oggi: "Speriamo non facciano risultato, noi dobbiamo fare tre punti comunque domani. Poi non è che il campionato si decide domani...".

Archivio Ultima ora