Putin dal Papa: concordi su via di pace per la Siria

Pubblicato il 25 novembre 2013 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Papa Francesco e il presidente russo Vladimir Putin concordano nuovamente nella linea di favorire “una soluzione pacifica del conflitto” in Siria, “che privilegi la via negoziale”. E’ stato questo uno degli argomenti centrali nel colloquio di 35 minuti – alla presenza di due interpreti – che il Pontefice e il leader del Cremlino hanno avuto in Vaticano. Putin, complice il ritardo dell’atterraggio a Ciampino, è arrivato all’appuntamento col Papa ben 50 minuti più tardi dell’orario previsto, che erano le 17.00. Un corteo di sette auto più la scorta italiana, quello di Putin e del seguito, arrivato all’ingresso in Piazza San Pietro senza sirene spiegate. Nel seguito di una decine di persone, tra gli altri il ministro degli Esteri Serghei Lavrov, quello della Difesa Serghei Shoigu, il vice primo ministro Arkady Volkovic, il consigliere diplomatico Iuri Ushakov, gli ambasciatori presso la Santa Sede e presso il Quirinale. Dopo l’incontro col Papa, Putin è andato a colloquio col segretario di Stato vaticano mons. Pietro Parolin, che era accompagnato dal segretario per i Rapporti con gli Stato mons. Dominique Mamberti. Colloqui “cordiali” li definisce il comunicato della Sala stampa vaticana, nei quali “si è espresso compiacimento per i buoni rapporti bilaterali e ci si è soffermati su alcune questioni di interesse comune”, in modo particolare “sulla vita della comunità cattolica in Russia, rilevando il contributo fondamentale del cristianesimo nella società”. In tale contesto, “si è fatto cenno alla situazione critica dei cristiani in alcune regioni del mondo”, nonché “alla difesa e alla promozione dei valori riguardanti la dignità della persona, e la tutela della vita umana e della famiglia”. Il piatto forte dell’udienza, comunque, è stato la “speciale attenzione al perseguimento della pace nel Medio Oriente e alla grave situazione in Siria”: a proposito di quest’ultimo aspetto, Putin ha ringraziato papa Francesco per la lettera che gli ha indirizzato all’inizio di settembre in occasione del G20 a San Pietroburgo. La contrarietà all’intervento armato prospettato dagli Usa in Siria è stata una posizione che in quel contesto ha fatto trovare il Pontefice e l’inquilino del Cremlino sullo stesso lato della barricata, proprio nei giorni della giornata di preghiera e digiuno indetta da Bergoglio per la pace. E ciò è stato in qualche modo ribadito: “E’ stata sottolineata l’urgenza – spiega ancora la nota vaticana – di far cessare le violenze e di recare l’assistenza umanitaria necessaria alla popolazione”, come pure “di favorire iniziative concrete per una soluzione pacifica del conflitto”, che “privilegi la via negoziale” e “coinvolga le varie componenti etniche e religiose, riconoscendone l’imprescindibile ruolo nella società”. Il tema della difesa delle comunità cristiane in Medio Oriente, di cui Putin si sta ergendo a una sorta di paladino, è stato solo “accennato”: ma il presidente russo ha espresso visibilmente la sua religiosità regalando al Papa – che a sua volta gli ha fatto dono di un mosaico raffigurante i Giardini Vaticani – un’icona della Madonna di Vladimir, immagine veneratissima dagli ortodossi russi. “Le piace l’icona”, ha chiesto in russo al Pontefice. E alla risposta affermativa si è fatto il segno della croce secondo l’uso ortodosso e ha baciato l’icona, subito dopo baciata anche da Bergoglio. Sullo sfondo della visita, la quarta di Putin in Vaticano (due gli incontri con Wojtyla, uno con Ratzinger) è rimasta anche la questione dei rapporti e della distensione tra la Chiesa cattolica e quella ortodossa e ancora di più quella di un possibile viaggio del Pontefice in Russia. Il presidente ha portato a Francesco il saluto del patriarca di Mosca Kirill, capo degli ortodossi russi, ha riferito padre Federico Lombardi, portavoce vaticano. Ma non ha formulato al Papa l’invito a recarsi in Russia: invito, ha rilevato ancora Lombardi, “che nessuno si aspettava ci fosse”. Un aspetto, questo, che tocca prima di tutto i rapporti tra le due Chiese.

(Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

10:58Tornano gli Italian sport awards, Immobile fra i premiati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Ritornano gli Italian sport awards, i premi ai calciatori italiani protagonisti della stagione 2016/17. Appuntamento lunedì a Cappacio-Paestum (Sa). L'evento, ideato da Donato Alfani è giunto alla 7/a edizione e si è contraddistinto come uno dei riconoscimenti più importanti nel panorama nazionale, tanto da ricevere il patrocinio di Coni e Figc. Tanti gli ospiti presenti alla serata di gala: per la Serie A incetta di premi per la Lazio, con Immobile, Parolo e Inzaghi. Premiati anche Cordaz, Nalini, il tecnico Rastelli, il ds Zamagna dell'Atalanta, l'arbitro Rocchi. Grande spazio anche alla Serie B, con i premi ad Amato Ciciretti, Coda, Dionisi, Soddimo, Favilli, oltre agli allenatori Semplici e Bucchi, protagonisti con Spal e Perugia, all'arbitro Manganiello. Tanti anche i premi destinati ai club di Serie C e D. "Siamo alla 7/a edizione e questo è già motivo d'orgoglio - dice Alfani -. Vorrei ringraziare tutti i membri della giuria che hanno supportato questo format".

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

Archivio Ultima ora