Galliani lascia il Milan: “Ora basta me ne vado”

Pubblicato il 29 novembre 2013 da redazione

MILANO – Il momento dell’addio fra il Milan e Adriano Galliani è ormai dietro l’angolo. “Mi dimetterò fra pochi giorni, forse dopo la partita di Champions con l’Ajax. Comunque entro fine dicembre lascerò, con o senza l’accordo sulla buonuscita”, ha spiegato all’Ansa l’ad rossonero rispondendo alle critiche alla sua gestione sollevate da Barbara Berlusconi: “Sono d’accordo con i ricambi generazionali ma fatti con eleganza, non in questo modo”.

In un modo o nell’altro, il ricambio è avviato, tanto che sembra molto vicino l’ingresso di Paolo Maldini nella dirigenza con un ruolo di spicco. La vicenda non è piaciuta a Silvio Berlusconi: chi ha avuto modo di sentire il presidente del Milan lo ha sentito molto dispiaciuto e irritato per Galliani. Questa non è una bella immagine per il Milan – avrebbe commentato – poteva venire da me per un chiarimento senza alzare questa polemica e finire sui giornali. E la gestione della vicenda, secondo quanto filtra, ha creato parecchie perplessità in Pier Silvio e Marina Berlusconi, i due figli maggiori di Silvio Berlusconi che si tengono distanti dalle questioni del Milan ma hanno apprezzato Galliani nella lunga militanza al fianco del padre.

Una gestione apparsa lontana dallo stile di famiglia. Di certo, dopo 28 trofei in quasi 28 anni il dirigente monzese non ha gradito modi e tempi con cui il 3 novembre Barbara Berlusconi ha chiesto al padre un deciso cambio di rotta nella gestione del club, contestando le ultime campagne acquisti e la mancanza di una rete di osservatori all’altezza di squadre come Roma e Fiorentina.

“Lasciare prima della sfida con l’Ajax mi sembra un atto ostile verso la squadra per cui tiferò tutta la vita – ha chiarito Galliani augurandosi che il Milan raggiunga gli ottavi di Champions l’11 dicembre -. Ritengo di aver subito un grave danno alla mia reputazione, tale da giustificare le dimissioni per giusta causa”. “Il mio affetto per il presidente Berlusconi è immutato e immutabile” ha sottolineato Galliani, spiegando di non aver voluto disturbare l’ex premier in giorni delicati per le vicende politiche e di aver “comunicato la scelta a Bruno Ermolli, la persona deputata a questa cosa”, ossia alla definizione della buonuscita, 30-50 milioni di euro secondo indiscrezioni.

Galliani ha assicurato di “non voler fare polémica”, ma non ha rinunciato a qualche puntualizzazione. “Il 20 febbraio compirei il mio 28º anno al Milan: ho vissuto otto finali di Champions, vinto 28 trofei, raggiunto 16 secondi posti – ha notato – Io misuro gli ultimi 5 anni, come fa la Uefa. In questi cinque anni la Roma è andata in Champions una volta e la Fiorentina mai. Il Milan da due anni ha il bilancio in pareggio mentre altri club hanno montagne di debiti. L’anno scorso tutte le nostre giovanili hanno raggiunto la final four dei loro campionati e la Primavera si è appena qualificata agli ottavi in Youth League”. “Mi chiamano grandi presidenti anche dall’estero e non capiscono cosa stia succedendo – ha raccontato ancora Galliani – Io sono andato questa estate a Madrid per prendere Kakà e mi hanno aperto gli uffici del Real anche se erano chiusi. E quando sono andato nell’agosto 2010 a prendere Ibrahimovic al Barcellona il presidente Rosell è tornato apposta dalle ferie che aveva programmato con la sua familia”.

Chissà se dopo il Milan ci sarà ancora il calcio nella vita di Galliani. “Il futuro? Non ce l’ho in mente adesso – ha replicato -. Quando ci si sente offesi bisogna avere forza e intelligenza per lasciar passare un po’ di tempo. Per ora non accetto nulla da nessuno. Bisogna essere lucidi per prendere le decisioni”.

Dovrà prenderne molte anche la proprietà del Milan, perché la rivoluzione non si fermerà con Maldini. Il mercato di gennaio è praticamente concluso con gli arrivi di Rami e Honda, e Antonio Marchesi, consigliere d’amministrazione rossonero molto vicino a Barbara Berlusconi, può essere l’uomo giusto per un incarico ad interim.

Albertini e Fenucci restano i principali candidati per raccogliere l’eredità di Galliani da giugno. Da Sabatini a Pradè, da Baldini a Leonardi fino a Sogliano, tanti sono i nomi in lizza per il posto da direttore sportivo. Mentre uno è quello ricorrente per la panchina del Milan che verrà, Seedorf.

Ultima ora

21:37Usa: media, Pentagono ammette programma su Ufo

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media Usa. Il programma, lanciato nel 2007, e' stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

21:30Ghiaccio: a Carolina Kostner il nono tricolore

(ANSA) - TRENTO, 16 DIC - È sempre Carolina Kostner la regina del pattinaggio azzurro di figura. Ai Campionati italiani 2018 la gardenese delle Fiamme Azzurre strega l'Agorà di Milano, con un programma libero grazie a cui conquista il nono titolo tricolore in 15 anni. Carolina realizza un secondo segmento da 140.43 punti (64.07 di valutazione tecnica e 77.36 per i components, -1 di deduzione) per un risultato complessivo di 222.34. "Sono davvero super felice, per la prestazione e per questa atmosfera fantastica - ha detto appena terminata la gara -. A ogni uscita riesco a fare un passetto in avanti, a aggiungere qualcosa in più, e questo mi dà fiducia e consapevolezza nel percorso di crescita che sto facendo perché ci sono margini di miglioramento e credo di poter progredire ancora". Seconda Giada Russo (Ice Club Torino), con 166.16 punti e ora certa di partecipare come seconda azzurra in gara alle prossime Olimpiadi di Pyeongchang 2018, mentre Elisabetta Leccardi (Agorà) ha completato il podio con 154.57. (ANSA).

21:28Calcio: Torino-Napoli 1-3, azzurri tornano in vetta

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Napoli sbanca l'Olimpico di Torino battendo 3-1 i granata e si riprende il primato in classifica ai danni dell'Inter, battuta in casa dall'Udinese in un altro anticipo della 17/a giornata. Una festa per gli azzurri di Sarri - reduci dalla sconfitta con la Juve, dall'eliminazione dalla Champions e dal pari con la Fiorentina - ed anche per Marek Hamsik, che realizzando la rete del 3-0 ha raggiunto il record di segnature in azzurro, 115 gol, che apparteneva finora a Diego Armando Maradona. Il Toro è stato subito messo in ginocchio da una rete di Koulibaly al 4' e ha continuato a subire la pressione del Napoli, in gol ancora al 25' con Zielinski e al 30' con lo slovacco. Nel secondo tempo, Belotti ha accorciato le distanze al 19' e i granata si sono fatti più attivi e a volte pericolosi, ma non sono più riusciti a battere Reina.

21:24Calcio:1-0 al Gremio, Real Madrid vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Real Madrid ha vinto il Mondiale per club battendo 1-0 (0-0) i brasiliani del Gremio nella finalissima giocata questa sera ad Abu Dhabi. Decisivo il gol di Cristiano Ronaldo su punizione all'8' della ripresa.

21:19Usa: Trump, con taglio tasse crescita fino al 6%

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Donald Trump ha difeso oggi il testo della riforma fiscale concordata dai repubblicani respingendo le critiche che avvantaggerà più i ricchi che la middle class. La previsione del presidente è che l'economia Usa comincerà a volare dopo l'approvazione della legge, crescendo dall'attuale 3% al "4%, 5% e forse anche 6% alla fine".

21:11Leader estrema destra a Praga,no all’Ue in Europa del futuro

(ANSA) - PRAGA, 16 DIC - I leader dei partiti populisti dell'estrema destra europea, uniti oggi a Praga per discutere del futuro dell'Europa si sono impegnati a lavorare insieme per creare un nuovo modello di cooperazione continentale distante dal modello dell'Unione europea. Rivolgendosi ai partecipanti della conferenza Marine Le Pen, alla guida del Front National francese, ha definito l'Ue "una organizzazione disastrosa" che "sta uccidendo l'Europa". Geert Wilders, fondatore del partito anti-Islam olandese per la Libertà, ha proposto che l'Europa segua l'esempio del presidente Usa Donald Trump che ha imposto un bando sull'immigrazione da alcuni Paesi a maggioranza musulmana.

21:11Inaugurato primo Gufo Bar nel Bresciano, titolari minacciati

(ANSA) - BRESCIA, 16 DIC - E' stato inaugurato a Palazzolo sull'Oglio, nel Bresciano, il primo Gufo Bar in Italia, locale che espone gufi vivi. Dopo che i proprietari avevano ricevuto minacce, anche di morte, da gruppi di animalisti, all'apertura, avvenuta nel pomeriggio, non si sono registrate tensioni nonostante la presenza di un corteo animalista composto da una ventina di persone. Alla prima mancavano però proprio i gufi. "Abbiamo temuto tensioni e quindi la scelta è stata quella di non esporre gli animali" hanno detto i titolari del bar di Palazzolo sull'Oglio. "Non rinunciamo al nostro progetto, ma vogliamo comunque verificare bene cosa dica la legge sulla presenza di animali nei locali. I nostri gufi - hanno aggiunto - sono nati, cresciuti in cattività e regolarmente registrati. Agli animalisti che minacciano di entrare nel locale per liberare i gufi diciamo che, se liberati, gli animali morirebbero".

Archivio Ultima ora