Parigi, Arafat non fu avvelenato. Vedova rais: “Sconvolta per contraddizioni”

Pubblicato il 03 dicembre 2013 da redazione

PARIGI  – ”Yasser Arafat non é morto per avvelenamento da polonio, ma per cause naturali”: dopo lunghe ricerche, gli esperti francesi rovesciano le conclusioni di un rapporto svizzero ed escludono la tesi dell’avvelenamento del leader palestinese, morto all’età di 75 anni, l’11 novembre 2004, nell’ospedale militare di Percy, vicino a Parigi.

La vedova, Suha Arafat, si dice ora ”sconvolta” per le contraddizioni tra le conclusioni elvetiche e quelle francesi sulle cause della morte del marito.

– Se sapeste quanto sono sconvolta per queste contraddizioni. Che bisogna pensare? – si é chiesta a caldo la donna, affermando peraltro di non voler accusare ”nessuno” e senza sposare nell’immediato alcuna tesi.

Il rapporto di Parigi, commissionato agli esperti dalla giustizia francese, ”scarta la tesi dell’avvelenamento e va nel senso di una morte naturale”, ha annunciato  una fonte all’agenzia France Presse. Secondo France Inter, gli esperti concludono che Arafat sia morto per ”cause naturali in seguito a un’infezione generalizzata”.

Da Ramallah, il nipote di Arafat, Nasser al-Qidwa ha espresso scetticismo.

– Fino ad ora, non ho visto questo documento – ha detto -. Ma ogni nuova informazione sulla morte di Arafat, in particolare se viene dalla Francia, dovrebbe essere coerente con il rapporto dell’ospedale del 2004.

Perplesso anche un altro responsabile palestinese che chiede l’anonimato:

– Se dicono che Arafat è morto per cause naturali, perchè non dirlo già dal 2004?

– Dobbiamo prima vedere il rapporto, poi prenderemo una decisione – ha osservato da parte sua il presidente della commissione ufficiale d’inchiesta palestinese, Tawfik Tirawi, riferendo che la sua indagine sta per concludersi.

– Vi prometto – ha spiegato a un’emittente locale – che la prossima conferenza stampa sarà l’ultima e che faremo luce sull’identità di quanti hanno eseguito, preso parte o erano a conoscenza della uccisione del rais.

Nel luglio 2012, Suha Arafat presentò una denuncia contro ignoti per omicidio dopo l’individuazione di tracce di polonio su alcuni effetti personali del marito da parte di analisti svizzeri di Losanna ai quali ella stessa si era rivolta. I giudici ordinarono allora di riesumare la salma, ciò che venne puntualmente fatto nel novembre 2012 con l’autorizzazione del presidente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) e successore di Arafat, Abu Mazen.

Tre diverse squadre di inquirenti – svizzeri, francesi e russi – hanno poi analizzato separatamente una sessantina di campioni. Ma al termine dei rispettivi approfondimenti, le conclusioni delle tre equipe risultano adesso divergenti: al contrario dei francesi, gli svizzeri hanno detto di propendere per la tesi dell’avvelenamento, dopo aver trovato quantità di polonio 20 volte superiori a quelle misurate abitualmente, ma senza spingersi a sostenere in modo categorico che la micidiale sostanza radioattiva sia stata direttamente all’origine del decesso.Quanto ai russi, infine, il tempo trascorso rende impossibile affermare che il polonio c’entri con il decesso.

Dopo la divulgazione dei primi rapporti, il presidente Abu Mazen chiese una commissione d’inchiesta internazionale.

– Israele é il primo, il principale e unico sospetto – disse a sua volta Tirawi, nel corso d’una conferenza stampa a Ramallah. Ma lo Stato ebraico, che nega da sempre ogni coinvolgimento, coglie la palla al balzo dopo i risultati francesi.

– L’expertise di Parigi non rappresenta alcuna sorpresa per noi – taglia corto per bocca del portavoce del ministero degli esteri Yigal Palmor. Lo Stato ebraico respinge i sospetti come ”accuse senza fondamento, avanzate senza la minima prova (…) Israele non ha ucciso Arafat, punto e basta”.

Il referto medico dell’ospedale di Percy Clamart, pubblicato il 14 novembre 2004, si limitò del resto a far riferimento a una grave infiammazione intestinale e a disturbi della coagulazione, senza chiarire le cause della morte del rais. E all’epoca la moglie non pretese alcuna autopsia sul corpo del marito.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora