Kerry offre un piano per la sicurezza d’Israele

Pubblicato il 04 dicembre 2013 da redazione

TEL AVIV  – A un mese dall’ultimo, tempestoso, incontro con il premier israeliano Benyamin Netanyahu causato dall’accordo con l’Iran, il segretario di stato Usa John Kerry torna nella regione nel tentativo di ridare ossigeno all’asfittico processo di pace israelo-palestinese. E lo fa portando con sè – secondo Haaretz – un Piano per garantire la sicurezza dello Stato ebraico, una volta nato quello palestinese. Kerry ha in programma colloqui sia con Netanyahu sia col presidente dell’Autorita’ nazionale palestinese (Anp) Abu Mazen, ben conscio dell’arrocco in cui entrambe le parti si sono rinserrate.

E il Piano – se accettato al tavolo negoziale – potrebbe spezzare l’impasse, vista l’importanza che Israele annette al dossier sicurezza come Netanyahu ha sempre rivendicato. La speranza americana é che possa indurre lo stesso premier – hanno anticipato le fonti al quotidiano – a presentare in cambio posizioni chiare sui confini del futuro stato palestinese. Tema, questo, giudicato nodale dall’amministrazione Obama, oltre che – ovviamente – dall’Anp. Del resto, a invocare il ruolo del segretario di stato Usa nel negoziato, ci ha pensato Saeb Erekat capo del team negoziale palestinese.

– Kerry – ha avvertito Erekat in un’intervista a Radio Palestina citata dai media israeliani – deve lavorare per salvare i colloqui, fermare il deteriorarsi dei negoziati causato dall’incessante attività israeliana per nuovi insediamenti, e i crimini commessi a sangue freddo.

Mentre lo stesso Abu Mazen, pur confermando di voler percorrere i 9 mesi previsti per i negoziati, ha di recente ammonito che in caso di scacco dei colloqui potrebbe essere automatico un ricorso palestinese alle organizzazioni internazionali. Il Piano – messo a punto dal generale John Allen, consigliere speciale di Kerry e del segretario alla difesa Chuck Hagel – prevedrebbe condizioni che vanno incontro alle richieste israeliane sulla sicurezza, nell’ambito di un accordo finale con i Palestinesi. A cominciare dalla garanzia chiesta da Israele sulla presenza di proprie forze militari lungo tutto il fiume Giordano per un periodo lungo o, ancora, dal controllo aereo dello spazio aereo sulla Cisgiordania.

Intanto ieri la stampa – non a caso nell’imminenza dell’arrivo di Kerry – ha annunciato che il ministero israeliano della difesa ha dato un assenso di principio alla realizzazione di progetti economici a favore della popolazione palestinese su 2000 ettari di terre private nelle ‘Zona C’. Ossia, quella della Cisgiordania sotto totale controllo dell’esercito israeliano. Attenuatesi, almeno a livello ufficiale, le critiche del governo Netanyahu all’intesa di Ginevra sul nucleare di Teheran sottoscritta dalle potenze del ‘5+1’ su impulso di Washington, sul tavolo provano dunque a ritrovare spazio i colloqui di pace israelo-palestinesi. Anche se appare inverosimile che a Gerusalemme, a porte chiuse, Kerry non si ritrovi a parlare ancora pure del dossier Iran.

Ultima ora

15:37Fondi Sardegna: 13 condanne e una assoluzione

(ANSA) - CAGLIARI, 20 FEB - Tredici condanne e una assoluzione: è la sentenza pronunciata dal Tribunale di Cagliari nel primo maxi processo sul presunto uso illecito dei fondi destinati ai gruppi del Consiglio regionale della Sardegna dal 2004 al 2009. Le condanne vanno dai 5 anni e sei mesi ai due anni e due mesi. Per dieci imputati scatta anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Assolto l'ex consigliere Idv Giommaria Uggias. Giuseppe Atzeri (Misto) invece è stato condannato per peculato ma assolto dall'accusa di mobbing nei confronti della funzionaria Ornella Piredda, che con le sue rivelazione aveva dato il via all'inchiesta, la prima in Italia. Tra i condannati ci sono anche tre consiglieri regionali attualmente in carica: Mario Floris (Uds), Alberto Randazzo (Fi) e Oscar Cherchi (Fi). Per questi scatterà, in base alla legge Severino, la sospensione per 18 mesi.

15:37Calcio: Dani Alves, questa Juve può giocarsi la Champions

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Abbiamo la squadra per giocarci la Champions, ma qui sono tutti superstiziosi e lo dicono a bocca stretta...". Dani Alves, in un'intervista rilasciata al sito web abc.es, svela le ambizioni europee della sua Juventus, a due giorni dalla sfida con il Porto, andata degli ottavi di finale. "Andiamo avanti passo dopo passo - aggiunge il difensore brasiliano - Prima pensiamo al Porto, poi vedremo quel che verrà". Non manca, poi, qualche stoccata alla sua ex squadra, il Barcellona. "La dirigenza del Barça è stata falsa con me - è l'accusa - Mi hanno proposto il rinnovo solo quando è scattata la sanzione Fifa che ha bloccato il mercato. Io amo essere amato: se non si verifica questo, me ne vado. Sono un vincente e anche la Juventus lo è; sono molto felice e ho dei nuovi compagni splendidi in una grande squadra".

15:20Tennis: ranking Wta, Vinci si conferma migliore azzurra

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Roberta Vinci si conferma 25/a, prima delle azzurre, nella classifica mondiale Wta aggiornata oggi. La tarantina, che sabato ha compiuto 34 anni, è stata eliminata al primo turno del torneo di Dubai, battuta ieri per 3-6, 7-5, 6-3, dalla ceca Kristyna Pliskova (sorella di Karolina). Per quanto riguarda le altre italiane, con gli scivoloni all'indietro di Sara Errani (93/a) e Francesca Schiavone (153/a), la seconda miglior piazzata è ora Camila Giorgi, 73/a. Nessuna novità, invece, nella top 10, con Serena Williams tornata al comando dopo gli Australian Open e alla 312/a settimana complessiva da numero 1. Al secondo posto c'è sempre la tedesca Angelique Kerber e al terzo, molto distanziata, la ceca Karolina Pliskova.

15:05Basket:All Star Game Nba,vince Ovest,A.Davis segna 52 punti

(ANSA) - NEW ORLEANS (USA), 20 FEB - Quello del 2017 sarà ricordato come l'All Star Game Nba del record di segnature: l'idolo di casa Anthony Davis, star dei Pelicans, ha segnato 52 punti, diventando il miglior marcatore di sempre in questa partita. Il precedente record era del grande Wilt Chamberlain con i 42 punti segnati nel match del 1962. Inutile dire che Davis è stato anche premiato come 'Mvp', miglior giocatore della sfida di ieri notte, e ha alzato il trofeo davanti ai suoi tifosi, come successe a Kobe Bryant nel 2011 a Los Angeles. In questa sfida in cui le stelle che si sono avvicendate sul parquet non hanno praticamente mai difeso, la selezione dell'Ovest ha battuto quella dell'Est per 192-182. "La prossima volta di punti ne segnerà 100 - ha scherzato Davis dopo il match -. Intanto è stato tutto assolutamente fantastico. Era proprio quello che mi ero messo in testa di fare, e i compagni sono stati straordinari e mi hanno aiutato tantissimo. Volevo il premio Mvp per i tifosi, per questa città e questa franchigia".

14:54Incendio palme: testimone, ho cercato di fermare il vandalo

(ANSA) - MILANO, 20 FEB - "Una testimone si è fatta avanti raccontando di aver visto sabato notte un giovane italiano ben vestito, con indosso un montgomery, che stava dando fuoco alle palme. Lo avrebbe rincorso e gli avrebbe chiesto conto di quanto stava facendo. La ringraziamo per il senso civico che ha dimostrato intervenendo prontamente e raccontando tutto alla Polizia locale". Lo rende noto l'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. "Stiamo analizzando anche i video forniti dai privati delle telecamere rivolte verso piazza Duomo - aggiunge il comandante della Polizia locale Antonio Barbato -, per cercare di avere una chiara immagine del volto del giovane che, dopo aver acceso il fuoco, sembra si sia diretto verso la Galleria". "Fossi in lui - conclude l'assessore - eviterei di farmi rintracciare dalla Polizia locale e mi presenterei chiedendo scusa per il danno fatto, sia reale sia di immagine alla città di Milano".

14:41Università: Bologna, protesta studenti prosegue a oltranza

(ANSA) - BOLOGNA, 20 FEB - Prosegue a Bologna la protesta di 'Quelli del 36', gli studenti guidati dal Collettivo universitario autonomo, contro lo sgombero e la chiusura della biblioteca di Discipline umanistiche. Oggi in cinquanta si sono ritrovati davanti all'ingresso della biblioteca per una pacifica dimostrazione. 'Armati' di libri, appunti e dispense (Flaubert, Gramsci, Brecht e Garcia Marquez alcuni degli autori esposti) e con lo striscione 'Vogliamo il 36 libero', hanno ribadito la loro conditio sine qua non: la riapertura della biblioteca senza tornelli. I collettivi infatti contestano la decisione dell'Università di filtrare con dei tornelli gli accessi alla biblioteca di lettere, in via Zamboni 36. Sulla questione domani si riunirà il Senato accademico: 'Quelli del '36' hanno annunciato alle 13 un presidio in attesa delle decisioni dell'organo accademico, confermando inoltre la terza assemblea degli studenti per le 19 di mercoledì. (ANSA).

14:41San Severo, ‘città in ginocchio per rapine’

(ANSA) - BARI, 20 FEB - "Le rapine mettono in ginocchio la città" di San Severo (Foggia): per questo, il sindaco, Francesco Miglio, ha scritto una lettera al Ministro dell'Interno, Marco Minniti, chiedendo l'istituzione di "un dipartimento della Dia (Direzione investigativa antimafia) nella provincia di Foggia". Nella lettera, firmata anche dall'assessore alla sicurezza, Raffaele Fanelli, il sindaco ha evidenziato "il continuo perpetrarsi di rapine ai danni di esercizi commerciali - supermercati, tabaccherie e negli ultimi giorni anche farmacie - che hanno creato uno stato di estremo disagio e grande sofferenza nella popolazione sanseverese". Secondo il sindaco, "l'insicurezza si sta diffondendo a macchia d'olio fra i cittadini con la relativa paura talora di poter svolgere i più elementari servizi necessari alla sopravvivenza".

Archivio Ultima ora