Prodi in campo: “Voto per il Pd perchè il bipolarismo è a rischio”

Pubblicato il 06 dicembre 2013 da redazione

ROMA – Matteo Renzi lancia la sfida finale per il governo e per la nuova agenda. Ma la corsa al voto per le primarie del Pd ha uno sponsor in più: Romano Prodi, dopo il gran rifiuto di inizio novembre quando annunciò di volersi tenere lontano dai gazebo, scende in capo per il Pd. Un gesto di affetto e responsabilità verso quel partito che, con i suoi 101 ‘traditori’ gli aveva voltato le spalle quando si trattò di votare il suo nome.

– Domenica voterò per le primarie – annuncia l’ex premier che precisa anche la ragione del suo ripensamento:

– Lo farò perché il bipolarismo è a rischio.

Segno che il terremoto della sentenza della Consulta rischia di avere ripercussioni dirette anche sul partito democratico.

– I rischi aperti dalla recente sentenza della Corte – afferma – mi obbligano a ripensare a decisioni prese in precedenza.

Dunque, continua, “tornerò dall’estero e mi metterò in coda con tanti altri cittadini desiderosi di cambiamento”. Perchè, aggiunge, “pur con tutti i suoi limiti, il Pd resta l’unico strumento della democrazia partecipata di cui tanto abbiamo bisogno”.

La scesa in campo di Prodi è infatti un aiuto formidabile per dare una spinta alla partecipazione al voto che resta il punto dolente di queste primarie, soprattutto per Matteo Renzi che deve confrontarsi con i 3 milioni dell’ultima chiamata alle urne per lanciare la sua sfida finale. Una sfida che combatte sempre sul terreno dell’agenda che dovrà seguire governo dal 9 dicembre. Ma anche il segretario Guglielmo Epifani saluta la decisione di Prodi come “un buon viatico” per l’affluenza.

– Il fatto che Prodi abbia cambiato idea è positivo e apprezzato dalla comunità dei democratici italiani perchè è una scelta importante che spinge al voto e sono convinto che possa far crescere la partecipazione – dice il leader del Pd.

Più difficile dire se quello di Prodi possa rappresentare un endorsement per Matteo Renzi (“penso voti o me o Civati” dice il sindaco). Il professore non indica infatti il candidato per cui intende votare e la sua ‘truppa’ in Parlamento sarebbe sostanzialmente divisa tra il sindaco di Firenze e Pippo Civati che ha fatto della battaglia contro i “101 traditori” uno dei suoi punti di forza nella campagna per le primarie.

– Penso sia un segnale forte anche per quei gufi appollaiati,che dicevano che non viene nessuno – si compiace Civati. Anche Gianni Cuperlo però saluta con rispetto il rientro in campo di uno dei padri nobili del partito.

Un vero e proprio endorsement arriva invece per Pippo Civati da parte di Stefano Rodotà che si augura di poter lavorare con lui. Civati, dal canto suo, indica Fabrizio Barca come il suo candidato premier per le elezioni che reclama, continua a professare vittoria e si tiene ben stretti i suoi voti.

– Se alle primarie del Pd non si arriva al 50% in Assemblea nazionale non voterei nessuno dei due. Sarò piccolo ma mi tutelo…

Gianni Cuperlo invece corre verso il voto all’attacco del sindaco dalla sua stessa città:

– Al Pd non serve una svolta in senso moderato e all’Italia non serve la continuità con le politiche e le ricette degli ultimi vent’anni – dice a Firenze. E motiva i suoi elettori:

– La partita è aperta. Non fatevi intimorire dai sondaggi.

Matteo Renzi cavalca invece il rientro in campo del Professore e il suo appello al cambiamento:

– Bene così, queste primarie sono diventate un referendum tra chi vuole cambiare le cose e chi vuole lasciarle come sono.

Soprattutto cerca di mettere a tacere quanti interpretano la sentenza della Corte come il de profundis dell’arma elettorale nei confronti del governo.

– Non mi interessa che le elezioni siano vicine o lontane – dice -,l’importante è che da qui alle elezioni si facciano le cose.

Nel clima di schermaglie pre-elettorali scoppia anche il caso dell’approdo in seno al Pse caldeggiato in occasione di un convegno della fondazione Feps. Beppe Fioroni, con un appello pubblico, invita i tre candidati a non favorire l’approdo nella casa del socialismo europeo perchè “snaturerebbe il Pd”.

Gli risponde Gianni Pittella:

– Fioroni si rassegni, il suo film è ai titoli di coda.

Ma il ‘popolare’ docente universitario gli risponde per le rime:

– I titoli di coda sono per chi vive di politica…

Ultima ora

21:41Egitto: firmati accordi con Russia per centrale atomica

(ANSA) - IL CAIRO, 11 DIC - Egitto e Russia hanno firmato accordi per la costruzione della prima centrale nucleare egiziana, quella progettata a Dabaa, sul Mediterraneo a ovest di Alessandria. "Firmati accordi tra l'Egitto e la Russia", ha annunciato in sovrimpressione la tv di Stato egiziana mostrando, come riferito da un telecronista, "i ministri dell'Elettricità" dei due paesi firmare documenti con, alle spalle, il presidente russo Vladimir Putin e quello egiziano Abdel Fattah Al Sisi. Che gli accordi alla firma oggi riguardassero la centrale di Dabaa era stato ampiamente anticipato dai media prevedendo ora che i suoi quattro reattori di costruzione russa dovrebbero entrare in funzione fra il 2022 e il 2026. "Dopo l'accordo di Dabaa l'Egitto otterrà la tecnologia più moderna e più sicura", ha detto Putin in un discorso tenuto dopo la firma e trasmesso in diretta tv dall'emittente di notizie Nile News.

21:41Maltempo: traghetti nord Sardegna fermi sino a domani

(ANSA) - OLBIA, 11 DIC - Collegamenti marittimi semiparalizzati nel nord Sardegna. A causa del forte vento di libeccio che soffia da questa mattina, le navi che sarebbero dovute arrivare da Genova e Civitavecchia sono rimaste ferme in porto. Il traghetto Bithia della Tirrenia stasera non ha lasciato lo scalo laziale, come previsto, ma partirà alle 8 di domani mattina per arrivare a Olbia solo alle 14. Problemi anche per la nave Tommy della Moby che non potrà rispettare la partenza da Olbia per Civitavecchia alle 22.30 ma mollerà gli ormeggi alle 4 di stanotte attendendo un miglioramento delle condizioni meteo-marine. Stesso problema per il traghetto Janas della Tirrenia in partenza da Genova per Porto Torres, che invece di partire questa sera lascerà il molo ligure domani mattina per arrivare alle 17. Tutto regolare, invece, per il traghetto Moby Aki che stasera affronterà la traversata Olbia-Livorno. "I forti ritardi nei collegamenti marittimi fra la Sardegna e la Penisola - spiega la Capitaneria di porto di Olbia - sono dovuti alle condizioni proibitive in mare aperto dove le onde sono alte sino a quattro metri e il vento è forza sette con raffiche di 33 nodi, cioè oltre 60 km orari". Il forte vento di libeccio ha creato disagi anche a terra, dove i vigili del fuoco di Sassari e Olbia hanno effettuato oltre trenta interventi per tralicci e alberi divelti. Secondo le previsioni ci sarà una attenuazione del fenomeno a partire da domani pomeriggio.(ANSA).

21:32Tav: assalto cantiere, gip convalida arresto antagonisti

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Sono stati convalidati gli arresti degli antagonisti fermati dalla Digos in Val Susa per l'assalto al cantiere della Tav nel giorno dell'Immacolata. Il gip ha disposto per Umberto Raviola e Alice Scavone, esponenti del centro sociale torinese Askatasuna di 27 e 25 anni, l'obbligo di dimora a Torino, con presentazione alla p.g. due volte la settimana; per Cesare Pisano, 25enne del centro sociale Newrotz di Pisa, è scattato l'obbligo di dimora nella provincia di Pisa, con presentazione bisettimanale. Per i tre antagonisti No Tav è scattato pur il foglio di via con divieto di rientro per tre anni nei Comuni di Chiomonte, Susa, Giaglione, Chianacco, Bussoleno e anche Torino per il solo Cerulli). Con un successivo sopralluogo della Digos nella zona del cantiere in cui i tre sono stati fermati gli investigatori hanno sequestrato una roncola, uno zaino con due bottiglie di liquido infiammabile, due torce, rotoli di carta e una batteria per il lancio multiplo di artifici pirotecnici.

21:27Aspiranti toghe ‘in minigonna’: indaga anche Procura Bari

(ANSA) - BARI, 11 DIC - La Procura di Bari ha aperto un'indagine conoscitiva sulla vicenda relativa al giudice del Consiglio di Stato Francesco Bellomo, di origini baresi, che avrebbe obbligato le allieve della sua scuola privata di formazione per magistrati "Diritto e Scienza" a presentarsi ai corsi in minigonna, tacchi a spillo e trucco marcato, pretendendo anche che non fossero sposate. Questo è quanto denuncia il padre di una studentessa: denuncia, presentata a Piacenza, che ha dato avvio fino ad oggi a un procedimento disciplinare nei confronti del consigliere e ad accertamenti sull'intera vicenda anche sul piano penale, come scritto da alcuni quotidiani. La scuola ha tre sedi in Italia, a Milano, Roma e Bari. Oggi i magistrati di via Nazariantz hanno aperto un fascicolo "modello 45", cioè senza ipotesi di reato né indagati, proprio per accertare eventuali condotte illecite commesse anche nel capoluogo pugliese.

21:18Aeroporti: Galletti firma Via ampliamento Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - "Il ministro Galletti mi ha appena informato di aver firmato il decreto Via" sul progetto di ampliamento dell'aeroporto di Firenze. Lo dice su twitter il sindaco del capoluogo toscano Dario Nardella."Ora manca - aggiunge Nardella - solo la seconda firma di Dario Franceschini. Un'altra buona notizia. Avanti così per lavoro e sviluppo di città e regione".

21:15Rifiuti:Toscana,ok intesa Lazio ma per 6 mesi e 20.000 tonn.

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - La Giunta regionale della Toscana ha deliberato l'accordo con la Regione Lazio per lo smaltimento di un quantitativo complessivo di 20mila tonnellate di rifiuti che avrà validità di soli 6 mesi. Lo rende noto la stessa Regione Toscana. "Abbiamo ritenuto di accogliere la richiesta della Regione Lazio e del Comune di Roma - ha commentato l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni -, pur per un quantitativo minimo, in un'ottica di solidarietà istituzionale".

20:47Calcio: Corte Figc, legittima proroga commissariamento Lega

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' "legittimo e valido" il provvedimento di proroga al commissariamento della Lega Serie preso dal Consiglio Federale della Figc. E' questo - fa sapere la Figc - il parere espresso dalla Corte d'Appello Federale a seguito della richiesta in merito formulata dal presidente federale, Carlo Tavecchio. La Corte ha inoltre ritenuto che "la disposta proroga dei poteri, fino al 29 gennaio 2018, del Commissario straordinario della Lega di Serie A - si legge nel dispositivo - non configuri, neppure astrattamente, una ipotesi di 'impossibilità di funzionamento' istituzionale, come richiesta dallo Statuto Coni, a condizione affinché possa procedersi alla nomina di un Commissario straordinario della Figc".

Archivio Ultima ora