Mondiale caldo per gli azzurri con Inghilterra ed Uruguay

Pubblicato il 06 dicembre 2013 da redazione

ROMA – I brasiliani lo avevano previsto: ci sarà un girone con tre nazionali campioni del mondo. E’ puntualmente successo, ed è toccato all’Italia. Il girone ‘caldo’ – anche per il clima – ai prossimi Mondiali è quello degli azzurri, finiti nel gruppo D assieme alla Celeste uruguayana, il cui fantasma ancora si aggira dalle parti del Maracanà, e all’Inghilterra di Roy Hodgson. Quarta invitata, Costa Rica.

In sede di commento il ct Prandelli lo ha definito “il più difficile” ed è dura dargli torto: non a caso i siti brasiliani già parlano di ‘gruppo della morte’. Sorride la Francia, finita in un girone morbido, e sorride anche il Brasile.

La Spagna se la vede subito con l’Olanda. Il gruppo G è quello più equilibrato con Germania, Ghana, Usa e Portogallo. Ma al Mondiale del caldo e delle distanze non conta solo la forza dell’avversario. Più che dal punto di vista tecnico, agli azzurri è andata male dal punto di vista ambientale: giocheranno la prima in Amazzonia, a Manaus (di sera per evitare l’umidità sofocante del giorno) contro gli inglesi; poi nel nord-est brasiliano, a Recife e Natal contro Costa Rica e Uruguay, con due partite in programma alle 13 locali, quando caldo e umidità sono allo zenit. Proprio ciò che Prandelli avrebbe voluto evitare. E di premonizione sa la proposta lanciata nei giorni scorsi dal ct azzurro dei time-out, e ora diventa decisivo il fattore condizione fisica.

Ogni volta spostarsi dal ritiro di Mangaratiba, località della Costa Verde carioca, non sarà agevole; Manaus, dove gli azzurri esordiranno contro gli inglesi, dista da Rio 2.850 chilometri e ci vuole quindi un volo di 3 ore e mezza. Quanto al resto del sorteggio, è andata bene (come previsto) al Brasile, squadra di casa condannata a vincere, che esordirà con la Croazia e poi se la vedrà con Messico e Camerun. E’ fin troppo facile prevedere che la Seleçao passerà il turno come vincitrice del girone, e quindi dovrebbe avere la strada spianata verso la finale del Maracanà, con l’ottavo di finale a Belo Horizonte, il quarto a Fortaleza e la semifinale di nuovo a Belo Horizonte. Quindi un cammino, a parte la trasferta a Fortaleza, agevole anche dal punto di vista degli spostamenti.

Nel gruppo B grande sfida tra le due finaliste del Mondiale sudafricano, Spagna e Olanda, che si ritroveranno il 13 giugno a Salvador nel nome di Nelson Mandela, che con la sua apparizione pre-match quasi diede una benedizione a quella partita. Dovrebbero passare il turno a braccetto, nonostante i progressi del Cile e anche degli australiani. Tour del nord-est brasiliano per la Germania, che giocherà a Salvador, Fortaleza e Recife, e dovrebbe quindi scegliere il proprio ritiro nel paradiso tropicale di Porto Seguro, località a lungo ‘ispezionata’ dal ct Loew e dal manager Bierhoff.

E’ andata bene alla Francia, visto il livello non eccelso del gruppo E, mentre nel C il Giappone di Zaccheroni può sognare il passaggio del turno a spese di Costa d’Avorio o Grecia. La Russia di Capello (e del suo assistente Panucci) giocherà nel girone H, e dovrà vedersela con il Belgio atteso come squadra-rivelazione e con algerini e coreani. Non qualificarsi sarebbe una sorpresa.

L’Argentina ritrova un suo rivale storico (Olimpiadi comprese) come la Nigeria, e non dovrebbe avere problemi neppure con Bosnia e Iran. I ‘persiani’ sono stati accontentati, visto che volevano sfidare Messi. Intanto, i siti brasiliani già stilano la classifica dei chilometri percorsi: nella prima fase la squadra che percorrerà più chilometri a causa degli spostamenti saranno gli Usa con 5.598, quella che ne farà meno sarà il Belgio, con soltanto 696 grazie alla posizione ‘H1’ regalatagli dal sorteggio: giocherà a Belo Horizonte, Rio e San Paolo. L’Italia è a metà classifica con 3.086. Ma attenzione: la misura è calcolata sulle distanze tra le città sedi delle partite, non da Mangaratiba. Se il ritiro resta quello a cento chilometri da Rio, in tutto gli azzurri per tre partite dovranno percorrere 15.400 chilometri tra andata e ritorno.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora