Sciopero forconi: Italia a ferro e fuoco

Pubblicato il 10 dicembre 2013 da redazione

TORINO  – Guerriglia urbana a Torino in nome del cosiddetto Movimento dei Forconi. Mentre nelle altre città d’Italia i presidi e le manifestazioni si sono svolte in modo relativamente pacifico, a Torino la protesta è degenerata in violenza: scontri nella centralissima piazza Castello, davanti alla sede della Regione Piemonte, momenti di tensione davanti al Comune.

Contro i palazzi della politica sono volati non solo gli slogan “ladri, ladri”, ma anche bombe-carta, sassi, bottiglie, mentre le forze dell’ordine, in tenuta antisommossa e con maschere antigas, sono state costrette a lanciare lacrimogeni per disperdere la folla. Malmenato un fotografo, assaltate postazioni Rai e Sky, tensione davanti alle sedi di Equitalia e Inps. Ma, alla fine, anche applausi per gli agenti che si sono tolti i caschi.  Si è conclusa così a Torino la protesta organizzata in tutta Italia dal Movimento 9 ottobre, che si è formalmente dissociato dagli episodi di violenza.

Ieri in mattinata i manifestanti avevano bloccato le vie d’accesso alla città ed erano arrivati a occupare i binari delle stazioni di Porta Nuova e Porta Susa. Poi si sono mossi verso piazza Castello e qui la protesta è degenerata: ai manifestanti “regolari” si sono uniti gruppi di ultras di tifosi (riconoscibili i simboli del gruppo bianconero dei ‘Drughi’) e di estrema destra, ed è stata guerriglia per oltre un’ora; cassonetti e auto danneggiate, fumogeni, mattoni e bombe-carta contro la Regione, forze dell’ordine costrette a indossare maschere antigas e a lanciare lacrimogeni.

In più di un’occasione i commercianti che non avevano aderito alla protesta, rifiutandosi di chiudere i loro esercizi, sono stati costretti a farlo. Come per esempio lo storico caffè Caval ‘D Brons della centrale Piazza San Carlo, uno dei locali più simbolici di Torino. Manifestanti del Movimento sono entrati nel locale, affollato di clienti, e hanno minacciato i presenti, prendendo a calci le vetrine e costringendo il titolare ad abbassare la serranda. Come avvenuto con altri negozi.

– Il nostro è un movimento pacifico, siamo contrari a ogni violenza e applaudiamo per quanto fa la polizia – si è sforzato di ripetere da un altoparlante uno dei responsabili del movimento.

Ma ormai la scintilla era partita e piazza Castello si era già trasformata in un campo di battaglia. Il bilancio a fine giornata sarà di quattordici feriti tra le forze dell’ordine, decine di vetrine danneggiate, un fotografo che collabora con l’Ansa malmenato e derubato della sua macchina fotografica e un manifestante fermato.

La Procura aprirà un fascicolo su quanto avvenuto a Torino, con quattordici feriti.

– Sono preoccupato, perché Torino e i torinesi non sono stati rispettati – ha commentato il sindaco, Piero Fassino -. Manifestare è legittimo, ma non si può sconvolgere la vita della città e la normalità di chi la abita.

Analogo il commento del presidente del Piemonte, Roberto Cota.

– E’ legittimo manifestare – ha detto -, non lo sono gli atti di violenza.

Proteste a macchia d’olio anche in altre città d’Italia, da Napoli a Genova (dove sono state bloccate la stazione di Brignole e la soprelevata), ma senza degenerare negli scontri di Torino.

– Quanto sta avvenendo su scala nazionale fa capire che il Paese corre il rischio di scivolare lungo un crinale pericoloso – ha commentato il Garante degli scioperi, Roberto Alesse -. Per quanto di nostra competenza, il principio che sarà applicato è quello della ‘tolleranza zero’.

Ultima ora

21:04Calcio: Genoa, Pandev, contro Roma occasione per fare punti

(ANSA) - GENOVA, 23 NOV - "Quest'anno in casa non abbiamo ancora vinto, domenica avremo una bella occasione". Goran Pandev è fiducioso in vista della prossima sfida del Genoa. Nonostante il valore dell'avversario, la Roma, l'attaccante macedone è convinto che questo Genoa possa fare punti. "Sarà una partita difficile, ma dobbiamo fare punti in casa. Un tempo giocare davanti al nostro pubblico era la nostra forza e deve ritornare a esserlo. La Roma è una grande squadra, ma ci stiamo preparando e allenando bene". L'arrivo di Ballardini sembra aver dato la scossa tanto attesa. "L'allenatore ci dà tranquillità e ci fa sentire tutti importanti - ha aggiunto Pandev -, ora dipende tutto da noi. Il nostro rapporto? Quando è arrivato alla Lazio io già non mi allenavo più con il gruppo. Qui ci siamo parlati e ora lavoriamo per il bene del Genoa". Sulla stessa linea anche Ervin Zukanovic. "Ballardini è entrato nelle nostre teste - ha detto il difensore - ed è cambiato qualche cosa, ora siamo più solidi. La Roma? E' forte, ma ci serve vittoria".

21:03Stadio Roma: verso ok con prescrizioni

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Si terrà domani l'ultima riunione della conferenza dei servizi sullo stadio della Roma. I pareri delle istituzioni coinvolte giunti alla Regione Lazio, a quanto si apprende, delineano uno ok all'impianto a Tor di Valle con prescrizioni. La riunione di domani si preannuncia articolata in quanto dovrà dirimere le eventuali contraddizioni tra le diverse prescrizioni arrivando ad una quadra unitaria. E' possibile infatti che la riunione non termini domani ma prosegua in altra giornata. Dopo il parere favorevole annunciato ieri dal Comune, anche la Città Metropolitana fa sapere che domani consegnerà in "un parere unico di assenso". I tecnici della ex Provincia hanno espresso "pareri con prescrizioni e condizioni che gli stessi dipartimenti e servizi ritengono tecnicamente superabili, il che ha consentito l'espressione di un parere unico di assenso", spiega la Città Metropolitana.

20:57Figc: Cairo, il calcio italiano va rifondato velocemente

(ANSA) - TORINO, 23 NOV - "Il calcio va rifondato velocemente". Lo ribadisce il presidente del Torino, Urbano Cairo, a margine della presentazione del Corriere Torino, il nuovo dorso torinese del Corriere della Sera, in edicola da domani. "Fare previsioni è molto difficile - aggiunge il patron dei granata -. Intanto, vediamo come va l'assemblea in Lega calcio e se riusciamo a eleggere i nostri organi di governo. Da lì tutto conseguirà. Tavecchio ha dato le dimissioni e credo ci siano 90 giorni di tempo per convocare l'assemblea, per cui vedremo come evolveranno le cose".

20:56Azzurri: l’auspicio di Tronchetti Provera

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Mi auguro che la Nazionale azzurra riprenda un cammino che le permetta di essere competitiva come meritano tutti i tifosi italiani". E' l'auspicio per il futuro del calcio italiano fatto da Marco Tronchetti Provera, ad Pirelli, intervenuto sul tema a margine della premiazione per gli Oscar di bilancio 2017, in programma a Milano.

20:52Corea Nord:’16 obiettivi nel mirino, da Casa Bianca a Tokyo’

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Se la Corea del Nord decidesse di lanciare un attacco nucleare preventivo, avrebbe almeno 16 obiettivi da colpire. Lo stima uno studio del think-tank European Council on Foreigni Relations (Ecfr) basato su materiale e fonti nordcoreane. In cima all'elenco le "maggiori città statunitensi", "Manhattan, la Casa Bianca e il Pentagono", i maggiori centri della Corea del Sud e quelli del Giappone -incluse Tokyo e Seul - le basi americane nel Pacifico, così come le portaerei a capacità nucleare. Lo studio avverte tuttavia che, secondo le fonti nordcoreane, l'approccio di Pyongyang al nucleare è parte di una strategia "difensiva" e non "offensiva".

20:36Calcio: Ranieri, lite a distanza con Domenech

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Con Raymond Domenech la polemica è sempre dietro l'angolo. Stavolta la lite a distanza è con Claudio Ranieri, al quale l'ex ct francese ha dedicato un tweet velenoso, dopo averlo in passato osteggiato, ritenendolo troppo anziano per guidare una squadra della Ligue 1: "Alla fine la strategia del doppio pullman Mercedes non ha fatto meglio delle piccole 2 cv", con tanto di faccina sorridente e risultato (4-1, riferito alla sconfitta del Nantes del tecnico romano contro il PSG). "Le critiche le accetto, perché aiutano a crescere, ma dipende anche da chi le fa - ha replicato Ranieri - Non accetto, però, l'ironia dal capo della nostra categoria. Non c'è etica nel suo comportamento. Domenech magari lo ascolto, se c'è da parlare di pullman. Oppure di teatro. Ma non certo quando si parla di calcio. In realtà, ne ho già parlato troppo. Io sulla panchina dell'Italia? Penso che prenderanno qualcun altro. Sto bene qui e penso solo al Nantes".

20:32Tumori inesistenti: Ordine medici apre indagine interna

(ANSA) - NUORO, 23 NOV - L'Ordine dei medici Nuoro-Ogliastra apre un'indagine interna sui fatti che riguardano la dottoressa di Tertenia Alba Veronica Puddu, di 48 anni, dopo la bufera mediatica scatenata dalla trasmissione Tv Le Iene, in onda domenica scorsa: la professionista avrebbe curato "tumori inesistenti" e altre patologie, nel suo studio di medicina estetica, con gli ultrasuoni. Alcuni pazienti sarebbero morti, mentre un pensionato avrebbe perso una gamba. "Prima di decidere su eventuali provvedimenti disciplinari - spiega all'ANSA la presidente dell'Ordine Maria Giobbe, che ieri sera ha convocato il direttivo - abbiamo deciso di approfondire la questione che non può essere liquidata in due ore di riunione. Abbiamo già chiesto a Mediaset di poter acquisire il filmato integrale della trasmissione. Inoltre vorremmo sentire sia i pazienti sottoposti a queste cure sia la stessa dottoressa". Alba Veronica Puddu ha già dato la sua versione e si è difesa: "Non ho mai diagnosticato tumori all'inviato delle Iene e non ho dato assenso alla pubblicazione del filmato, che è stato manipolato - ha raccontato ieri all'ANSA -. Ho dato mandato al mio legale per tutelarmi nelle sedi opportune". L'Ordine dei medici era già a conoscenza di alcune delle cure prescritte dalla dottoressa Puddu. "Le prime segnalazioni erano arrivate nel 2015 - ricostruisce la presidente -. Ciò che era arrivato alla nostra attenzione in quell'occasione non riguardava tumori o patologie gravi, ma cose di minor peso. Per questo motivo l'Ordine non ha dato corso a provvedimenti. Per contro i fatti più gravi li stiamo apprendendo in questi giorni dalla stampa, non dai pazienti e familiari interessati. Per questo è d'obbligo da parte nostra un serio approfondimento". (ANSA).

Archivio Ultima ora