Sciopero forconi: Italia a ferro e fuoco

Pubblicato il 10 dicembre 2013 da redazione

TORINO  – Guerriglia urbana a Torino in nome del cosiddetto Movimento dei Forconi. Mentre nelle altre città d’Italia i presidi e le manifestazioni si sono svolte in modo relativamente pacifico, a Torino la protesta è degenerata in violenza: scontri nella centralissima piazza Castello, davanti alla sede della Regione Piemonte, momenti di tensione davanti al Comune.

Contro i palazzi della politica sono volati non solo gli slogan “ladri, ladri”, ma anche bombe-carta, sassi, bottiglie, mentre le forze dell’ordine, in tenuta antisommossa e con maschere antigas, sono state costrette a lanciare lacrimogeni per disperdere la folla. Malmenato un fotografo, assaltate postazioni Rai e Sky, tensione davanti alle sedi di Equitalia e Inps. Ma, alla fine, anche applausi per gli agenti che si sono tolti i caschi.  Si è conclusa così a Torino la protesta organizzata in tutta Italia dal Movimento 9 ottobre, che si è formalmente dissociato dagli episodi di violenza.

Ieri in mattinata i manifestanti avevano bloccato le vie d’accesso alla città ed erano arrivati a occupare i binari delle stazioni di Porta Nuova e Porta Susa. Poi si sono mossi verso piazza Castello e qui la protesta è degenerata: ai manifestanti “regolari” si sono uniti gruppi di ultras di tifosi (riconoscibili i simboli del gruppo bianconero dei ‘Drughi’) e di estrema destra, ed è stata guerriglia per oltre un’ora; cassonetti e auto danneggiate, fumogeni, mattoni e bombe-carta contro la Regione, forze dell’ordine costrette a indossare maschere antigas e a lanciare lacrimogeni.

In più di un’occasione i commercianti che non avevano aderito alla protesta, rifiutandosi di chiudere i loro esercizi, sono stati costretti a farlo. Come per esempio lo storico caffè Caval ‘D Brons della centrale Piazza San Carlo, uno dei locali più simbolici di Torino. Manifestanti del Movimento sono entrati nel locale, affollato di clienti, e hanno minacciato i presenti, prendendo a calci le vetrine e costringendo il titolare ad abbassare la serranda. Come avvenuto con altri negozi.

– Il nostro è un movimento pacifico, siamo contrari a ogni violenza e applaudiamo per quanto fa la polizia – si è sforzato di ripetere da un altoparlante uno dei responsabili del movimento.

Ma ormai la scintilla era partita e piazza Castello si era già trasformata in un campo di battaglia. Il bilancio a fine giornata sarà di quattordici feriti tra le forze dell’ordine, decine di vetrine danneggiate, un fotografo che collabora con l’Ansa malmenato e derubato della sua macchina fotografica e un manifestante fermato.

La Procura aprirà un fascicolo su quanto avvenuto a Torino, con quattordici feriti.

– Sono preoccupato, perché Torino e i torinesi non sono stati rispettati – ha commentato il sindaco, Piero Fassino -. Manifestare è legittimo, ma non si può sconvolgere la vita della città e la normalità di chi la abita.

Analogo il commento del presidente del Piemonte, Roberto Cota.

– E’ legittimo manifestare – ha detto -, non lo sono gli atti di violenza.

Proteste a macchia d’olio anche in altre città d’Italia, da Napoli a Genova (dove sono state bloccate la stazione di Brignole e la soprelevata), ma senza degenerare negli scontri di Torino.

– Quanto sta avvenendo su scala nazionale fa capire che il Paese corre il rischio di scivolare lungo un crinale pericoloso – ha commentato il Garante degli scioperi, Roberto Alesse -. Per quanto di nostra competenza, il principio che sarà applicato è quello della ‘tolleranza zero’.

Ultima ora

01:25Calcio: Sousa chiede scusa, ‘sono io maggior responsabile’

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - "Chiedo scusa a nome di tutto il grippo alla città e ai tifosi, noi lavoriamo non per dare tristezza ma gioia, Adesso siamo tutti tristi. Come dividere le responsabilità? Io sono il leader di questo gruppo quindi sono il maggior responsabile. Questa è una delle giornate più difficili da quando alleno. Esonero? Quando fai questo mestiere devi accettare ogni decisione della società". In conferenza stampa dopo il crollo contro il Borussia, l'allenatore della Fiorentina Paulo Sousa ribadisce la propria delusione e cerca di attenuare la rabbia dei tifosi, oltre che le colpe dei giocatori: "il responsabile sono io", ripete.

01:21Calcio: Corvino, esonero Sousa non è nei piani Fiorentina

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Sousa rischia? A quest'ora, è quasi mezzanotte, non credo che sia nella mente nostra una considerazione del genere". Lo dice il d.g. della Fiorentina Pantaleo Corvino. E la contestazione del dopo Borussia? "I tifosi e i nostri ragazzi sono amareggiati perché non si aspettavano di uscire da questa coppa con gol tutti da calcio da fermo - risponde Corvino -. La contestazione? Capisco la loro amarezza, sono amareggiati come noi, ma la squadra ce la stava mettendo tutta. È impensabile che dopo un primo tempo come quello di oggi poi esci dalla competizione. Il finale di stagione? I nostri tifosi hanno ottenuto tanto da questo gruppo, questa contestazione è figlia della delusione".

01:18Basket: Eurolega, EA7 Milano-Barcellona 78-83

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 23 FEB - Non bastano le endorfine rilasciate quattro giorni fa con la vittoria della Coppa Italia, il sistema nervoso dell'EA7 Milano va ancora una volta in corto circuito in Eurolega: due settimane fa ad Istanbul aveva gettato al vento la bellezza di 19 punti di vantaggio e con esso le residue possibilità di qualificarsi, questa sera contro il Barcellona ne dilapida 15 prima di inchinarsi 83-78. Roba da studiare sui libri di psichiatria. Una fragilità emotiva che non riesce a spiegarsi nemmeno coach Repesa: "Dovevamo chiuderla ed invece siamo andati giù con un black out molto pesante". Milano sul 45-30 al 17' è in pieno controllo contro una squadra senza motivazioni e ridotta all'osso dagli infortuni: ma l'Olimpia spegne cuore e cervello, subendo un clamoroso parziale di 39-10 che lascia attonito anche Giorgio Armani in parterre. A fare la differenza l'impatto di Tomic sulla gara: domina il solito drammatico Raduljica e fa il vuoto sotto canestro (19 punti e 9 rimbalzi). Un copione già visto.

00:30Calcio: Europa League, Fiorentina eliminata

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - Incredibile eliminazione della Fiorentina dall'Europa League: i viola si fanno battere 4-2 in casa dal Borussia Moenchengladbach che ribalta lo 0-1 della partita d'andata e accede cosi agli ottavi di finale. I tedeschi colpiscono un palo con Vestergaard al 7' ma al 15' la Fiorentina passa in vantaggio: Bernardeschi recupera palla a metà campo e poi serve Kalinic che batte il portiere Sommer. Il 2-0 arriva al 28' grazie ad un errore di Vestergaard che liscia il pallone nel tentativo di rinviare, facilitando l'intervento di Borja Valero che batte Sommer senza difficoltà. Al 43' inizia la rimonta del Borussia che accorcia le distanze con un rigore di Stindl. Nel primo quarto d'ora della ripresa la Fiorentina sbanda e i tedeschi bussano altre tre volte, due con Stindl - alla fine tripletta per lui - e una con Christensen. Al 67' Ilicic, appena entrato, coglie la traversa su calcio di punizione. Ma e' l'ultimo sussulto, la Fiorentina è fuori.

00:15Brexit: premier evoca referendum unificazione Irlanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Il premier irlandese Enda Kenny ha evocato oggi da Bruxelles, seppure in forma ipotetica, un possibile referendum per l'unificazione dell'Irlanda e per l'adesione alla Repubblica di Dublino dell'Irlanda del Nord ora sotto sovranità britannica. Kenny, che ha citato l'esempio del Muro di Berlino, ha ricordato come l'accordo di pace del Venerdì Santo "garantisca questa opportunità" a patto che la maggioranza della popolazione dell'Ulster lo chieda e che l'accordo resta valido - per l'Ue e per il mondo - anche dopo la Brexit. Nel caso di "una situazione come quella emersa quando il muro di Berlino fu buttato giù e la Germania Est fu in grado di unirsi alla Germania Ovest", l'epilogo potrebbe essere "senza distinzioni" anche in Irlanda, ha insistito Kenny, parlando al fianco del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, e dicendosi convinto che "l'accordo del Venerdì Santo debba essere incorporato" in un futuro "accordo sulla Brexit" fra Bruxelles e Londra a titolo di garanzia.

23:37Calcio: Spalletti, Pallotta? Ci sta che vada via +

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Le parole di Pallotta sui problemi legati alla realizzazione dello stadio a Tor di Valle? E' uno che viene a investire da un altro paese, a migliorarlo, a creare presupposti di crescita. Secondo me c'è anche da aspettarsi che prenda e che vada via. Poi ci si accorgerà dopo di quello che abbiamo perso". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della sfida di Europa League persa dai giallorossi col Villarreal.

23:32Calcio: Leicester, Ranieri? Scelta dolorosa

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - Nell'annunciare l'esonero di Claudio Ranieri, il Leicester ricorda l'impresa compiuta nella passata stagione con il trionfo in Premier League sottolineando che di quel successo il tecnico romano è stato il grande protagonista. "Tuttavia - fa sapere il club - i risultati nell'attuale campionato mettono a rischio la squadra e il club a malincuore ritiene che un cambio della guida, seppure doloroso, è necessario per il bene del club". "E' stata la decisione più difficile che abbiamo dovuto prendere - le parole del vicepresidente Aiyawatt Srivaddhanaprabha -. Ma noi abbiamo il dovere di mettere davanti a tutto gli interessi a lungo termine della società, i sentimenti vanno messi da parte. Saremo sempre grati a lui per quello che ci ha fatto raggiungere". "Mi dispiace, in questo sport si vede che non c'è nemmeno un po' di riconoscenza", ha commentato il tecnico della Roma Luciano Spalletti dopo aver saputo dell'allontanamento di Ranieri.

Archivio Ultima ora