Obama-Castro, storica stretta di mano in nome Mandela

Pubblicato il 10 dicembre 2013 da redazione

NEW YORK – ”Noi tendiamo la mano a tutti coloro che la tendono aperta verso di noi sciogliendo il pugno”. Barack Obama lo aveva promesso nel discorso del suo insediamento alla Casa Bianca, nel gennaio 2009. E nel giorno in cui a Johannesburg si celebra la grandezza di Nelson Mandela e il suo messaggio di riconciliazione, il presidente americano la sua mano l’ha tesa anche al leader di Cuba, Raul Castro.

Lo spirito di Madiba non poteva essere onorato in miglior modo. Il gesto è forte. Si tratta di una stretta di mano memorabile, la prima tra un presidente Usa e uno cubano da oltre mezzo secolo, da quando nel 1961 le relazioni diplomatiche tra i due Paesi si sono ufficialmente interrotte. Certo, è presto per parlare di disgelo, di svolta. Ma si tratta davvero di uno di quei gesti che potrebbero cambiare la storia, e spazzare via le ultime vestigia dell’epoca della Guerra Fredda. Come testimoniano le reazioni da L’Avana, che parlano di un segnale di speranza. La speranza – si legge su un sito governativo – che sia l’inizio della fine di un’era, ”quella delle aggressioni degli Stati Uniti contro Cuba”.

Il colpo di teatro, che sui media mondiali in parte ruba la scena alle solenni celebrazioni per la morte di Mandela, avviene nei pressi del palco in cui leader e star mondiali si alternano per ricordare Madiba.

“Nulla di programmato”, giura la Casa Bianca.

Obama sta per salire sul palco, pronto a pronunciare il suo discorso davanti alla folla che gremisce lo stadio, e lì incrocia Castro e allunga senza esitazioni la mano. La stretta, destinata forse a entrare nei libri di storia, è calorosa. Il leader cubano ricambia con altrettanta determinazione, accennando a un sorriso. Tra i due anche uno scambio brevissimo di battute. E mentre Obama passa a salutare la presidente brasiliana Dilma Roussef, le immagini tv ci consegnano un Castro visibilmente soddisfatto dell’incontro ravvicinato e senza precedenti.

Obama però, nell’intervento seguito da oltre 90 capi di Stato e di governo, non ha fatto sconti a quelli che ha definito ”i troppi leader che nel mondo si dicono solidali con la lotta di Mandela per la liberta’, ma poi non tollerano il dissenso dal proprio popolo”. Anche per questo gli Stati Uniti dal 1962 mantengono l’embargo economico nei confronti dell’isola caraibica. Senza contare che Cuba, al pari dell’Iran, della Siria o del Sudan, è nella lista nera dei Paesi che per il Dipartimento di Stato americano sostengono il terrorismo.

Il presidente Usa tira comunque dritto con quella che oramai si può davvero definire ”la diplomazia delle strette di mano”. Una strategia portata avanti nonostante le critiche dei detrattori, che accusano il presidente di essere troppo accondiscendente verso i ‘nemici’ storici degli Stati Uniti. Così come quando compì lo stesso gesto con l’ex presidente venezuelano Hugo Chavez, oppure con il rais libico Muhammar Gheddafi al G8 dell’Aquila. Senza dimenticare la svolta con l’Iran grazie ai gesti distensivi col neo presidente iraniano Hassan Rohani.

Da quando è arrivato alla Casa Bianca il presidente Usa non fa altro che predicare la ricerca del dialogo con tutti. E il tentativo di ‘scongelare’ anche le relazioni con Cuba è da sempre una delle priorità nella sua agenda di politica estera. Una priorità ribadita lo scorso novembre a Miami parlando a una folla di cubani anticastristi, non sempre teneri con lui. Come non è tenero il senatore repubblicano di origine cubana Marco Rubio, che stigmatizza duramente il gesto di Obama, accusando il presidente di tendere la mano a un regime totalitario.

 

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora