Letta: “Mandela ha lottato e unito, un esempio per l’Ue”

Pubblicato il 10 dicembre 2013 da redazione

JOHANNESBURG  – E’ un’impressione che da qui oggi rimando a casa in Europa – commenta -. Una impressione sulla quale dobbiamo assolutamente riflettere.

Sono dure come macigni le parole pronunciate dal presidente del Consiglio Enrico Letta al suo arrivo allo stadio di Johannesburg, dove insieme con la presidente della Camera Laura Boldrini ha rappresentato l’Italia alla cerimonia di commemorazione di Nelson Mandela, insieme con una novantina di altri leader mondiali, tra cui il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, quello francese Francois Hollande e il premier britannico David Cameron per citarne solo alcuni.

Le parole del premier sono chiarissime, come sono chiarissimi anche i suoi riferimenti, anche se non cita nessuno. In Europa, infatti, si continua a litigare, sia sul modello futuro dell’Unione, sia sulle politiche da seguire, più o meno rigorose o di rilancio della crescita, da mettere in atto per uscire dalla crisi.

C’è poi il caso della Gran Bretagna, tentata di uscire dall’Ue, ma che nel timore di una perdita dell’importanza della piazza finanziaria londinese ha preferito fino ad oggi premere per un’Unione sempre più diluita e sempre più allargata, interessandosi soprattutto al libero scambio ma poco all’integrazione. E, soprattutto, a pochi mesi dalle Europee del 2014 c’è il timore di una ondata di euro scetticismo che possa spazzare in un attimo anni di pace e di costruzione europee, riportandoci ai pericolosi nazionalismi.

Un discorso che vale in particolare per l’Italia, dove partiti come il Movimento 5 Stelle e la Lega, ma anche una frangia consistente di Forza Italia, sono sempre più euroscettici. I pentastellati premono per un referendum sull’Euro, mentre parte della Lega e di Fi vorrebbero addirittura che l’Italia rinunciasse alla moneta unica, per porre un termine a quello che volentieri definiscono i diktat inaccettabili della cancelliera tedesca Angela Merkel.

Perche l’esempio di Mandela, a questo punto ci si chiederà. Per una ragione semplicissima spiega il presidente del Consiglio, da sempre un convinto europeista: Mandela è un uomo che ”ha lottato ed unito”. Come avevano fatto in un certo senso prima di lui anche i padri dell’Europa unita Robert Schumann e Konrad Adenauer, decidendo che l’unica maniera di porre un termine alla guerra secolare tra Francia e Germania era di unirsi e lavorare insieme invece di combattersi.

Letta ci teneva particolarmente a venire a Johannesburg (poche ore di permanenza, ma ben due notti di viaggio in tutto).

– Era un dovere morale essere presente – ha spiegato il premier incontrando i giornalisti a margine della cerimonia -. E, soprattutto, l’Italia ha voluto far sapere al Sudafrica che gli rimarrà accanto nel suo sforzo per l’eguaglianza.

Anche la presidente Boldrini ha tenuto a rendere un omaggio sentito a Mandela, la prova che occuparsi di diritti umani è assolutamente primordiale e dà risultati concreti.

– Mandela – spiega -è un uomo che significa tantissimo per tutti gli oppressi, che non è caduto nella trappola della vendetta. Il mondo rende omaggio oggi all’importanza di Madiba – ha detto Boldrini – e venire qui significa capire che cosa significa lottare per i propri diritti.

Secondo la presidente della Camera ”chi dice che occuparsi dei diritti umani è una cosa vuota doveva venire qui oggi. E il mondo che si raccoglie intorno a Nelson Mandela è un segnale positivo per tutti. Per me che ho lavorato per 25 anni nel settore umanitario, vuol dire tantissimo”.

 

Ultima ora

14:58Calcio: Wenger, City? ha idee e petrolio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Le 15 vittorie di fila del Manchester City hanno cancellato uno dei tanti record dell'Arsenal degli 'invincibili' della stagione 2003-2004 e il tecnico di allora, che ancora oggi siede sulla panchina dei Gunners, Arsene Wenger rende merito alla squadra di Guardiola anche se, puntualizza, "Noi a quel tempo avevamo idee, ma non avevamo petrolio e idee, il che li rende ancora più efficienti". In quella stagione 2003-2004, l'Arsenal riuscì a rimanere imbattuta, con 26 vittorie e 12 pareggi, mentre Guardiola ha per il momento 16 vittorie e un pareggio.

14:56Preso Igor, condoglianze premier a Rajoy per agenti uccisi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Fatto le mie condoglianze a Mariano Rajoy per i due agenti e per il cittadino spagnolo uccisi stanotte nel corso dell'arresto del criminale Igor. Il mio pensiero va alle vittime di Budrio e alle loro famiglie". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni dopo l'arresto in Spagna del killer di Budrio.

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

Archivio Ultima ora