Letta: prova di fiducia, sorprese sul versante economia

Pubblicato il 10 dicembre 2013 da redazione

ROMA – Il 2014 deve essere l’anno della svolta sia per le riforme istituzionali che per l’economia. In estrema sintesi sarà questo il cuore dell’intervento che Enrico Letta pronuncerà in Parlamento per ottenere quel voto di fiducia concordato con il capo dello Stato dopo l’uscita di Forza Italia dalla maggioranza. Un intervento in cui, assicura chi ha potuto parlare con lui, non mancherà qualche “sorpresa”: nel senso di “provvedimenti concreti” sul versante economico che consentano al Paese di “agganciare” la ripresa.

Il premier non teme il passaggio parlamentare:

– Il governo è forte di due voti di fiducia, il primo sulla legge di stabilità, il secondo sulle missioni all’estero – spiegano dal suo staff. Dove ricordano come tutti, a cominciare da Matteo Renzi, abbiano dato ampie assicurazioni sul voto.

Letta sa che il tempo stringe. Per questo, come annunciato dal sottosegretario Filippo Patroni Griffi, una volta incassata la fiducia, intende convocare subito un Cdm per varare immediatamente alcuni provvedimenti. Nell’intervento il presidente del Consiglio non mancherà di rivendicare quanto fatto in questi mesi, cercando di mettere in luce i risultati ottenuti nonostante le difficoltà incontrate. Mesi “difficili”, come li ha definiti in passato, ma che ormai sono alle spalle grazie all’uscita del Cavaliere dalla maggioranza.

Un discorso che di fatto archivierà le larghe intese, ma solo per rimarcare il passaggio ad una maggioranza “più coesa” e per questo “più forte”. Possibile, in questo contesto, un richiamo alle primarie del Pd, fatto per rendere omaggio al neosegretario ma soprattutto per sottolineare l’auspicio che la sua elezione contribuisca alla stabilità del quadro politico.

La parte certamente più interessante sarà però quella programmatica. Che si baserà su tre pilastri: riforme istituzionali (legge elettorale, bicameralismo, riduzione del numero di parlamentari e taglio dei costi della politica), misure economiche (con un occhio particolarmente attento alle politiche sul lavoro e alla spending review) ed infine Europa (con il rinnovato appello affinché vi sia un cambio di rotta verso una maggiore attenzione alla crescita e non più al solo rigore) in vista del semestre italiano di presidenza europea.

Letta non intende mettere nel cassetto l’agenda con cui prese la fiducia a inizio mandato. Anzi, ritiene che quella ricetta sia ancora valida. Ricorderà ad esempio che il provvedimento varato dal governo per tagliare i costi della politica – cavallo di battaglia di molti, a cominciare da Renzi – è in attesa di approvazione in Senato. Ma c’è da scommettere che il programma di aprile sarà integrato, anche sulla base del “giro di consultazioni” informali avute in questi giorni con i partiti che sostengono l’Esecutivo.

Letta elencherà i titoli delle riforme e dei provvedimenti che servono al Paese e che dovranno essere varati nel 2014. Capitoli che saranno declinati a gennaio con la stipula di quel ‘patto’, o ‘contratto’, di coalizione sul modello tedesco inizialmente proposto da Angelino Alfano e successivamente preteso anche dal sindaco di Firenze.

Passaggio delicato dell’intervento sarà quello relativo all’orizzonte temporale dell’Esecutivo. Per non innervosire troppo i renziani è probabile che Letta confermi che si tratterà di un periodo limitato, di circa 18 mesi, fino a inizio 2015. Periodo al termine del quale, però, si dovranno verificare le condizioni per il ritorno alle urne.

– Se alla fine di questo percorso le promesse saranno rispettate, ci saranno le condizioni per tornare al voto, ovviamente in un sistema bipolare che consenta ai protagonisti di questa maggioranza, uniti per un breve tratto di strada, di tornare a contrapporsi alle prossime elezioni – spiega uno dei consiglieri di Letta.

Altro tema delicato sarà quello della legge elettorale. Letta non mancherà di affrontarlo, ma la sua posizione coincide con quella di Renzi che ha chiesto che siano le Camere ad occuparsene. Il premier per primo, ricordano a palazzo Chigi, ha sempre detto che si tratta di materia di competenza parlamentare. E che solo in caso di stallo, e su richiesta dei partiti, l’Esecutivo potrebbe intervenire. Anche sul nodo rimpasto non si annunciano novità. Il premier ritiene che il tema non sia all’ordine del giorno e che ci si debba concentrare sulle cose da fare, non su chi le fa.

Ultima ora

17:53Doping: Zaytsev, squalifica Russia decisione forte

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Le sanzioni del Cio nei confronti della Russia? È stata una decisione forte, supportata dai vari rapporti di studio e indagine. È una decisione complicata da gestire a livello politico. Vedremo gli atleti russi partecipare alle Olimpiadi sotto una bandiera anonima". Così il pallavolista azzurro Ivan Zaytsev a margine della presentazione dell'accordo di partnership tra Coni, Cip e Toyota. Un'occasione per parlare anche di Nazionale. "Il Mondiale in Italia si avvicina - precisa lo schiacciatore della Sir Safety Umbria - ci stiamo preparando tutti tra quelli papabili per la Nazionale. Aspettiamo con ansia questo bellissimo evento, perché l'Italia merita di ospitarlo e, come Nazionale, meritiamo di fare bella figura. Potrebbe darci nuova fiducia dopo una bellissima Olimpiade del 2016, noi ci faremo trovare pronti".

17:44Maltempo: in Veneto chiusi i passi a rischio valanghe

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Nevica ancora in Veneto solo oltre i 1400 metri di quota, e per questo motivo la società Veneto Strade ha deciso di chiudere i Passi Pordoi, Falzarego, Valparola, Giau e Fedaia, per possibili slavine durante la notte. La situazione è seguita costantemente dai tecnici di Veneto Strade e nella giornata di domani si deciderà quando riaprirli. L'indice di rischio slavine - in una scala da 1 a 5 - è al momento stimato dal centro antivalanghe di Arabba tra il grado 3 (marcato) e 4 (forte).

17:44Maltempo: forte vento nelle Marche, rami e alberi su strade

(ANSA) - ANCONA, 11 DIC - Forti raffiche di vento nelle Marche hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco in numerosi interventi. Ad Arcevia (Ancona), lungo la Sp 48 per Montelago, un grosso albero si è abbattuto sulla sede stradale, per fortuna senza fare danni. Per rimuoverlo si è dovuto far ricorso ad una squadra di pompieri da Ancona con mezzi adeguati. Rami, alberi e tegole pericolanti sono segnalati in tutta la provincia. A Fabriano vigili del fuoco al lavoro in via Dante per la messa in sicurezza della pensilina di un distributore di carburante, con la copertura staccata dal vento. Stesso quadro in provincia di Pesaro Urbino e nell'entroterra maceratese. Per domani la Protezione civile prevede un'intensificazione dei fenomeni, con raffiche di vento fino a 60-100 km orari.

17:41Doping: Fontana, ingiusto squalificare tutti i russi

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Non ritengo giusto il fatto di squalificare tutti gli atleti, sono sicura che in molti non hanno fatto mai uso di doping". Arianna Fontana, campionessa dello short track e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi invernali di PyeongChang 2018, commenta così il bando degli atleti russi. "Veder sfumare il sogno olimpico deve essere una sensazione bruttissima. Potranno gareggiare senza bandiera ma è un po' diverso, è una decisione dura", ha aggiunto Fontana a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota avvenuta a Roma.

17:40Ordigno stazione Cc, possibili legami con Torino

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Potrebbero esserci connessioni fra l'attentato dello scorso 7 dicembre a Roma, rivendicato dalla sigla Fai-Fri, e gruppi anarchici lottarmatisti orbitanti a Torino, dove è in corso il maxiprocesso Scripta Manent. La possibilità è al vaglio delle forze dell'ordine che si occupano del caso. Di recente ambienti anarchici hanno lanciato la campagna 'Dicembre nero', dedicata a Sebastian Oversluij, morto in Cile nel 2013, e a Alexandros Grigoropoulos, morto nel 2008. I comunicati invitano all'azione che "alimenti incendi e esplosioni contro il potere e i suoi difensori". La rivendicazione dell'attentato di Roma è a firma Fai-Fri 'Cellula Santiago Maldonado'. Il testo, a differenza di iniziative analoghe, non esprime solidarietà agli imputati del processo Scripta Manent, cosa che ha attirato l'attenzione degli investigatori. A Scripta Manent c'è invece riferimento nei comunicati di 'Dicembre nero', dove si legge che "in Italia i nostri compagni lanciano insulti ai giudici riaffermando le proprie convinzioni".

17:40Boldrini, fascismo e nazismo sono tragedie globali

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il fascismo e il nazismo sono tragedie globali: non si tratta di cose di ragazzi, guai a essere indulgenti". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, aprendo i lavori del secondo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

17:40Maltempo: in Toscana prolungata allerta rossa

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - E' stata prolungata fino alle 13 di domani 12 dicembre, l'allerta rossa per l'Alta Toscana per rischio idrogeologico e idraulico. Rimane arancione il livello di allerta per la Versilia e la parte dell'Ombrione pistoiese per rischio idrogeologico, vento e mareggiate. Scende invece al codice giallo la criticità per il resto della regione. Le aree dove il codice è più alto, si spiega dalla protezione civile regionale, sono Lunigiana, Apuane, Garfagnana, valle del Reno, parte inferiore del Serchio fino a Marina di Vecchiano. L'allerta è stata prolungata a seguito dell'ultimo bollettino meteo, in base al quale oggi proseguiranno le precipitazioni persistenti sui rilievi di Lunigiana, Garfagnana, Appennino pistoiese, in parte anche quello pratese e fiorentino. Le piogge, generalmente di moderata intensità, tenderanno ad intensificarsi dal pomeriggio, con possibili rovesci temporaleschi sulla Lunigiana e Garfagnana. In pianura saranno più deboli e intermittenti. Nel corso della notte le precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o localmente di temporale, tenderanno gradualmente a trasferirsi al resto della regione, attenuandosi sul nord-ovest. Dalla sera di oggi, lunedì, ci sarà anche possibilità di temporali sul nord-ovest. Nel corso della notte e la mattinata di domani possibilità di temporali sparsi sul centro-nord, dal pomeriggio su quelle meridionali. Per i venti, oggi raffiche molto forti crinali appenninici e sottovento ad essi, costa centro-meridionale, Colline Metallifere e attorno all'Amiata. Attenuazione dei venti a partire dalle prime ore di domani quando è prevista la rotazione dei venti a libeccio. Oggi ancora mare agitato sulle coste esposte al flusso meridionale e in Arcipelago. Graduale attenuazione del moto ondoso dalle prime ore di domani, martedì.(ANSA).

Archivio Ultima ora