Bonino: “Dare risposte coordinate alle sfide globali”

Pubblicato il 12 dicembre 2013 da redazione

ROMA  – Crescita, politiche territoriali di sviluppo e sostenibilità, cooperazione tra le piccole e medie imprese: sono le tre macro-aree entro le quali si sviluppa la VI Conferenza Italia-America Latina e Caraibi, aperta questa mattina alla Farnesina con un intervento del Ministro degli Esteri Emma Bonino.

Alla Conferenza, che si conclude domani, partecipa una foltissima compagine di ministri del Centro e Sud America e del governo italiano.

– Ci eravamo prefissi che questa VI Conferenza fosse “costruita” congiuntamente dai Paesi membri dell’IILA, di tutta l’America Latina e dell’area caraibica. Abbiamo centrato questo obiettivo e – lo sottolineo con orgoglio – abbiamo innestato un cambio di marcia che, anche per il metodo di lavoro adottato, fungerà da volano nell’avvicinamento alla Conferenza del 2015 – ha esordito Bonino -. Un appuntamento che coinciderà con l’EXPO Milano e che con essa condividerà alcune tematiche sulle sfide cruciali per il futuro dell’umanità: dalla sicurezza alimentare allo sviluppo sostenibile, dall’accesso alla nutrizione al miglioramento della qualità nel modo di vivere, anche nella prospettiva dell’elaborazione in corso dei nuovi Obiettivi post-Millennium Development Goals. Da 10 anni stiamo camminando “insieme verso il futuro” come dichiara lo slogan delle Conferenze. I rapporti tra i nostri popoli hanno però radici secolari e precedono la nascita delle entità statuali moderne cui apparteniamo.

Quello tra Italia e America Latina, ha proseguito il Ministro, “è un legame sedimentatosi con il succedersi di intere generazioni. La presenza italiana nel sub-continente latino-americano – la comunità di origine italiana è di quasi 20 milioni di persone di cui circa 2 milioni con passaporto italiano – ha alimentato nel tempo un prezioso flusso di idee, di contatti e di cultura che ha ulteriormente arricchito una relazione privilegiata, fondata su vincoli di amicizia e valori condivisi”. – Si tratta per noi – ha continuato – di un patrimonio inestimabile valore e di una risorsa di altissima valenza strategica. Anche per questa ragione, l’Italia ha da sempre creduto che l’America latina dovesse diventare una grande area di benessere e prosperità saldamente legata all’Unione europea ed in particolare a quei Paesi, come il nostro, che guardano con naturale simpatia ed interesse allo sviluppo della regione.

La ministro ha osservato che “le Conferenze sono momenti speciali di riscoperta e di rinnovato proposito”.

– E voglio sottolineare di come si tratti di un impegno perseguito con tenacia dal governo italiano sostenuto dal Parlamento, dalle molteplici, qualificate istanze della Società italiana, dai territori, dagli imprenditori e dalle comunità italo-latinoamericane – ha affermato -. L’America Latina e Caraibi negli ultimi due decenni hanno vissuto uno straordinario risveglio economico, culturale e politico. Sono diventati laboratori di politiche pubbliche ideate con coraggio per rispondere alle sfide sociali che la globalizzazione ci impone, ottenendo risultati considerevoli in termini di riduzione della povertà. Che ci sia ancora da fare è ovvio; che abbiate fatto molto è altrettanto sotto gli occhi di tutti. Questa crescita porta con sé nuove sfide e responsabilità globali, a cui l’America Latina sta tentando con coraggio di dare delle risposte. Lo testimonia la presenza di due Paesi della regione nel G-20: Brasile e Messico. Lo testimonia altresì – ha ricordato Bonino – la vostra stessa ricerca di aggregazioni regionali, dal Mercosur al più recente Unasur, ma anche il Cariforum o l’Alba o l’Alleanza del Pacifico (credo se ne contino 14!). Forme di “integrazione” su base di prossimità ora geografica, ora sociale o politica ma tutte comunque finalizzate alla una ricerca di coordinamento multilaterale che possa meglio rispondere alle sfide di un’accelerata interdipendenza poste dalla globalizzazione.

È lo stesso percorso, ha annotato il Capo della diplomazia italiana, “che scelse l’Italia nella sua partecipazione al processo di integrazione comunitaria. È lo stesso percorso che caratterizza l’approccio italiano a ricondurre nell’ambito multilaterale delle Nazioni Unite le tante crisi che emergono su uno scenario internazionale in continua evoluzione. Rafforzamento dell’integrazione a livello europeo, sostegno alle forme d’aggregazione regionale, cooperazione paritaria e pragmatica su sfide comuni costruiscono delle costanti della politica estera italiana”.

– Oggi più che mai,  di fronte a sfide che sono per loro natura “globali” – ha sottolineato la ministro Bonino – occorrono analisi condivise e risposte coordinate. Si tratta di mettere in moto geometrie inedite, idee nuove che tengano conto anche dei contributi che possono emergere dalla società civile, dal mondo del lavoro e da quello della cultura. E – proprio nel coinvolgimento a largo spettro delle varie componenti dello nostre società e nei loro importanti contribuiti – ritengo si possa individuare il segreto della longevità delle Conferenze Italia- America Latina: dei fora periodici di incontro ad alto livello politico ma allargati alle imprese e alle componenti della società civile. Uno dei temi prioritari al centro dell’Agenda di questi due giorni di lavori – ha aggiunto – è quello della “crescita economica di qualità”, vale a dire una crescita che sappia tener conto dell’impatto sulla vita degli individui sulla base di criteri di inclusività e di sviluppo sostenibile, che sappia offrire opportunità dignitose ai giovani. Un elemento decisivo per vincere questa sfida è quello della maggiore integrazione tra la regione latino americana e caraibica e di questa con l’Unione Europea. Come disse il poeta e intellettuale Octavio Paz, “la relazione tra Europa e America Latina non deve tanto preservare una tradizione quanto costruire un futuro comune”. Dobbiamo rinunciare a protezioni settoriali anche se il ritmo di questo processo sarà realisticamente scandito nel tempo. Con altrettanta determinazione andrà affrontato il tema migratorio. L’immigrazione italiana ha contribuito, talvolta in modo determinante, a costruire le vostre società creando immediata sintonia e vicinanza tra i nostri popoli. Oggi, i latino-americani fanno il percorso inverso a quello dei nostri emigrati. Contestualmente continuano i movimenti degli Italiani verso i vostri Paesi. In molti casi non si tratta più di scelte di vita, ma di professionalità in costante movimento pronte a cogliere le straordinarie opportunità offerte dal vostro continente. Permettetemi di cogliere questa occasione per assicurare la massima apertura italiana verso tutte quelle iniziative e proposte che mirano a facilitare l’ingresso e il soggiorno dei nostri amici latino americani in Italia.

La titolare degli Esteri ha osservato che “i lavori della Conferenza potranno essere utili per meglio definire un percorso comune. Non manca lo spirito e la volontà di cooperare. L’Italia offre lo strumento di questa Conferenza e il sostegno costante all’IILA, per il cui funzionamento sono stati in questi giorni stanziati 500.000 Euro aggiuntivi. I vostri delegati all’IILA, in uno sforzo congiunto, hanno redatto la dichiarazione conclusiva della Conferenza, dimostrando come l’Istituto sia la “casa comune di tutti noi”. I delegati hanno quindi unanimemente deciso di aprirla alla valutazione dei Paesi caraibici che a loro volta l’hanno integrata con concetti ed auspici di rafforzate collaborazioni con noi e con l’IILA”

– . Abbiamo in tal modo ampliato il raggio del consenso estendendolo al formato CELAC (Comunità degli Stati Latino Americani e Caraibici) – ha aggiunto -. Auspico che dalla Conferenza emerga un percorso comune su cui si possa proseguire, anche nei confronti delle Nazioni Unite e delle associazioni regionali. Crediamo tutti in un mondo più rappresentativo. Abbiamo di fronte due giorni di intensi lavori e non vogliamo che si disperda la positiva energia che gli ultimi mesi hanno portato. Auspico che già nel 2014 cominci il percorso preparatorio per la VII Conferenza a Milano, che coincide con l’Expo e con l’anno della cultura Italia – America Latina. Si tratta di una coincidenza non casuale che lascia immaginare relazioni intense, già a partire dalle mie visite nei vostri Paesi a partire dai primi mesi dell’anno prossimo”.

“Per questo – ha concluso – Governo l’America Latina e i Caraibi sono una priorità: lo dimostra il fatto che, in appena sei mesi, ci siano già state molte visite politiche nei vostri Paesi, e oggi lo evidenzia ulteriormente l’importante presenza di miei colleghi ministri nelle sessioni tematiche.

America Latina  area ‘anti-crisi’
L’America Latina cresce, l’Europa annaspa. L’insieme del subcontinente, con Brasile e Messico particolarmente rampanti, si rafforza giorno dopo giorno. Per l’Italia, presente nella regione da decenni, i mercati latinoamericani possono quindi essere un’opportunitá per allontanarsi dalla crisi e ritrovare la strada dell’espansione. Sono questi i temi che, da diverse prospettive, sono state affrontati nella prima giornata, ieri alla Farnesina, della VI Conferenza tra l’Italia e l’America Latina e i Caraibi.

Aprendo i lavori, la ministro degli Esteri Emma Bonino ha subito messo in chiaro – davanti a diversi colleghi della regione – che “per il governo italiano l’America Latina é una priorita’”.

. Si punta ad una crescita economica “di qualità sulla base di criteri di inclusività e di sviluppo sostenibile”, ha sottolineato Bonino, che nella ‘due giorni’ alla Farnesina ha in programma diversi incontri bilaterali con i ministri, anche in vista delle sue prossime visite nell’area.

Il premier Enrico Letta si recherá d’altra parte a gennaio in Messico, dove sono presenti circa 1.400 imprese italiane. Molte, persino piú che in Brasile (circa 900 imprese), il colosso della regione. Ma cresce tanto anche, per esempio, il Peru’.

Nel ricordare alcuni degli aspetti piu’ recenti emersi nella regione, la ministro ha sottolineato i mutamenti nei flussi immigratori.

– Oggi, i latinoamericani fanno il percorso inverso a quello dei nostri emigrati. Contestualmente continuano i movimenti degli italiani verso i vostri Paesi, in molti casi professionisti che vogliono cogliere le straordinarie opportunità offerte dal vostro continente.

C’é poi la piaga dei narcos:

– Le opportunità della globalizzazione – ha rimarcato – sono state colte dal crimine organizzato ancor prima che sorgesse la consapevolezza dell’ esigenza di raccordo e coordinamento operativo a livello di autoritá nazionali, ha rimarcato la titolare della Farnesina.

Sul fronte economico, il rilancio dell’Italia nell’area passa attraverso alcuni settori chiave: agroindustria, energia (elettrica e rinnovabile), turismo, meccanica. Grande spazio tra l’altro alle piccole e medie imprese, il modello di industria piu’ adattabile in molti paesi della regione, dove il modello italiano delle Pmi puó fare da traino a investimenti e flussi commerciali.

Nel pomeriggio, l’incontro ha infatti dato spazio ai progetti delle imprese, mentre in mattinata il Ministero dello Sviluppo economico e l’Istituto italo-latino americano hanno firmato un memorandum d’intesa per favorire proprio la collaborazione tra le pmi. Da parte latinoamericana, molti degli interventi dei ministri ascoltati (dal Nicaragua e il Panama, all’Argentina e il Messico) hanno con orgoglio sottolineato come il baricentro dell’ espansione si sia spostato proprio in America Latina.

– Siamo la regione emergente del mondo occidentale, e per l’Europa e l’Italia questi mercati possono rappresentare una parte della soluzione dei problemi dovuti alla crisi – ha sottolineato Enrique Iglesias, economista uruguaiano che guida la Segreteria Iberoamericana, e da anni al centro del dialogo tra America Latina e Ue.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora