Bonino a Teheran, tra Italia-Iran legami mai recisi

Pubblicato il 12 dicembre 2013 da redazione

TEHERAN  – Legami storici, economici e culturali di antica data, intuizioni politico-diplomatiche recenti e scommesse finora vincenti sono – sfogliando gli archivi di Teheran – lo sfondo su cui si inserisce la visita in Iran annunciata ieri dal ministro degli Affari esteri Emma Bonino.

Già nel maggio scorso, attraverso il presidente del parlamento Ali Larijani e il suo ambasciatore a Roma, l’Iran aveva sottolineato vari elementi positivi dei suoi rapporti con l’Italia: dall’antica amicizia agli sforzi di mediazione sul dossier nucleare, alle potenzialità economiche anche senza le esportazioni petrolifere. E fra le prime dichiarazioni dopo il suo insediamento, il nuovo presidente Hassan Rohani aveva sottolineato come “l’Italia ha un ruolo chiave tra i Paesi dell’Unione europea”. Anche se il blocco petrolifero ha fatto poi crollare di circa il 60% le importazioni italiane dalla Repubblica islamica, Teheran comunque continua ad avere nell’Italia il suo primo sbocco commerciale fra i paesi dell’Ue ed il secondo esportatore europeo dopo la Germania, rimanendo comunque il primo partner commerciale in ambito europeo. Larijani l’anno scorso ebbe modo di ricordare che quando “Prodi era primo ministro avevamo relazioni strette, con colloqui su questioni regionali e temi delicati come il nucleare ma poi le consultazioni si sono ridotte”.

L’importanza dell’espansione dei rapporti fra Iran e Italia era stata auspicata dall’attuale viceministro Lapo Pistelli, l’apripista dell’attuale rilancio di relazioni, già nell’aprile dell’anno scorso quando venne a Teheran solo come responsabile Esteri del Pd e presidente era ancora Mahmud Ahmadinejad. Era stato poi proprio Pistelli, nell’agosto scorso, a compiere una visita nella capitale iraniana subito dopo l’insediamento di Rohani, battendo tutte le altre diplomazie sul tempo e sottolineando fisicamente l’apertura di credito della Farnesina: un’intuizione che, finora, l’accordo semestrale di Ginevra sul nucleare iraniano ha dimostrato essere felice.

La visita di Bonino è stata comunque preceduta nei mesi scorsi da una serie di dichiarazioni di Quirinale e Palazzo Chigi da cui traspariva la volontà di espandere i legami bilaterali con l’Iran. Analoghi auspici erano venuti già dalla passata presidenza e del ministero degli Esteri iraniani in occasione dell’insediamento dell’Ambasciatore d’Italia a Teheran, Luca Giasanti. Molto apprezzato a Teheran è stato anche il riconoscimento fatto da Bonino della necessità di coinvolgere l’Iran nella soluzione delle crisi in Siria ed in Afghanistan. I segnali di reciproco apprezzamento, aiuto e simpatia in questi mesi, peraltro, sono stati molti: dalla lotta alla droga al ritorno di un volo Iran Air per Roma dopo due anni di stop; dalla “diplomazia dei terremoti” in occasione di quelli di Tabriz e dell’Emilia fino alla trasferta di vecchie glorie del Milan allo stadio Azadi di Teheran. Del resto, e questo si può avvertire solo vivendo in Iran, l’affetto per l’Italia è diffusissimo e viene spesso motivato anche dall’uomo della strada come il portato di due culture nate da grandi imperi e tutto sommato affini nonostante la diversità religiosa.

Ultima ora

22:44Tav: approvata mozione M5s, Torino esce da Osservatorio

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Il Consiglio comunale di Torino ha approvato con 26 voti favorevoli e 6 contrari la mozione che fa uscire Torino dall'Osservatorio tecnico sulla Torino-Lione. Il voto è stato accolto dall'applauso della maggioranza pentastellata, mentre davanti a Palazzo civico un presidio di No Tav, alcuni dei quali provenienti dalla Francia, gridava"sarà dura", lo slogan del movimento che si oppone all'Alta Velocità. Bagarre in aula, durante la discussione, quando la consigliera pentastellata Carlotta Tevere ha espresso solidarietà ai 38 No Tav condannati di recente nel maxi processo per gli scontri dell'estate 2011. "Vergogna, vergogna", è stata la replica dell'opposizione, che ha costretto il presidente Fabio Versaci a sospendere la seduta e a richiamare i consiglieri al rispetto delle regole. "So bene che un sindaco non può bloccare la Torino-Lione, ma questo è un atto che ha grande valenza politica, di cui sono molto orgogliosa", ha sottolineato la sindaca Chiara Appendino.(ANSA).

22:38Calcio: Napoli, Sarri, non sappiamo giocare per il pareggio

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Giocare per il pareggio non fa per noi, potrebbe rovinarci la prestazione. Non siamo abituati a gestire il pari". Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Benfica. "Non penseremo - ha detto Sarri - a quello che accade nell'altra gara del girone". Sarri ha spiegato che "la gara può cambiare violentemente nella fase finale. Nei primi 60'-70' si giocherà con equilibrio, tecnica, poi nel finale per forza di cose una delle due dovrà prendersi rischi enormi e portarla su aspetti meno tattici".

22:30Calcio: Chievo-Genoa 0-0

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Chievo-Genoa 0-0 in uno dei posticipi della 15/a giornata del campionato di serie A.

22:29Calcio:Sarri ‘stadio caldissimo, ma meritiamo passare’

(ANSA) NAPOLI, 5 DIC - "Domani ci giochiamo una finale, sarà una partita difficile, molto diversa da quella dell'andata". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida decisiva di Champions League a Lisbona contro il Benfica. Sarri invita a dimenticare il 4-2 del San Paolo e ricorda le inside del Da Luz: "Giocheremo in uno stadio caldissimo, ma noi vogliamo qualificarci, meritiamo di passare".

22:21Calcio:Inter, Zanetti, Champions? Abbiamo l’obbligo provarci

(ANSA) - MILANO, 05 DIC - "Abbiamo l'obbligo di provare a raggiungere la Champions League poi alla fine di questo campionato faremo le valutazioni. Non ci nascondiamo, i problemi sono tanti ma dobbiamo avere la forza di risolverli". Il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti, a margine della festa per i 15 anni della Fondazione Pupi, ammette il periodo difficile dei nerazzurri ma non per questo cambia gli obiettivi stagionali. E sulla possibilita' di vedere Simeone sulla panchina dell'Inter non si sbilancia: "Quello che accadrà in futuro chi lo sa, noi ci concentriamo sul presente, su Pioli, sul rimediare e tentare di arrivare il più in alto possibile. Il futuro nessuno lo sa". C'e' fiducia in Stefano Pioli che ha avuto "in grande impatto". La sconfitta per 3-0 contro il Napoli un ko "difficile da smaltire perche' per la prima volta abbiamo sbagliato l'approccio", secondo Zanetti, deve essere cancellato in fretta: "Devono contare i fatti. E' arrivato il momento di renderci consapevoli''.

22:17Calcio: Di Francesco,Fiorentina-Sassuolo no sfida tra deluse

(ANSA) - MONTECATINI TERME (PISTOIA), 05 DIC - "Sfida tra deluse? Non direi, io almeno non lo sono. I bilanci definitivi li faremo più avanti". Così, parlando della prossima gara di campionato tra Fiorentina e Sassuolo, il tecnico degli emiliani Eusebio Di Francesco, parlando stasera a Montecatini Terme (Pistoia) per il premio Maestrelli che gli è stato attribuito quale miglior allenatore dello scorso campionato. Di Francesco ha parlato anche di Domenico Berardi, fermo da tempo per infortunio: "Tornerà a gennaio e sarà il nostro acquisto: è un giocatore di livello internazionale ed è come se l'avessimo mandato in prestito per metà campionato". Poi, sul giocatore della Fiorentina Bernardeschi, ha detto che è un "ottimo giocatore, magari lo avessimo al Sassuolo". Quindi ha definito Lapadula del Milan come "un vero giocatore".

22:15Calcio: Napoli, Hamsik, sarà una finale, daremo il massimo

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Domani ci aspetta una finale, daremo il massimo, perché in testa abbiamo un solo pensiero, passare il turno di Champions League, punteremo sulla nostra forza, che è il gioco" ha detto Marek Hamsik alla vigilia della sfida decisiva del Napoli in casa del Benfica per l'ultima giornata del girone di Champions League. Il capitano del Napoli ha sottolineato: "Sarà una partita difficile ma voi vogliamo vincere e ci proveremo giocando il nostro calcio".

Archivio Ultima ora