Bonino a Teheran, tra Italia-Iran legami mai recisi

Pubblicato il 12 dicembre 2013 da redazione

TEHERAN  – Legami storici, economici e culturali di antica data, intuizioni politico-diplomatiche recenti e scommesse finora vincenti sono – sfogliando gli archivi di Teheran – lo sfondo su cui si inserisce la visita in Iran annunciata ieri dal ministro degli Affari esteri Emma Bonino.

Già nel maggio scorso, attraverso il presidente del parlamento Ali Larijani e il suo ambasciatore a Roma, l’Iran aveva sottolineato vari elementi positivi dei suoi rapporti con l’Italia: dall’antica amicizia agli sforzi di mediazione sul dossier nucleare, alle potenzialità economiche anche senza le esportazioni petrolifere. E fra le prime dichiarazioni dopo il suo insediamento, il nuovo presidente Hassan Rohani aveva sottolineato come “l’Italia ha un ruolo chiave tra i Paesi dell’Unione europea”. Anche se il blocco petrolifero ha fatto poi crollare di circa il 60% le importazioni italiane dalla Repubblica islamica, Teheran comunque continua ad avere nell’Italia il suo primo sbocco commerciale fra i paesi dell’Ue ed il secondo esportatore europeo dopo la Germania, rimanendo comunque il primo partner commerciale in ambito europeo. Larijani l’anno scorso ebbe modo di ricordare che quando “Prodi era primo ministro avevamo relazioni strette, con colloqui su questioni regionali e temi delicati come il nucleare ma poi le consultazioni si sono ridotte”.

L’importanza dell’espansione dei rapporti fra Iran e Italia era stata auspicata dall’attuale viceministro Lapo Pistelli, l’apripista dell’attuale rilancio di relazioni, già nell’aprile dell’anno scorso quando venne a Teheran solo come responsabile Esteri del Pd e presidente era ancora Mahmud Ahmadinejad. Era stato poi proprio Pistelli, nell’agosto scorso, a compiere una visita nella capitale iraniana subito dopo l’insediamento di Rohani, battendo tutte le altre diplomazie sul tempo e sottolineando fisicamente l’apertura di credito della Farnesina: un’intuizione che, finora, l’accordo semestrale di Ginevra sul nucleare iraniano ha dimostrato essere felice.

La visita di Bonino è stata comunque preceduta nei mesi scorsi da una serie di dichiarazioni di Quirinale e Palazzo Chigi da cui traspariva la volontà di espandere i legami bilaterali con l’Iran. Analoghi auspici erano venuti già dalla passata presidenza e del ministero degli Esteri iraniani in occasione dell’insediamento dell’Ambasciatore d’Italia a Teheran, Luca Giasanti. Molto apprezzato a Teheran è stato anche il riconoscimento fatto da Bonino della necessità di coinvolgere l’Iran nella soluzione delle crisi in Siria ed in Afghanistan. I segnali di reciproco apprezzamento, aiuto e simpatia in questi mesi, peraltro, sono stati molti: dalla lotta alla droga al ritorno di un volo Iran Air per Roma dopo due anni di stop; dalla “diplomazia dei terremoti” in occasione di quelli di Tabriz e dell’Emilia fino alla trasferta di vecchie glorie del Milan allo stadio Azadi di Teheran. Del resto, e questo si può avvertire solo vivendo in Iran, l’affetto per l’Italia è diffusissimo e viene spesso motivato anche dall’uomo della strada come il portato di due culture nate da grandi imperi e tutto sommato affini nonostante la diversità religiosa.

Ultima ora

17:55Terremoto: a D’Angelis coordinamento sicurezza idrogeologica

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Sarà Erasmo D'Angelis, capo di Italiasicura a Palazzo Chigi, ad occuparsi della messa in sicurezza idrogeologica delle aree colpite dal terremoto tra Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo. Le 5 scosse principali dal 24 agosto 2016 e il lungo sciame sismico hanno devastato parte del territorio naturale, il reticolo idrico di torrenti e fiumi e hanno mosso migliaia di movimenti franosi. Dal prossimo mese di settembre, D'Angelis, infatti, assumerà l'incarico di Segretario generale dell'Autorità di distretto idrografico dell'Italia centrale, il nuovo organismo che accorpa tutte le Autorità di bacino preesistenti, a partire dall'Autorità del Tevere, il fiume che sarà oggetto di opere di difesa dalle alluvioni attese da decenni.

17:49Svizzera: frana al confine con val Chiavenna, 100 evacuati

(ANSA) - SONDRIO, 23 AGO - Una frana di notevoli proporzioni è caduta oggi dal pizzo Cengalo, in territorio di Bondo (Svizzera), in Val Bregaglia, al confine con la provincia di Sondrio. Si è trattato di un imponente quantità di detriti, ancora in corso di esatta quantificazione, che ha travolto vecchie stalle e abitazioni. Non si registrano vittime. L'enorme massa di detriti è arrivata a lambire la strada principale del borgo, a poca distanza da Villa di Chiavenna, e le autorità elvetiche hanno deciso di evacuare a scopo precauzionale diverse famiglie di residenti, circa un centinaio di persone, tutte di nazionalità svizzera.

17:49Terremoto: nuove bandiere su torre civica Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 23 AGO - A un anno dal sisma del 24 agosto i Vigili del Fuoco hanno sostituito le due bandiere, il tricolore e quella della Città di Amatrice, che nell'inverno scorso erano state poste in cima alla Torre Civica di Amatrice, simbolo del terremoto con il suo orologio fermo alle 3:36. A sostituirle, con una autoscala, è stato lo stesso Vigile del Fuoco amatriciano, Lino Coltellese, che quest'inverno per primo aveva raggiunto la cima della Torre.(ANSA).

17:44A ‘Vela a Vela’i big della Coppa America

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Andrà in onda oggi alle 18.48 su Raisport +HD la quinta puntata della Rubrica "Vela a Vela Speciale 20 anni" la trasmissione di Raisport curata e condotta da Giulio Guazzini che ripropone, durante la pausa estiva dell' "Uomo e il Mare", la storia delle imprese veliche più importanti. Puntata odierna sarà dedicata in particolare alle testimonianze dei personaggi della grande navigazione a vela, dalla Coppa America alle traversate oceaniche.

17:36Terremoto Ischia: Pinotti dona medaglia a piccolo Ciro

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 23 AGO - "È solo una medaglia ricordo che ho messo personalmente a Ciro per testimoniare che tutta l'Italia lo ha guardato". Così il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, al termine della visita fatta all'ospedale Rizzoli di Lacco Ameno (Ischia) dove ha incontrato Ciro, uno dei tre fratellini, rimasti sotto le macerie della casa crollata per ore e ore. "Ho portato anche un orsetto a lui e al fratellino più piccolo, Mathias, e altri gadget delle forze armate", ha aggiunto sottolineato. Una visita a Casamicciola, quella del ministro, finalizzata anche a portare i ringraziamenti, a nome anche del premier Gentiloni a tutti i soccorritori. Non solo, il ministro della Difesa ha anche annunciato che il giorno 29 agosto "ci sarà il consiglio dei ministri dove porteremo la delibera per lo stato di emergenza e seguiremo, anche attraverso i sindaci, le successive necessità".

17:34Calcio: Niang ‘stressato’, rompe con Milan e aspetta Torino

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - E' braccio di ferro fra il Milan e Mbaye Niang. L'attaccante francese, dopo aver rifiutato il trasferimento allo Spartak Mosca, ieri ha presentato un certificato medico che lo esonera dagli allenamenti per dieci giorni a causa di stress psicologico. In sostanza il giocatore sta vivendo da separato in casa al Milan e ha affidato la ricerca di una destinazione gradita al suo procuratore, Mino Raiola. Niang vorrebbe essere ceduto al Torino di Sinisa Mihajlovic, l'allenatore che meglio lo ha fatto rendere negli ultimi anni. Il Torino, però, finora ha offerto una cifra ben inferiore ai circa 20 milioni messi sul tavolo dai russi. Negli ultimi giorni di mercato si cercherà una soluzione.

17:33Terremoto: frati Assisi pregano per le vittime di un anno fa

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 23 AGO - Ad un anno dal terremoto che colpì il centro Italia i frati di Assisi ricorderanno domani, nella preghiera del mattino e durante le celebrazioni eucaristiche, le vittime e le famiglie colpite dal sisma. "È necessario superare i limiti del sistema Paese in generale e dei territori martoriati dal sisma - afferma in una nota il custode del Sacro convento, padre Mauro Gambetti - attivando un processo critico tramite la valorizzazione sinergica di esperti in sicurezza, occupazione ed economia. Proprio per questo - continua padre Gambetti - il 15 settembre ad Assisi, nell'ambito dell'evento internazionale 'Il Cortile di Francesco', si terrà una giornata dedicata alla prevenzione dove parteciperanno tra gli altri il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, e il governatore Banca d'Italia, Ignazio Visco".

Archivio Ultima ora