Angelo Rizzoli, una vita tra editoria e guai giudiziari

Pubblicato il 12 dicembre 2013 da redazione

ROMA – Nipote del fondatore della casa editrice di cui portava il nome, aveva avuto una vita tormentata passando dall’altare alla polvere, tra inciampi e risalite e nuove cadute. L’ex editore e produttore cinematografico Angelo Rizzoli è morto la notte tra mercoledì e giovedì al Policlinico di Roma, dov’era ricoverato da 13 giorni. Aveva compiuto 70 anni un mese fa. Era malato di sclerosi multipla da quando ne aveva 18. A darne notizia la moglie Melania de Nichilo (medico e ex deputato Pdl) da cui ha avuto due figli.

– Mio marito – ha detto – era malato, ma questa vicenda giudiziaria gli ha spezzato il cuore, lo ha sfinito.

I funerali nella basilica di Sant’Eugenio in via delle Belle Arti a Roma cui parteciperà anche la sua prima moglie, l’attrice Eleonora Giorgi (dal matrimonio durato dal 1979 al 1983 era nato il suo primogenito Andrea). Nel febbraio scorso l’ennesima vicenda legale aveva portato Angelo Rizzoli in carcere, accusato dalla procura di Roma di bancarotta fraudolenta – un crac da 30 milioni – in qualità di amministratore unico della Rizzoli Audiovisivi.

La sua morte ha scatenato le reazioni del centrodestra, dal presidente dei deputati di FI Renato Brunetta (“torturato un malato grave”), a Mara Carfagna, portavoce del gruppo di FI alla Camera (“ultimo martire di un sistema ingiusto”) a Mariastella Gelmini (“vittima di barbarie giudiziaria”). Ma anche i deputati del Pd Danilo Leva, Walter Verini e Andrea Manciulli in una nota congiunta fanno notare:

“La morte di Angelo Rizzoli deve essere l’occasione di stimolo per intervenire senza più rinvii per la riforma della custodia cautelare. Un sistema che negli anni ha purtroppo dimostrato degli aspetti disumani”.

Nato a Como nel 1943, Angelo era figlio di Andrea Rizzoli, presidente dell’omonima casa editrice, negli anni Settanta il primo gruppo editoriale italiano. L’uomo che, su progetto di Gipo Viani, costruì Milanello, sede della squadra di calcio del Milan, di cui fu anche presidente per nove stagioni (dal 1954-55 al 1962-63); artefice, negli anni Cinquanta di acquisti del calibro di Schiaffino, Altafini e Liedholm, trasmise la passione rossonera al figlio.

Noto come Angelone per la sua stazza imponente, ma anche come Angelo Rizzoli jr, si laureò in Scienze politiche all’Università di Pavia; ottenne la specializzazione in Media and communications alla Columbia University di New York. Nel 1971 entrò nel Consiglio di amministrazione dell’azienda di famiglia, all’età di 28 anni. Il 12 luglio 1974 il padre Andrea decise di rafforzare la casa editrice acquistando il primo quotidiano italiano, il Corriere della Sera.

Acquisendo il Corriere realizzò il suo sogno di imprenditore, ma cominciò a fare i conti anche con un enorme indebitamento. Proprio alla fine degli anni Settanta, Angelo fu arrestato per un’altra storia di bancarotta, salvo poi essere prosciolto dalla Cassazione. A metà degli anni ’80, arrivò alla perdita del controllo della Rizzoli-Corriere della Sera, epilogo dello scandalo P2. Angelone Rizzoli aveva sposato in prime nozze nel 1979 Eleonora Giorgi, conosciuta a una festa.

I due si sposarono, durante una convention Rizzoli a Venezia, nella cripta della Basilica di San Marco e il testimone di nozze fu Bruno Tassan Din. Dall’unione è nato un figlio maschio, Andrea. Nel 1984 i due si erano separati: Eleonora Giorgi chiede la metà del patrimonio del marito, valutabile in 400 miliardi di lire e, alla fine della causa, ottenne 10 miliardi. Nel 1989 conobbe Melania De Nichilo che ha sposato e da cui ha avuto 2 figli: Arrigo e Alberto. Dopo un lungo periodo di silenzio, negli anni ’90 Angelo Rizzoli aveva ripreso l’attività come produttore cinematografico e televisivo. Tra le sue produzioni, Padre Pio con Sergio Castellitto, Incompreso, Cuore, La guerra è finita e Le ali della libertà con Sabrina Ferilli. Al termine di una lunga vicenda giudiziaria, durata sei processi per 26 anni, Rizzoli ottiene sei assoluzioni definitive con formula piena, ma i guai per lui non finiscono ancora. Solo qualche mese fa per l’ex produttore arrivano altre grane: è il 14 febbraio quando viene arrestato dalla Gdf di Roma per un crac di oltre 30 milioni di euro. L’accusa è di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale, per aver, secondo la procura capitolina, causato con dolo il fallimento di quattro delle società controllate dalla holding di cui è amministratore unico, la Rizzoli Audiovisivi Srl. In quell’occasione gli vengono sequestrati beni per 7 milioni di euro, compresi la residenza della famiglia ai Parioli, la tenuta Ca de’ dogi, diversi terreni a Capalbio e alcune quote societarie.

Ultima ora

16:34Di Maio, sera voto faremo appello, vedremo chi risponde

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Il nostro obiettivo è arrivare al 40% e governare da soli. Se no, ci assumeremo la responsabilità di governare. La sera delle elezioni faremo un appello pubblico. Chi risponderà sarà incontrato per mettere in piedi le priorità di governo". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio a "Mezz'ora in più". Se incontreremo LeU o la Lega? "Io non so quale sarà la consistenza di questo o quel gruppo parlamentare", spiega Di Maio ribadendo: "Io sono certo che saremo la prima forza politica".

16:13Serie A: Milan travolto a Verona, Hellas vince 3-0

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Un'altra 'fatal Verona' nella storia del Milan, travolto oggi al Bentegodi dall'Hellas con un 3-0 che non ammette alibi. Svagati, molli e forse anche un pizzico presuntosi dopo il 3-0 rifilato proprio agli scaligeri in Coppa Italia tre giorni fa, i rossoneri hanno inanellato l'ennesima prova incolore stagionale che li lascia al 7mo posto in classifica, destinato forse a peggiorare dopo la giornata di oggi con Atalanta e Fiorentina che devono ancora scendere uin campo. Fa un grande passo avanti invece il Verona che da penultimo sale al momento in quart'ultima posizione. Il cambio di panchina non sembra dunque aver portato nessuna svolta in casa Milan (9 punti in meno rispetto a un anno fa) travolto dai gol di Caracciolo di testa nel primo tempo e dall'uno-due di Kean, in contropiede, e Bessa dopo un altro micidiale contropiede. A rovinare ulteriormente il clima rossonero anche il 'rosso' diretto a Suso per un fallo di frustrazione e che salterà Milan-Atalanta del prossimo turno.

16:07Ex calciatore ucciso: Rullo a gip, è stata mia madre

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - "Sono innocente, è stata mia madre". Si è difeso in questo modo Raffaele Rullo, fermato per l'omicidio dell'ex calciatore Andrea La Rosa mentre sua madre, Antonietta Biancaniello ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere davanti al gip durante l'udienza di convalida del fermo. Rullo, come la madre accusato di omicidio premeditato e soppressione di cadavere, assistito dall'avvocato Luigi Di Martino è ora in attesa del provvedimento del gip che si è riservato. La donna si era addossata la responsabilità del delitto ed era stata trovata, giovedì sera, mentre, a bordo della sua auto stava probabilmente cercando di liberarsi del corpo dell'ex calciatore di Serie C che era stato messo in un fusto per il gasolio. Avevano anche comperato dell'acido per scioglierlo. All'origine del delitto un debito che Rullo aveva con la vittima per circa 30mila euro.

15:44Gerusalemme: sindaco Nazareth, feste Natale ci saranno

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 DIC - Il sindaco di Nazareth, città arabo israeliana del nord del paese, ha fatto sapere che le feste di Natale si svolgeranno nel luogo da programma e non saranno ridotte come annunciato nei giorni scorsi in protesta contro la decisione di del presidente Usa Donald Trump su Gerusalemme. "Le notizie che gli eventi di Natale erano stati cancellati - ha detto il sindaco Ali Salam citato dai media - non erano corrette. Come ogni anno la città è decorata per le feste". Il 14 dicembre l'agenzia ufficiale palestinese Wafa aveva riportato una dichiarazione di Salam, che è musulmano, in cui si annunciava la sospensione, eccetto per l'illuminazione dell'albero di Natale e per l'annuale marcia di Capodanno, per protesta "contro l'annuncio di Donald Trump su Gerusalemme".

15:40Brexit: May, non ci fermeremo, ci sarà accordo ambizioso

(ANSA) - LONDRA, 17 DIC - Theresa May lancia una offensiva mediatica sui domenicali più vicini al suo partito conservatore, Sunday Telegraph e Sunday Express, affermando che il suo governo non si fermerà nella Brexit e che porterà a termine un "accordo ambizioso" con Bruxelles. L'intervento della premier arriva dopo la cocente sconfitta ai Comuni su un emendamento alla Withdrawal Bill, la legge quadro sul divorzio dall'Ue, in seguito a una ribellione di 12 deputati Tory. La prossima settimana rischia una nuova 'rivolta' contro l'inserimento nel testo di legge della data di addio all'Unione, il 29 marzo 2019. Ma la May punta tutto sul successo ottenuto a Bruxelles con il via libera alla fase due dei negoziati e sottolinea che i "pessimisti avevano torto" e che non c'è limite ora alla "ambizione e alla creatività" di Londra nel raggiungere una intesa finale con l'Ue.

15:37Francia, cresce popolarità Macron e premier Philippe

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Sondaggio decisamente positivo per il presidente francese Emmanuel Macron e il premier Edouard Philippe. Secondo il Journale du Dimanche (Jdd), oltre il 50% dei francesi approva l'operato dei due. Macron, in particolare, vede la sua popolarità risalire al 52%, con il 46% (-6 rispetto al mese precedente) di scontenti. Il massimo era stato raggiunto a luglio con il 54% di pareri positivi. Per Philippe, i pareri positivi sono il 54%, gli scontenti il 42%.

15:05Sci: Hirscher vince gigante Badia, è la 5/a volta di fila

(ANSA) - ALTA BADIA, 17 DIC - Il fuoriclasse austriaco Marcel Hirscher ha vinto alla grande in 2.25.42 lo slalom gigante di Cdm di Alta Badia. E' la sua quinta vittoria in serie sulla pista Gran Risa ed ha cosi' anche staccato Alberto Tomba che aveva vinto quattro volte sul famoso tracciato. In cdm e' poi il 48/o successo di Hirscher che si avvicina alle 50 vittorie ottenute in carriera dall'azzurro. Alle spalle di Hirscher sono arrivati il norvegese Henrik Kristoffersen in 2.27.12 e lo sloveno di 23 anni Zan Kranjec, al primo podio in carriera, in 2.27.24. Il migliore degli azzurri - con una buona seconda manche dopo aver chiuso 10/o la prima - e' stato il trentino Luca De Aliprandini 8/o in 1.27.92. Poi ci sono Roberto Nani e Florian Eisath 16/i appaiati in 2.28.85 e Manfred Moelgg 19/o in 2.29.13. Domani sera, alla luce dei riflettori, e' in programma uno slalom gigante parallelo.

Archivio Ultima ora