Ncd a Renzi accordo o crisi

Pubblicato il 12 dicembre 2013 da redazione

ROMA – La legge elettorale passa alla Camera, la riforma costituzionale del bicameralismo partirà dal Senato. Matteo Renzi incassa il primo risultato politico della sua segreteria. Dopo la presa di posizione del suo Pd, i presidenti di Camera e Senato decidono di spostare la riforma del Porcellum da Palazzo Madama a Montecitorio. Tra i mugugni di mezzo governo.

Perché alfaniani, montiani e popolari volevano continuare al Senato e hanno invece visto prevalere una maggioranza trasversale formata da Pd, Sel e anche M5S. Al momento il leader Ncd Angelino Alfano, si ragiona in ambienti a lui vicini, ha accolto con favore la decisione anche se non abbassa la guardia nei confronti di Matteo Renzi circa i contenuti della riforma. Tanto da far dire a Gaetano Quagliariello che senza una intesa il rischio di una crisi di governo potrebbe esserci.

La preoccupazione del Nuovo centrodestra, ma anche di Scelta civica e Per l’Italia, è che un’intesa trasversale scriva adesso anche il testo della nuova legge elettorale.

– Non si può prescindere dalla maggioranza di governo – avverte Quagliariello, “o è crisi”.

Ma Renzi è pronto a farla anche con Berlusconi e Grillo, la riforma.

– Non accettiamo diktat da Alfano e i suoi 30 deputati – scandiscono i renziani.

La novità, per il momento, è che di legge elettorale non si parlerà più al Senato, ma alla Camera (e Roberto Giachetti dovrebbe perciò sospendere lo sciopero della fame). Lo decidono i presidenti Pietro Grasso e Laura Boldrini in un incontro a Montecitorio, dopo aver ascoltato tutti i gruppi parlamentari. Ad aprire la strada all’intesa, è la convergenza tra Pd, Sel e M5S nella I commissione del Senato. Quando infatti la presidente Anna Finocchiaro chiede di prendere posizione sull’opportunità di passare la palla alla Camera, centrosinistra e grillini dicono di sì, tutti gli altri (Ncd, Sc, PI, FI, Lega, Gal) dicono no. Ma sono minoranza: passa la linea renziana.

I due rami del Parlamento procederanno comunque in parallelo: mentre a Montecitorio si parlerà del sistema di voto, il Senato avvierà la riforma costituzionale del bicameralismo, con il taglio del numero dei parlamentari. Ma perché le leggi giungano in porto, serve “una chiara assunzione di responsabilità dei partiti”, avvertono i presidenti Boldrini e Grasso. Che vigileranno perché “le commissioni procedano parallelamente”, per “assicurare un più spedito e proficuo” iter.

La discussione nel merito delle riforme si apre però in un clima di tensione, nella maggioranza. Ncd non gradisce l’avvertimento di Renzi ad Alfano:

– Non mi lascerò rallentare, ho una mia exit strategy, un canale aperto anche con Berlusconi e Grillo.

E mentre Forza Italia mette il dito nella piaga dei ‘cugini’ (“Gli schiaffi di Renzi si fanno sentire”), anche i centristi esprimono disappunto. Pier Ferdinando Casini denuncia lo “scippo” della legge elettorale al Senato e l’apertura di “una fase di prepotenza che non promette nulla di buono”. Mentre il montiano Gianluca Susta avverte il Pd che Sc non si farà trattare da “servo sciocco”: basta “maggioranze variabili”.

Alfano per ora tace. Ma la posizione di Ncd è nelle parole di Quagliariello:

– Non si può prescindere dal governo. In quell’area va cercata un’intesa nel merito della riforma. Nei prossimi 15 giorni, al più tardi subito dopo la Befana, o la maggioranza trova un accordo, o è crisi. E ognuno si prenderà le sue responsabilità.

– Che fai, ci cacci? – è la replica ironica della renziana Ginetti. Mentre Dario Nardella avverte che Ncd “non è in condizione di dettare diktat” al Pd. Prova a chiudere le polemiche il ministro Dario Franceschini:

– Si parte ovviamente da un’intesa dei partiti di maggioranza, per poi cercare un accordo più largo in Parlamento.

– Polemica chiusa. Avanti tutta! – commenta Quiagliariello.

Ma la strada per un’intesa è ancora lunga.

Ultima ora

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

20:09Tratta: Antimafia,vale 32mld, criminali la gestiscono

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 'Vale' 32 miliardi e sono oltre 30 mila le vittime della tratta nei 28 stati membri dell'Ue: un fenomeno che risulta essere in preoccupante crescita. Del tema si occupa una Relazione di oltre 60 pagine, approvata oggi all'unanimità, messa a punto dal Comitato "mafie, migranti e tratta di esseri umani, nuove forme di schiavitù" della Commissione parlamentare antimafia, guidato da Fabiana Dadone (M5S). Sono quasi sempre organizzazioni criminali transnazionali a gestire tutte le fasi della trasmigrazione delle persone che soprattutto dall'Africa, dalla Cina, dal sud America e dall'Est Europa partono per l'Italia e per il Nord Europa, e che operano "come vere realtà imprenditoriali volte a definire e gestire ogni aspetto della migrazione". Il viaggio dei migranti è "una vera e propria epopea che si sviluppa per tappe e si protrae per alcuni mesi, in cui i trasportati, sempre più frequentemente, vengono a trovarsi a vivere in condizioni disumane, stoccati come merce, sottoposti a vessazioni e violenze".

Archivio Ultima ora