Europa League. La Fiorentina rimonta ed è prima

FIRENZE – La Fiorentina voleva chiudere la primo posto la fase a gironi di Europa League e ci è riuscita, grazie alla vittoria sul Dnipro per 2-1. Un successo, il quinto in sei partite (più un pareggio), che permette ai viola anche di mantenersi imbattuti, nell’attesa del sorteggio per i sedicesimi di lunedì prossimo a Nyon.

I gol della Fiorentina portano la firma di Joaquin, che ha pareggiato poco prima dell’intervallo quello realizzato nei minuti iniziali dal numero 10 ucraino Konoplyanka, con un gran tiro a girare, beffando la non impeccabile difesa avversaria. E, quindi, nella ripresa, ci ha pensato Cuadrado, alla terza rete in coppa, a sigillare il successo con una rasoiata di destro che ha scaldato la gelida notte fiorentina e scatenato i tifosi della curva Fiesole, che hanno cominciato a gridare ‘Oh, Montella, portaci a Torino’, con chiaro riferimento alla finalissima della Europa League (dove fra l’altro è approdata anche la Juve, dopo l’uscita dalla Champions) che si giocherà a metà maggio nello ‘Stadium’ bianconero.

Che Montella tenesse a difendere il primo posto ricoperto dalla sua squadra fin dalle fasi iniziali della competizione lo ha dimostrato il fatto che il tecnico ha effettuato pochissimo turn-over, lasciando in panchina Rossi (ci resterà fino alla fine), Pizarro e Aquilani, questi ultimi due entrati nella seconda metà della ripresa, e inserendo tutti gli altri big, da Borja Valero allo stesso Cuadrado.

Il gol subito a freddo ha colto di sorpresa la squadra viola che ha un po’ faticato a ritrovarsi e a rendersi pericolosa tanto che la prima parata del portiere ucraino è arrivata dopo la mezz’ora su Cuadrado. Poi un’occasione del giovane Matos sprecata e quindi il gol di Joaquin, di testa, su assist del colombiano che ha fatto sospirare di sollievo Andrea Della Valle seduto in tribuna. Nella ripresa la Fiorentina ha continuato a cercare il gol del successo che è arrivato al 32′, dopo una bella parata di Neto su un tiro degli ucraini dalla distanza, grazie a un’iniziativa del talentuoso Caudrado. Unica nota stonata l’arbitraggio del portoghese Dias che ha scontentato i giocatori e il pubblico viola per diverse discutibili decisioni.

Condividi: