Iraq: a dieci anni dalla cattura di Saddam continua il dramma

Pubblicato il 13 dicembre 2013 da redazione

BAGHDAD – Nascosto in una buca sotterranea, capelli lunghi e barba incolta: così Saddam Hussein, il presidente iracheno che aveva promesso di combattere ad oltranza contro le truppe d’invasione, fu trovato il 13 dicembre del 2003 dai soldati americani. Ma dieci anni dopo la sua cattura l’Iraq non è ancora uscito dall’incubo della violenza settaria, che anzi si è aggravata negli ultimi mesi come conseguenza del conflitto nella vicina Siria.

Circa 6.000 persone sono morte dall’inizio di quest’anno in attentati e attacchi armati in tutto il Paese, mentre le autobomba continuano ad esplodere anche nel centro di Baghdad. E il forte aumento della produzione petrolifera, che ha portato l’Iraq a competere con l’Iran per il posto di secondo esportatore dell’Opec dopo l’Arabia Saudita, non ha risolto i gravi problemi economici e sociali del Paese, alle prese con la disoccupazione e una corruzione molto diffusa. Saddam, catturato nell’operazione ‘Alba Rossa’ dalle forze americane senza sparare un colpo, sarebbe finito impiccato nel dicembre del 2006 dopo essere stato condannato per crimini contro l’umanità.

Per nascondersi dopo la caduta di Baghdad aveva scelto il villaggio di Adwar, a una quindicina di chilometri da Tikrit, il feudo del suo clan. Ma l’eredità della sua dittatura ha continuato a pesare su un Paese in cui i sunniti, confessione a cui apparteneva, sembrano non rassegnarsi alla presa del potere da parte della maggioranza sciita, di cui fa parte il premier Nuri al Maliki, buon alleato dell’Iran, l’arcinemico della guerra di otto anni, combattuta dal 1980 al 1988.

Gli attentati di Al Qaida – o ad essa attribuiti – contro la comunità sciita continuano a insanguinare il Paese, mentre le autorità temono il ritorno dei fedelissimi del partito Baath di Saddam. Dall’inizio dell’anno grandi manifestazioni contro Maliki si svolgono nelle regioni a maggioranza sunnita, specie in quella occidentale dell’Anbar, confinante con la Siria, dove lo Stato islamico dell’Iraq e del Levane (Isis), branca di Al Qaida, mantiene le sue basi di appoggio per le operazioni nel vicino Paese.

Dalla caduta del regime di Saddam quasi 120.000 persone hanno perso la vita nelle violenze. E sebbene la situazione sia oggi migliore di quella del periodo che vide un conflitto aperto tra sunniti e sciiti tra il 2006 e il 2007, sono forti i timori che l’incendio in cui oggi brucia la Siria si propaghi a tutto l’Iraq. A preoccupare sono anche le tensioni tra il governo centrale e le autorita’ della regione autonoma del Kurdistan.

A tutto questo si aggiunge il dramma dei cristiani iracheni, che erano un milione e mezzo sotto il vecchio regime, ma che ora si sono ridotti circa alla metà. Durante una visita a Washington alla fine di ottobre Maliki ha chiesto anche l’aiuto del presidente americano Barack Obama per riportare la sicurezza nel Paese, due anni dopo il ritiro delle ultime truppe statunitensi. Mentre si avvicina il delicato momento delle prossime elezioni politiche, in programma ad aprile del 2014.

Alberto Zanconato/Ansa

 

Ultima ora

17:44Maltempo: in Veneto chiusi i passi a rischio valanghe

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Nevica ancora in Veneto solo oltre i 1400 metri di quota, e per questo motivo la società Veneto Strade ha deciso di chiudere i Passi Pordoi, Falzarego, Valparola, Giau e Fedaia, per possibili slavine durante la notte. La situazione è seguita costantemente dai tecnici di Veneto Strade e nella giornata di domani si deciderà quando riaprirli. L'indice di rischio slavine - in una scala da 1 a 5 - è al momento stimato dal centro antivalanghe di Arabba tra il grado 3 (marcato) e 4 (forte).

17:44Maltempo: forte vento nelle Marche, rami e alberi su strade

(ANSA) - ANCONA, 11 DIC - Forti raffiche di vento nelle Marche hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco in numerosi interventi. Ad Arcevia (Ancona), lungo la Sp 48 per Montelago, un grosso albero si è abbattuto sulla sede stradale, per fortuna senza fare danni. Per rimuoverlo si è dovuto far ricorso ad una squadra di pompieri da Ancona con mezzi adeguati. Rami, alberi e tegole pericolanti sono segnalati in tutta la provincia. A Fabriano vigili del fuoco al lavoro in via Dante per la messa in sicurezza della pensilina di un distributore di carburante, con la copertura staccata dal vento. Stesso quadro in provincia di Pesaro Urbino e nell'entroterra maceratese. Per domani la Protezione civile prevede un'intensificazione dei fenomeni, con raffiche di vento fino a 60-100 km orari.

17:41Doping: Fontana, ingiusto squalificare tutti i russi

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Non ritengo giusto il fatto di squalificare tutti gli atleti, sono sicura che in molti non hanno fatto mai uso di doping". Arianna Fontana, campionessa dello short track e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi invernali di PyeongChang 2018, commenta così il bando degli atleti russi. "Veder sfumare il sogno olimpico deve essere una sensazione bruttissima. Potranno gareggiare senza bandiera ma è un po' diverso, è una decisione dura", ha aggiunto Fontana a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota avvenuta a Roma.

17:40Ordigno stazione Cc, possibili legami con Torino

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Potrebbero esserci connessioni fra l'attentato dello scorso 7 dicembre a Roma, rivendicato dalla sigla Fai-Fri, e gruppi anarchici lottarmatisti orbitanti a Torino, dove è in corso il maxiprocesso Scripta Manent. La possibilità è al vaglio delle forze dell'ordine che si occupano del caso. Di recente ambienti anarchici hanno lanciato la campagna 'Dicembre nero', dedicata a Sebastian Oversluij, morto in Cile nel 2013, e a Alexandros Grigoropoulos, morto nel 2008. I comunicati invitano all'azione che "alimenti incendi e esplosioni contro il potere e i suoi difensori". La rivendicazione dell'attentato di Roma è a firma Fai-Fri 'Cellula Santiago Maldonado'. Il testo, a differenza di iniziative analoghe, non esprime solidarietà agli imputati del processo Scripta Manent, cosa che ha attirato l'attenzione degli investigatori. A Scripta Manent c'è invece riferimento nei comunicati di 'Dicembre nero', dove si legge che "in Italia i nostri compagni lanciano insulti ai giudici riaffermando le proprie convinzioni".

17:40Boldrini, fascismo e nazismo sono tragedie globali

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il fascismo e il nazismo sono tragedie globali: non si tratta di cose di ragazzi, guai a essere indulgenti". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, aprendo i lavori del secondo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

17:40Maltempo: in Toscana prolungata allerta rossa

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - E' stata prolungata fino alle 13 di domani 12 dicembre, l'allerta rossa per l'Alta Toscana per rischio idrogeologico e idraulico. Rimane arancione il livello di allerta per la Versilia e la parte dell'Ombrione pistoiese per rischio idrogeologico, vento e mareggiate. Scende invece al codice giallo la criticità per il resto della regione. Le aree dove il codice è più alto, si spiega dalla protezione civile regionale, sono Lunigiana, Apuane, Garfagnana, valle del Reno, parte inferiore del Serchio fino a Marina di Vecchiano. L'allerta è stata prolungata a seguito dell'ultimo bollettino meteo, in base al quale oggi proseguiranno le precipitazioni persistenti sui rilievi di Lunigiana, Garfagnana, Appennino pistoiese, in parte anche quello pratese e fiorentino. Le piogge, generalmente di moderata intensità, tenderanno ad intensificarsi dal pomeriggio, con possibili rovesci temporaleschi sulla Lunigiana e Garfagnana. In pianura saranno più deboli e intermittenti. Nel corso della notte le precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o localmente di temporale, tenderanno gradualmente a trasferirsi al resto della regione, attenuandosi sul nord-ovest. Dalla sera di oggi, lunedì, ci sarà anche possibilità di temporali sul nord-ovest. Nel corso della notte e la mattinata di domani possibilità di temporali sparsi sul centro-nord, dal pomeriggio su quelle meridionali. Per i venti, oggi raffiche molto forti crinali appenninici e sottovento ad essi, costa centro-meridionale, Colline Metallifere e attorno all'Amiata. Attenuazione dei venti a partire dalle prime ore di domani quando è prevista la rotazione dei venti a libeccio. Oggi ancora mare agitato sulle coste esposte al flusso meridionale e in Arcipelago. Graduale attenuazione del moto ondoso dalle prime ore di domani, martedì.(ANSA).

17:30Roma:domenica ecologia slitta a 25/2, 17/12 pedonalizzazioni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato l'ordinanza per posticipare la domenica ecologica del 17 dicembre 2017 alla nuova data del 25 febbraio 2018. In aggiunta allo spostamento della data si è scelto di valutare la possibilità di pedonalizzare, nella giornata del 17 dicembre, una via in ogni Municipio al fine di creare tante isole pedonali libere dalle auto. Alcune associazioni di commercianti avevano chiesto lo slittamento visto che la domenica ecologica cadeva nel fine settimana di shopping pre-natalizio. Inoltre l'assessorato alla Sostenibilità Ambientale ha deciso di riproporre l'iniziativa di piantumazione di essenze nelle tre "domeniche ecologiche" ancora in programma (21 gennaio; 11 febbraio e 25 febbraio).

Archivio Ultima ora