Il Sindaco di Norimberga: “Non chiudete lo sportello consolare!”

NORIMBERGA– Sindaco di Norimberga, amante dell’Italia e della nostra lingua, che conosce bene tanto da scrivere in italiano, Ulrich Maly ha inviato una lettera all’ambasciatore a Berlino Elio Menzione per manifestargli la sua contrarietà alla chiusura dello Sportello Consolare attivo in città.

Questa, spiega Giovanni Ardizzone, presidente del Comites di Norimberga, non è l’unica lettera a sostegno dello sportello consolare: l’onorevole Michael Frieser, in particolare, ne ha inviate al ministro degli affari esteri tedesco, all’ambasciatore Menzione e al console Generale di Monaco di Baviera, per manifestare la propria opposizione alla ventilata chiusura dell’ufficio.

“Gentile Signor Ambasciatore, – scrive il sindaco Maly – negli ultimi giorni ho appreso dalla comunità italiana a Norimberga che si sta vagliando la possibilità di chiudere il locale Consolato, l’unica rappresentanza dell’Italia nel nord della Baviera. Sono un grande amico dell’Italia e Commendatore della Repubblica, ho partecipato ad alcune conferenze internazionali in Italia e sono vicino ai miei concittadini e ospiti italiani, non da ultimo anche grazie alle mie conoscenze della lingua italiana. Mi permetta, di conseguenza, di elencare, qui di seguito, quale importanza abbia il Consolato d’Italia in Norimberga per i rapporti commerciali e culturali tra l’Italia e la Germania e quale importanza rivesta il suo mantenimento”.

“La comunità italiana – si legge nella lettera del sindaco – è molto attiva, ed, in parte, da lungo tempo qui residente, riveste per la Regione Metropolitana di Norimberga con i suoi 3,5 milioni di abitanti una notevole importanza. Questa comunità necessita del suo unico punto di riferimento nel nord della Baviera, non solo per il settore commerciale, ma anche per quello Sociale e Scolastico. Il Consolato è di supporto per le generazioni nate all’estero nel mantenere le tradizioni italiane e le conoscenze linguistiche. Il consolato collabora da molti anni in maniera intensa con il comune di Norimberga, nell’ambito dei rapporti con numerose città italiane (Venezia, Verona, Bologna, Chiusa). Il Consolato rappresenta per noi, in particolare nell’ambito dei rapporti tra Norimberga e Verona in campo commerciale, un partner sempre molto competente ed al quale non possiamo rinunciare. Faccio anche riferimento ad Albrecht Durer, il figlio più illustre di Norimberga, che aveva stretti legami con Venezia. Norimberga intrattiene, inoltre, già dal 1954 legami di amicizia con la città di Venezia che furono rinsaldati nel 1999”.

Condividi: