Roberti: “Oggi Cosa Nostra non ha forza stragista”

Pubblicato il 18 dicembre 2013 da redazione

ROMA  – Cosa Nostra torna a minacciare, fa arrivare messaggi intimidatori ai magistrati in prima linea, fa paura. Ma il dna dell’organizzazione mafiosa per antonomasia in Italia, è profondamente cambiato e “l’ipotesi che Cosa Nostra possa mettere in atto un attentato di tipo stragista sul genere di quelli che hanno segnato i primi anni ’90 è piuttosto remota” perché oggi Cosa Nostra non è “nelle condizioni militari e organizzative di venti anni fa”. L’analisi è del procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, intervenuto alla Camera alla presentazione dell’attività 2013 della Dia. Un’attività record, con 160 arresti e sequestri per 1,3 miliardi di euro, che chiude il ventunesimo anno di attività di un apparato di investigazione e coordinamento il cui “modello dovrebbe essere esportato in molti altri settori di azione dei pubblici poteri”, sottolinea la presidente della Camera, Laura Boldrini.

Roberti ha manifestato la propria solidarietà al pm di Palermo Nino Di Matteo e ai magistrati della Procura impegnati nell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia, vittime delle pesanti minacce del boss Totò Riina. Domani, tra l’altro, sarà una delegazione del Csm guidata dal vice presidente Michele Vietti a recarsi a Palermo per una serie di incontri con i capi degli uffici giudiziari e per studiare possibili interventi di tutela.

– Il clima è pesante, desta allarme – sottolinea lo stesso Roberti – e l’attenzione dello Stato è altissima. Ma non siamo nel ’92.

Cosa Nostra, si legge nel rapporto Dia, pur conservando una “straordinaria capacità di penetrazione e condizionamento del tessuto socio-economico” e una “contiguità con settori della politica e delle amministrazioni locali”, appare “in perenne affanno, impegnata in una frenetica rimodulazione degli assetti e delle catene di comando”.

L’ultimo colpo assestato alla mafia è di pochi giorni fa con l’arresto della rete del clan di Matteo Messina Denaro. Ora all’appello manca lui, il boss superlatitante. Ma “per ripetere le parole di Falcone, ogni cosa ha un inizio e una fine. E le latitanze sono sempre finite a favore dello Stato. Credo che anche in questo caso possiamo ottimisticamente sperare: forse il 2014 porterà buone notizie”, auspica il direttore della Dia, Arturo De Felice. Le minacce a Di Matteo hanno riportato in primo piano anche il dibattito sul 41 bis, perché sono partite da Riina, detenuto in regine di carcere duro, e perché il ministro dell’Interno Angelino Alfano ne ha ipotizzato un inasprimento.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora