Serie A. Alleanza Inter e Milan per un derby con curve

Pubblicato il 18 dicembre 2013 da redazione

MILANO – Inter e Milan stanno lavorando per far sì che sia posticipato il divieto che altrimenti svuoterà la curva nerazzurra nel derby di domenica per decisione del giudice sportivo, che ha punito i cori anti-napoletani dei tifosi nerazzurri in trasferta al San Paolo. Altrimenti, si profila un’altra alleanza, fra gli ultrà dell’una e dell’altra squadra, con la Curva Sud rossonera che potrebbe disertare l’appuntamento per solidarietà. Tutti attendono la decisione della Corte di giustizia federale che venerdì esaminerà il ricorso dell’Inter e potrebbe optare per una sospensione del provvedimento.

“Un derby senza curve perde il suo fascino”, ha notato il capitano nerazzurro Javier Zanetti, che in 18 anni di sfide contro il Milan ne ha vissuta una terribile interrotta dal lancio di fumogeni dalla curva Nord (12 aprile 2005), un’altra con il secondo anello verde deserto per la protesta degli ultrà contro società e squadra (14 aprile 2006) e molte altre introdotte da coreografie spettacolari.

“Ho parlato con Fassone, vediamo se possiamo contribuire a far sì che venga posticipato questo divieto per i tifosi: non ha senso – ha detto Galliani -. Quando entri in uno stadio e vedi un settore vuoto è una ferita. Io continuo a pensare che il razzismo sia una cosa e la discriminazione territoriale ce la siamo inventata noi in Italia. E’ una cosa che nulla ha a che vedere con il razzismo e non so perché è stata introdotta. Macché derby dimesso, è un derby come sempre da stadio esaurito. Sono sempre partite belle intense che si vivono indipendentemente dalla classifica. Mi auguro che siano presenti entrambe le curve”.

I due fronti del tifo organizzato si confronteranno in questi giorni. La curva milanista tirerà le somme oggi nella consueta riunione del giovedì.

“Gli ultras sono rivali ma – ha notato Giancarlo Capelli, storico leader della Curva Sud milanista – in certe situazioni possono essere uniti”. Se e come si uniranno, si capirà solo alla vigilia della partita. La Curva Nord ha promesso di non restare “a guardare passivi questo teatrino” e ha invitato tutti i suoi membri “a tenersi pronti, uniti e carichi in quanto liberi cittadini…”. Anche all’interno del tifo organizzato ci sono le correnti, più e meno calde, e nel frattempo circolano voci incontrollate fra cui l’ipotesi che le due curve seguano la partita fuori dallo stadio, o che addirittura si possano verificare picchetti per non fare entrare il resto degli spettatori. Intanto l’Inter conta di far valere la propria difesa in sede di ricorso. La società punta anche sulla sproporzione fra gli oltre 7.000 posti del settore chiuso e i circa 300 tifosi interisti (di cui solo 12 abbonati) che al San Paolo domenica hanno scandito cori anti-napoletani. Su forum, social network o inviando mail ai media, rivendicano i propri diritti anche molti tifosi nerazzurri, che non erano a Napoli né sono abbonati alla Curva ma hanno acquistato un posto nel secondo anello verde per questa partita. Come è capitato ad esempio ad alcuni abbonati nerazzurri del secondo anello blu che in occasione dei derby devono scegliere un posto altrove perché quello diventa il settore della curva milanista.

Ultima ora

17:52Legge stabilità: M5S attacca Lotti

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "In questa legge di Stabilità il ministro Lotti ha provato a inserire alcune proposte che è stato incapace di mettere nero su bianco nell'ultimo anno in cui ha fatto il ministro part time. L'ultimo tentativo è stato quello di trasformare la sua legge salva-Malagò in un emendamento fatto firmare a un deputato di Scelta Civica": così il deputato del Movimento 5 Stelle Simone Valente su Facebook. "Per fortuna - nel rispetto dei regolamenti - la Camera ha ritenuto inammissibile quella norma - aggiunge Valente - perché nulla ha a che vedere con una legge come quella di Stabilità. Proveranno a inserirla nuovamente durante l'esame in Aula, noi ci opporremo in maniera durissima a una norma fatta solo per salvare il suo amico Malagò".

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

Archivio Ultima ora