Napoli solo un pareggio, e sorride il Cagliari

CAGLIARI. – Il Napoli non riesce a volare: l’ebbrezza del decollo si ferma davanti alla bandierina alzata del guardalinee che boccia lo splendido tiro di Callejon finito alle spalle di Avramov. Motivo? Due giocatori sulla traiettoria della conclusione. E gol annullato: finisce 1-1. Forse è giusto così: il Cagliari ci ha messo il cuore e non meritava di interrompere la serie positiva che stasera ha raggiunto quota sei. E il Napoli era solo il ‘cugino’ di quello straripante visto contro l’Inter, quindi adesso si ritrova a -7 dalla Juve, con il rischio che i bianconeri vadano a +10 se vinceranno a Bergamo. Succede tutto nei primi venti minuti: segna Nenè, replica Higuain su rigore. Il Cagliari parte all’attacco e trova spesso e volentieri spazio sull’out di Reveillere. In realtà però poi il gol nasce dalla parte opposta. È il 9′: un lancio lungo trova inaspettatamente Astori sulla sinistra e Maggio impreparato. Il centrale rossoblù può così entrare tranquillamente in area e trasformarsi in rifinitore servendo all’indietro per Nenè. Il brasiliano non sbaglia. Anche se 5 minuti dopo si stira. Bilancio? In un quarto d’ora ha fatto un po’ di tutto: un giallo, un gol e poi l’infortunio. Il Cagliari a questo punto fa l’errore letale: accennare la ritirata. Non passano nemmeno dieci minuti e dopo due o tre brividi arriva il pari del Napoli: palla in area per Pandev, Astori forse si appoggia al numero 19 e per Valeri è rigore. Implacabile Higuain, che poco prima aveva ciabattato da buona posizione, dal dischetto. Si riparte dall’1 a 1. Ma ormai il Napoli ci ha preso gusto a comandare. E non smette: gli uno-due degli azzurri oggi in maglia gialla al limite dell’area fanno sempre paura. Anche se a questo punto si aprono grandi spazi per il contropiede del Cagliari: potenzialmente pericoloso, ma manca sempre qualcosa nel passaggio finale. Proprio nel recupero finisce la partita anche per Reina: stiramento e in porta ci finisce Rafael. Nella ripresa, anche se Lopez cambia un po’ le cose per prendersi il sicuro sulla sua fascia sinistra l’andazzo è sempre quello. Napoli che prova a fare la partita cercando l’accelerazione sulla tre quarti con i guizzi di Pandev, Insigne e Higuain che va dietro a cercare respiro. E’ un Cagliari molto guardingo e attento. Risultato: quasi non si vedono nemmeno calci d’angolo, figurarsi i tiri in porta. Eppure al 28′ ci sarebbe pure un gol: un gran tiro al volo di Callejon che si insacca. Il guardalinee vede però due giocatori in fuorigioco: vengono considerati in offside perché probabilmente coprono la visuale di Avramov. L’arbitro non può far altro che annullare la rete. Poi il Cagliari si convince ancora di più che è meglio accontentarsi. E il Napoli non ce la fa a sfondare: Juve e Roma sembrano davvero lontane.

Condividi: