Una magia di Palacio regala il derby all’Inter

Pubblicato il 23 dicembre 2013 da redazione

MILANO. – Vince l’Inter per 1-0 il derby dei debuttanti, lontano anni luce dai fasti del passato. Risolve una prodezza di Palacio, un vero campione che è diventato il valore aggiunto della squadra di Mazzarri. La rete dell’argentino porta i nerazzurri a 31 punti (-2 dalla Fiorentina e -5 dal Napoli). Meglio il Milan nel primo tempo, cresce l’Inter nella seconda frazione di gioco. Finale ad alta tensione con Muntari che si fa espellere. Due società rinnovate, due squadre piuttosto in crisi, da una parte Erick Thohir, dall’altra la strana coppia Galliani-Barbara Berlusconi. Assente Massimo Moratti, segno di quanto siano cambiati i tempi. Inter e Milan si affrontano a San Siro che, riapre agli ultras, ed è tutto esaurito. Niente striscioni al derby di Natale per uno spettacolo non esaltante sul piano tecnico. Massimiliano Allegri punta su l’ennesimo debuttante Saponara che posiziona – insieme a Kaká – alle spalle dell’intermittente Balotelli, preso di mira dai suoi ex tifosi. Escluso Matri che resta in panchina. Mazzarri non cambia modulo ma opta per Taider e Campagnaro al posto di Kovacic e Ranocchia. La partita è tesa, ruvida con un rigore reclamato dall’Inter per un fallo di Zapata su Palacio atterrato in area. I nerazzurri si presentano in campo aggressivi ma perdono subito verve, si abbassano e lasciano molto spazio all’iniziativa del Milan che fa possesso palla e si rende pericoloso in un paio di occasioni. Il gioco dell’Inter è tutt’altro che “piacevole e costruttivo” (contrariamente a quanto aveva chiesto Mazzarri), sembra rinunciatario e prevedibile. All’8′ si mette in evidenza Saponara che riesce a passare a Balotelli sul quale chiude Juan Jesus, due minuti dopo lo stesso Balotelli manda alto sulla traversa. Ancora paura per l’Inter: questa volta è Kaká a dare un brivido al popolo nerazzurro. Ci mette una pezza Cambiasso anche se precedentemente l’arbitro aveva fischiato un fallo di Balotelli su Handanovic. Al 16′ Guarin calcia dalla distanza. Muntari tenta anche lui il tiro da trenta metri. Al 24′ cross di Taider per Nagatomo che non trova la porta. Alla mezz’ora l’unica vera occasione da gol: si accende una mischia in area, frettolosa uscita di Handanovic con il pallone che finisce sui piedi imprecisi di Poli il quale – a porta vuota – spedisce alto sulla traversa. Molta tattica, tanti errorri, meglio il Milan che trova in Bonera il suo uomo migliore in una partita che si fa via via più nervosa. Guarin viene richiamato più volte, ammoniti De Sciglio e Constant. Al 40′ un episodio che farà molto discutere: Palacio viene atterrato in area da Zapata. Sembrerebbe rigore ma Mazzoleni fa proseguire. L’Inter non ha beneficiato neanche di un tiro dal dischetto in questo scorcio di stagione, circostanza messa più volte in evidenza da Mazzarri anche alla vigilia del derby. Il secondo tempo vede un Milan stanco, alle corde, spento con i nerazzurri che prendono coraggio e provano a vincere. Para Abbiati un rasoterra di Jonathan al 2′, poco dopo Guarin è pericoloso con un colpo di testa respinto in modo rocambolesco. All’8′ Balotelli tenta ma il suo tiro viene deviato da Handanovic. Poco dopo ancora lui mette nuovamente in crisi il portiere nerazzurro. Mazzarri si rende conto che il Milan sta crollando e capisce che può vincere la partita. Punta su Kovacic ed è la svolta. La partita cambia faccia. Bonera e Muntari, i due uomini chiave del Milan, non stanno bene. Zanetti cede il campo a Kuzmanovic. Matri rileva Saponara, per lui una buona giocata e poco altro. Al 36′ azione concitata in area del Milan con Abbiati che salva due volte, prima su Palacio e dopo su Guarin. C’è spazio anche per Icardi. Al 41′ la magia di Palacio: cross di Guarin per il tacco dell’argentino che chiude così la partita. Entra Pazzini ma per il Milan le energie sono finite e Muntari, che spintona Kuzmanovic, viene espulso. Gioisce e prega Thohir in tribuna. Epilogo amaro per il Milan che cambia tutto ma non la sua classifica (13/ma posizione) con appena 19 punti in una stagione davvero da dimenticare. Allegri resta sulla graticola, Seedorf sempre più l’uomo del futuro e del riscatto. (Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

22:06Papa: strage Dacca, moglie Rossi, oggi una “emozione forte”

(ANSA) - UDINE, 22 FEB - "E' stata un'emozione molto forte". E' con queste parole che Stefania Collavin, la moglie dell'imprenditore friulano Cristian Rossi, una delle vittime italiane dell'attentato terroristico di matrice islamica di Dacca, ha descritto l'incontro privato che questa mattina Papa Francesco ha dedicato ai familiari delle vittime. "Sono state ricordate le nostre vittime. Il Papa ha riconosciuto che da noi non si è sviluppato un sentimento di odio e rancore e ha ricordato che il percorso che stiamo intraprendendo, dall'odio all'amore, è molto importante e difficile", ha testimoniato Stefania, raccontando anche il momento di tenerezza in cui Papa Francesco si è avvicinato alle bambine e ha baciato le due gemelline Gaia e Camilla. In udienza c'era anche la figlia di Marco Tondat, l'altra vittima friulana di Cordovado. I familiari hanno fatto dono al Papa di nove piantine di ulivo in segno di pace, con una colombina in legno su cui sono stati incisi i nomi delle vittime.

22:01Atletica: a marciatrice Rigaudo bronzo Mondiali Daegu

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Consegnata ad Elisa Rigaudo (Fiamme Gialle) la medaglia di bronzo della 20 km di marcia dei Campionati Mondiali di Daegu nel 2011. La cerimonia ha avuto luogo a Torino, in occasione della cerimonia di premiazione del Comitato regionale Coni Piemonte, alla presenza del presidente del Coni, Giovanni Malagò, e della Fidal, Alfio Giomi. La medaglia arriva sei anni dopo la gara, dove la Rigaudo arrivò quarta, in seguito alla squalifica per doping della vincitrice, la russa Olga Kaniskina. L'azzurra è così l'unica atleta delle Fiamme Gialle nell'atletica leggera ad essere salita sul podio alle Olimpiadi (bronzo Pechino 2008), ai Mondiali e ai Campionati Europei (bronzo Goteborg 2006).

21:53Calcio: Yianjin tenta Bacca, 12 mln a stagione

(ANSA) - MILANO, 22 FEB - Dopo il no di Nikola Kalinic, i cinesi del Tianjin Quanjian provano a virare su Carlos Bacca. A meno di una settimana dalla chiusura del mercato in Cina, il Tianjin, allenato da Fabio Cannavaro è alla ricerca di un centravanti e nelle ultime ore ha puntato sul trentenne colombiano del Milan. A Bacca sarebbe stato proposto un contratto da 12 milioni di euro a stagione, quasi quattro volte il suo attuale ingaggio. L'offerta arriva a pochi giorni di distanza dalla vittoria di domenica scorsa contro la Fiorentina, in cui l'attaccante è stato l'unico giocatore rossonero fischiato dai tifosi per una serie di errori. Al momento, secondo quanto filtra, il centravanti non sarebbe particolarmente convinto dall'idea di trasferirsi, in Cina, dove il mercato chiude il 28 febbraio. Se Bacca dovesse accettare, il Tianjin (disposto a pagare 45 milioni di euro alla Fiorentina per Kalinic) poi farà la sua offerta al Milan e si parla di una proposta di poco superiore ai 30 milioni di euro.

21:44Calcio: termina stage azzurri, tripletta Inglese

(ANSA) - FIRENZE, 22 FEB - E' finito con una partitella in famiglia il secondo stage organizzato a Coverciano dal ct della Nazionale, Gian Piero Ventura, dedicato ai giocatori emergenti di Serie A e B: gli unici che non sono scesi in campo sono stati il giocatore del Bologna Verdi e il difensore della Spal Bonifazi, entrambi affaticati. Di qui l'impiego di qualche elemento della formazione allievi dell'Empoli. Sugli scudi Inglese, autore di una tripletta: l'attaccante dell'Empoli è stato schierato insieme a Petagna e a Berardi, l'osservato speciale di questo stage. "Ha voglia di imparare e di diventare protagonista - ha detto Ventura dell'attaccante del Sassuolo - L'ho trovato molto ben disposto. Prima dell'infortunio aveva segnato sette reti in sei gare, se non si fosse fatto male l'avrei già chiamato. Se è pronto per la gara con l'Albania? Non è ancora al 100% ma ha tutto per diventare un giocatore importante".

21:40Calcio: Europa League, Manchester United agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Il Manchester United si è qualificato per gli ottavi di finale di Europa League vincendo 1-0 a St.Etienne dopo il successo per 3-0 dell'andata in Inghilterra. La rete dei Red Devils è stata realizzata da Mkhitaryan al 17'. Superano il turno anche i tedeschi dello Schalke 04, che hanno pareggiato 1-1 (rete di Schopf al 23', autogol di Nastasic al 25') in casa con i greci del Paok forti del 3-0 della prima gara a Salonicco. Ottavi anche per la squadra russa del Krasnodar, che dopo aver vinto l'andata 1-0, ha imposto l'1-1 (reti di Smolov al 7' e Souza al 41') in casa dei turchi del Fenerbahce. Domani in programma le altre 13 partite dei sedicesimi, con in campo Roma (ospita il Villarreal) e la Fiorentina (ospita il Borussia Moenchengladbach). Venerdì i sorteggi degli ottavi.

21:38Italiani uccisi Libia, rischio processo manager Bonatti

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Se si fosse dato retta all'allarme lanciato dalla Farnesina sulla situazione critica in Libia e se si fosse data massima priorità alla sicurezza forse la sorte dei quattro tecnici della Bonatti, sequestrati il 19 luglio del 2015, sarebbe stata diversa. Due di loro, Salvatore Failla e Fausto Piano, morirono il 2 marzo in un conflitto a fuoco tra rapitori e milizie regolari nel corso di un trasferimento. La Procura di Roma ha chiuso uno dei filoni di indagine e ora rischiano il processo in sei per l'accusa di cooperazione colposa nel delitto doloso, una fattispecie dell'omicidio colposo. Indagato l'intero Cda della Bonatti, società parmense che costruisce impianti oil&gas: il presidente Paolo Ghirelli e altri tre componenti e il responsabile dell'azienda per la Libia Dennis Morson. Finito nel registro degli indagati del pm Sergio Colaiocco la stessa Bonatti in base alla legge sulla responsabilità degli enti. L'avviso di chiusura indagine è l'atto che anticipa la richiesta di rinvio a giudizio.

21:25Sanità: assolto primario a Trani, passò 3 mesi agli arresti

(ANSA) - TRANI, 22 FEB - Il Tribunale di Trani ha assolto "perché il fatto non sussiste" tre medici imputati per abuso d'ufficio e falso con riferimento a presunte irregolarità commesse nel 2012 nel reparto di Oculistica dell'ospedale 'Sarcone' di Terlizzi. I giudici hanno assolto da ogni accusa l'allora primario Antonio Acquaviva, attualmente primario di oculistica presso l'ospedale Di Venere di Bari, accusato di aver "gestito il reparto alla stregua di una clinica privata". In particolare l'accusa contestava al medico (difeso dai penalisti Carmelo Piccolo e Francesco Paolo Sisto) di aver procurato benefici e vantaggi patrimoniali a se stesso, mantenendo il ruolo di primario, e ad altri due medici "grazie alla pubblicità ottenuta dagli interventi eseguiti". Anche i due coimputati, i medici Vincenzo Mangione e Giuseppe Fanelli, sono stati assolti con formula piena. Nell'ambito di questa indagine, Acquaviva fu sottoposto ai 'domiciliari' per 81 giorni e poi al divieto di dimora per altri quattro mesi, fino al maggio 2013.

Archivio Ultima ora