Una magia di Palacio regala il derby all’Inter

Pubblicato il 23 dicembre 2013 da redazione

MILANO. – Vince l’Inter per 1-0 il derby dei debuttanti, lontano anni luce dai fasti del passato. Risolve una prodezza di Palacio, un vero campione che è diventato il valore aggiunto della squadra di Mazzarri. La rete dell’argentino porta i nerazzurri a 31 punti (-2 dalla Fiorentina e -5 dal Napoli). Meglio il Milan nel primo tempo, cresce l’Inter nella seconda frazione di gioco. Finale ad alta tensione con Muntari che si fa espellere. Due società rinnovate, due squadre piuttosto in crisi, da una parte Erick Thohir, dall’altra la strana coppia Galliani-Barbara Berlusconi. Assente Massimo Moratti, segno di quanto siano cambiati i tempi. Inter e Milan si affrontano a San Siro che, riapre agli ultras, ed è tutto esaurito. Niente striscioni al derby di Natale per uno spettacolo non esaltante sul piano tecnico. Massimiliano Allegri punta su l’ennesimo debuttante Saponara che posiziona – insieme a Kaká – alle spalle dell’intermittente Balotelli, preso di mira dai suoi ex tifosi. Escluso Matri che resta in panchina. Mazzarri non cambia modulo ma opta per Taider e Campagnaro al posto di Kovacic e Ranocchia. La partita è tesa, ruvida con un rigore reclamato dall’Inter per un fallo di Zapata su Palacio atterrato in area. I nerazzurri si presentano in campo aggressivi ma perdono subito verve, si abbassano e lasciano molto spazio all’iniziativa del Milan che fa possesso palla e si rende pericoloso in un paio di occasioni. Il gioco dell’Inter è tutt’altro che “piacevole e costruttivo” (contrariamente a quanto aveva chiesto Mazzarri), sembra rinunciatario e prevedibile. All’8′ si mette in evidenza Saponara che riesce a passare a Balotelli sul quale chiude Juan Jesus, due minuti dopo lo stesso Balotelli manda alto sulla traversa. Ancora paura per l’Inter: questa volta è Kaká a dare un brivido al popolo nerazzurro. Ci mette una pezza Cambiasso anche se precedentemente l’arbitro aveva fischiato un fallo di Balotelli su Handanovic. Al 16′ Guarin calcia dalla distanza. Muntari tenta anche lui il tiro da trenta metri. Al 24′ cross di Taider per Nagatomo che non trova la porta. Alla mezz’ora l’unica vera occasione da gol: si accende una mischia in area, frettolosa uscita di Handanovic con il pallone che finisce sui piedi imprecisi di Poli il quale – a porta vuota – spedisce alto sulla traversa. Molta tattica, tanti errorri, meglio il Milan che trova in Bonera il suo uomo migliore in una partita che si fa via via più nervosa. Guarin viene richiamato più volte, ammoniti De Sciglio e Constant. Al 40′ un episodio che farà molto discutere: Palacio viene atterrato in area da Zapata. Sembrerebbe rigore ma Mazzoleni fa proseguire. L’Inter non ha beneficiato neanche di un tiro dal dischetto in questo scorcio di stagione, circostanza messa più volte in evidenza da Mazzarri anche alla vigilia del derby. Il secondo tempo vede un Milan stanco, alle corde, spento con i nerazzurri che prendono coraggio e provano a vincere. Para Abbiati un rasoterra di Jonathan al 2′, poco dopo Guarin è pericoloso con un colpo di testa respinto in modo rocambolesco. All’8′ Balotelli tenta ma il suo tiro viene deviato da Handanovic. Poco dopo ancora lui mette nuovamente in crisi il portiere nerazzurro. Mazzarri si rende conto che il Milan sta crollando e capisce che può vincere la partita. Punta su Kovacic ed è la svolta. La partita cambia faccia. Bonera e Muntari, i due uomini chiave del Milan, non stanno bene. Zanetti cede il campo a Kuzmanovic. Matri rileva Saponara, per lui una buona giocata e poco altro. Al 36′ azione concitata in area del Milan con Abbiati che salva due volte, prima su Palacio e dopo su Guarin. C’è spazio anche per Icardi. Al 41′ la magia di Palacio: cross di Guarin per il tacco dell’argentino che chiude così la partita. Entra Pazzini ma per il Milan le energie sono finite e Muntari, che spintona Kuzmanovic, viene espulso. Gioisce e prega Thohir in tribuna. Epilogo amaro per il Milan che cambia tutto ma non la sua classifica (13/ma posizione) con appena 19 punti in una stagione davvero da dimenticare. Allegri resta sulla graticola, Seedorf sempre più l’uomo del futuro e del riscatto. (Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

19:46Maltempo: ancora venti forti in regioni del Centro-Nord

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Un nuovo flusso di correnti di origine atlantica provocherà a partire dalle prossime ore un aumento dei venti su molte regioni italiane del centro-nord: lo rende noto la Protezione Civile che ha emesso una allerta meteo a partire dal tardo pomeriggio di oggi con venti forti o di burrasca su Toscana, Emilia-Romagna e Marche, specie sui settori appenninici. Previste anche mareggiate lungo le coste esposte della Toscana. Per la giornata di domani, venerdì 19 gennaio, sarà allerta gialla sui settori appenninici di Abruzzo e Molise. Permane l'allerta arancione per rischio idrogeologico sul Veneto.(ANSA).

19:37Tiro a volo: GP Emiro, argento Chianese in Kuwait

(ANSA) - KUWAIT CITY, 18 GEN - Il Gran Premio dell'Emiro del Kuwait si chiude con un argento per la nazionale italiana di tiro a volo. Ad ottenerlo è stato Alessandro Chianese nel Double Trap, la specialità che mesi fa è stata cancellata dal programma delle Olimpiadi. Il marinaio di Casandrino è stato il migliore delle serie di qualifica con il totale di 141/150. Poi nella corsa per il podio l'unico ad aver mantenuto il ritmo dell'azzurro è stato il kuwaitiano Ahamd Alafasi, bronzo al Mondiale di Lonato del Garda nel 2015. Chianese e Alafasi si sono fronteggiati per l'oro e il tiratore di casa ha sfruttato il 'fattore campo' imponendosi per 76-73. Fuori dalla finale gli altri azzurri Ferdinando Rossi e Ignazio Maria Tronca, nono e 11/o. Tronca è un poliziotto e figlio dell'ex commissario straordinario di Roma, Paolo Francesco. Nello skeet bronzo per l'azzurro di Caserta Giancarlo Tazza, dietro ai due rappresentanti del Kuwait Abdullah Al-Rashidi, ex campiobne del mondo e falconiere dell'Emiro Al Sabah, e Abdulaziz Alfaihan.

19:35Scoperti 7,5 quintali cocaina nascosta in ananas in Spagna

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Un carico di quasi sette quintali e mezzo di cocaina nascosta all'interno di ananas freschi è stato scoperto dalla polizia in Spagna e Portogallo. La polizia dei due Paesi, citata dalla Cnn, ha spiegato che gli ananas venivano completamente svuotati e i gusci riempiti con cilindri di cocaina rivestiti di cera gialla, che a un controllo superficiale apparisse come polpa. Secondo la polizia, la droga veniva trattata nella città di Terrassa, in Catalogna, e trasportata verso Madrid ogni 25-30 giorni. Almeno nove persone sono state arrestate.

19:27Igor: giudice spagnolo proroga la secretazione degli atti

(ANSA) - BOLOGNA, 18 GEN - Il giudice del tribunale spagnolo di Alcaniz ha deciso di prorogare la secretazione degli atti sul triplice omicidio commesso da Norbert Feher alias 'Igor il russo', arrestato a metà dicembre e ora in carcere a Saragozza. Lo riportano media spagnoli, secondo cui da fonti giudiziarie si apprende che non è stata fissata una data per questa proroga, disposta per salvaguardare l'indagine. 'Igor' è accusato di aver ucciso i due agenti della Guardia Civil Víctor Romero e Víctor Caballero e l'allevatore Josè Luis Iranzo. La Procura di Bologna lo indaga invece per gli omicidi del barista Davide Fabbri e del volontario Valerio Verri. (ANSA).

19:21Biathlon: a norvegese Eckhoff sprint Anterselva, Wierer 7/a

(ANSA) - BOLZANO, 18 GEN - La tappa di Coppa del mondo di biathlon di Anterselva si apre con una vittoria della norvegese Tril Eckhoff. Per la Eckhoff, campionessa mondiale nella sprint due anni fa ad Oslo, è un grande ritorno ai vertici. E' stata infallibile al tiro, ha preso il comando della gara dopo la sezione in piedi e si è imposta con un tempo di 21:05.3 e con 12,0 secondi di vantaggio sulla tedesca Laura Dahlmaier. Terza, a 20,6 secondi la ceca Veronika Vitkova. La migliore azzurra in gara è stata l'altoatesina Dorothea Wierer, settima. Per la Wierer, 3/a in classifica generale, è il settimo piazzamento stagionale tre le top 10.

18:59Terremoto: consegnate ultime 28 casette a Pieve Torina

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - Consegnate le ultime 28 casette di Pieve Torina, su un totale di 208. A dare le chiavi alle ultime famiglie assegnatarie è stata il commissario per la ricostruzione Paola De Micheli, che in mattinata ha partecipato sl Comitato istituzionale nella cittadina marchigiana. De Micheli, giunta nell'area Sae, si è rivolta in particolare ai bambini, ricordando come la struttura che dirige sta lavorando "con impegno e serietà per il futuro di questi territori, nonostante le tante difficoltà e gli inevitabili errori commessi durante il percorso". Alla consegna delle casette presenti anche il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli e il capo della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli. Ha espresso soddisfazione il sindaco Alessandro Gentilucci: "Oggi si chiude una fase di prima emergenza, con tutti i nostri cittadini che finalmente hanno un tetto. Non possiamo considerare questo un momento di festa, ma è comunque il raggiungimento di un traguardo che ci consente di riaggregare tutta la nostra comunità e guardare con maggiore fiducia al futuro". Pieve Torina è il 14/o Comune con le sae consegnate al 100%.

18:40Maltempo: treni fermi in tutta la Germania

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - A causa dell'uragano "Friederike" che si sta abbattendo in queste ore sulla Germania, è stato interrotto il traffico ferroviario a lunga percorrenza in tutto il territorio tedesco. Lo ha dichiarato una portavoce della Deutsche Bahn, la società ferroviaria tedesca, alla Dpa.

Archivio Ultima ora