Una magia di Palacio regala il derby all’Inter

Pubblicato il 23 dicembre 2013 da redazione

MILANO. – Vince l’Inter per 1-0 il derby dei debuttanti, lontano anni luce dai fasti del passato. Risolve una prodezza di Palacio, un vero campione che è diventato il valore aggiunto della squadra di Mazzarri. La rete dell’argentino porta i nerazzurri a 31 punti (-2 dalla Fiorentina e -5 dal Napoli). Meglio il Milan nel primo tempo, cresce l’Inter nella seconda frazione di gioco. Finale ad alta tensione con Muntari che si fa espellere. Due società rinnovate, due squadre piuttosto in crisi, da una parte Erick Thohir, dall’altra la strana coppia Galliani-Barbara Berlusconi. Assente Massimo Moratti, segno di quanto siano cambiati i tempi. Inter e Milan si affrontano a San Siro che, riapre agli ultras, ed è tutto esaurito. Niente striscioni al derby di Natale per uno spettacolo non esaltante sul piano tecnico. Massimiliano Allegri punta su l’ennesimo debuttante Saponara che posiziona – insieme a Kaká – alle spalle dell’intermittente Balotelli, preso di mira dai suoi ex tifosi. Escluso Matri che resta in panchina. Mazzarri non cambia modulo ma opta per Taider e Campagnaro al posto di Kovacic e Ranocchia. La partita è tesa, ruvida con un rigore reclamato dall’Inter per un fallo di Zapata su Palacio atterrato in area. I nerazzurri si presentano in campo aggressivi ma perdono subito verve, si abbassano e lasciano molto spazio all’iniziativa del Milan che fa possesso palla e si rende pericoloso in un paio di occasioni. Il gioco dell’Inter è tutt’altro che “piacevole e costruttivo” (contrariamente a quanto aveva chiesto Mazzarri), sembra rinunciatario e prevedibile. All’8′ si mette in evidenza Saponara che riesce a passare a Balotelli sul quale chiude Juan Jesus, due minuti dopo lo stesso Balotelli manda alto sulla traversa. Ancora paura per l’Inter: questa volta è Kaká a dare un brivido al popolo nerazzurro. Ci mette una pezza Cambiasso anche se precedentemente l’arbitro aveva fischiato un fallo di Balotelli su Handanovic. Al 16′ Guarin calcia dalla distanza. Muntari tenta anche lui il tiro da trenta metri. Al 24′ cross di Taider per Nagatomo che non trova la porta. Alla mezz’ora l’unica vera occasione da gol: si accende una mischia in area, frettolosa uscita di Handanovic con il pallone che finisce sui piedi imprecisi di Poli il quale – a porta vuota – spedisce alto sulla traversa. Molta tattica, tanti errorri, meglio il Milan che trova in Bonera il suo uomo migliore in una partita che si fa via via più nervosa. Guarin viene richiamato più volte, ammoniti De Sciglio e Constant. Al 40′ un episodio che farà molto discutere: Palacio viene atterrato in area da Zapata. Sembrerebbe rigore ma Mazzoleni fa proseguire. L’Inter non ha beneficiato neanche di un tiro dal dischetto in questo scorcio di stagione, circostanza messa più volte in evidenza da Mazzarri anche alla vigilia del derby. Il secondo tempo vede un Milan stanco, alle corde, spento con i nerazzurri che prendono coraggio e provano a vincere. Para Abbiati un rasoterra di Jonathan al 2′, poco dopo Guarin è pericoloso con un colpo di testa respinto in modo rocambolesco. All’8′ Balotelli tenta ma il suo tiro viene deviato da Handanovic. Poco dopo ancora lui mette nuovamente in crisi il portiere nerazzurro. Mazzarri si rende conto che il Milan sta crollando e capisce che può vincere la partita. Punta su Kovacic ed è la svolta. La partita cambia faccia. Bonera e Muntari, i due uomini chiave del Milan, non stanno bene. Zanetti cede il campo a Kuzmanovic. Matri rileva Saponara, per lui una buona giocata e poco altro. Al 36′ azione concitata in area del Milan con Abbiati che salva due volte, prima su Palacio e dopo su Guarin. C’è spazio anche per Icardi. Al 41′ la magia di Palacio: cross di Guarin per il tacco dell’argentino che chiude così la partita. Entra Pazzini ma per il Milan le energie sono finite e Muntari, che spintona Kuzmanovic, viene espulso. Gioisce e prega Thohir in tribuna. Epilogo amaro per il Milan che cambia tutto ma non la sua classifica (13/ma posizione) con appena 19 punti in una stagione davvero da dimenticare. Allegri resta sulla graticola, Seedorf sempre più l’uomo del futuro e del riscatto. (Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

19:34Brasile: soldati continuano a occupare favela Rocinha a Rio

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 SET - L'esercito brasiliano continua ad occupare la 'favela' più grande di Rio de Janeiro, Rocinha, per il quarto giorno consecutivo: stanotte per la prima volta non si sono registrati scontri tra forze dell'ordine e trafficanti, riferiscono i media locali, ma le lezioni nelle scuole dello slum - in cui vivono almeno 70 mila persone, secondo stime ufficiali - restano sospese per motivi di sicurezza. Sono 950 i soldati che da venerdì scorso sono stati dispiegati nella regione, teatro da oltre una settimana di violenti sparatorie fra gang rivali di narcos. La polizia ha intanto trovato la casa del boss del traffico locale, Rogerio Avelino da Silva, conosciuto come Rogerio 157: si tratta di una villa, con vista su tutta la Rocinha, arredata con oggetti di estremo lusso, come hanno mostrato immagini girate dagli stessi agenti.

19:33Calcio: Calciopoli, vertici Fiorentina saranno “imputati”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - I vertici della Fiorentina saranno imputati per il mancato accantonamento nel bilancio della somma che il club potrebbe dover corrispondere a titolo di risarcimento per Calciopoli. Il gip di Firenze Matteo Zanobini, infatti, non ha accolto la richiesta di archiviazione della Procura, ma ha disposto che venga formulata l'imputazione per 16 persone, tra componenti del cda e del collegio sindacale della Acf Fiorentina Spa. L'accusa è di false comunicazioni sociali e riguarda, appunto, il bilancio chiuso il 31 dicembre 2015 e la somma da risarcire, su cui è in corso un giudizio civile, alla società Victoria 2000, che controllava il Bologna all'epoca di proprietà di Giuseppe Gazzoni, finita in amministrazione in seguito allo scandalo che determinò la retrocessione in Serie B nel 2005. La stessa Victoria aveva fatto denuncia e con l'avvocato Simone Sabattini si era opposta all'archiviazione. Tra i 16, anche Andrea e Diego Della Valle, Sandro Mencucci e l'attuale presidente Mario Cognigni.

19:32Ue:domani proposte ‘rifondazione’ Macron

(ANSA) - PARIGI, 25 SET - Il presidente francese, Emmanuel Macron, presenterà domani, con un discorso alla Sorbona davanti a studenti e giornalisti, le sue proposte per una "rifondazione" dell'Europa. Lo confermano fonti dell'Eliseo, precisando che il discorso - programmato espressamente dopo le elezioni tedesche per avere la certezza di avere davanti "4 anni di stabilità in Francia e Germania - sarà incentrato "sul rilancio dell'Europa sovrana, dell'Europa unita e dell'Europa democratica".

19:31Usa: Anthony Weiner condannato a 21 mesi carcere

(ANSA) - NEW YORK, 25 SET - Anthony Weiner, l'ex marito della più stretta collaboratrice di Hillary Clinton, Huma Abedin, e' stato condannato a 21 mesi di carcere per i suoi messaggini osceni a una quindicenne. Il carcere mette così una pietra tombale sulla carriera politica di Weiner, l'ex parlamentare che puntava in alto a Washington e che e' invece ripetutamente scivolato in una serie di scandali. "Sono stato un uomo malato per molto tempo, e sono responsabile per i danni che ho causato. Non ho scuse" ha detto Weiner in tribunale. "Il crimine che ho commesso, e' stato il mio punto piu' basso", ha aggiunto.

19:31Corea Nord: Pentagono, pronto un arsenale immenso

(ANSA) - NEW YORK, 25 SET - "Gli Stati Uniti hanno un arsenale immenso da fornire al presidente Trump per affrontare la questione della Corea del Nord". Lo afferma il portavoce del Pentagono, il colonnello Robert Manning, sottolineando come "tutte le opzioni sono sul tavolo": "Offriremo al presidente tutte le alternative necessarie se le provocazioni di Pyongyang continueranno".

19:30Brexit:Ue, 2 round prima vertice ottobre

(ANSA) - BRUXELLES, 25 SET - Ci saranno "due nuovi round di negoziati" sulla Brexit "prima del vertice Ue di ottobre" previsto il 19-20. È l'accelerazione annunciata dalla presidenza estone dell'Ue al termine del Consiglio affari generali sull'articolo 50. I ministri dei 27 si riuniranno quindi il 17 ottobre a Lussemburgo per il prossimo Consiglio affari generali sulla Brexit, ha aggiunto la presidenza estone.

19:29Iraq: referendum curdo, primi risultati attesi domani

(ANSA) - ERBIL (IRAQ), 25 SET - Sono attesi domani i primi risultati ufficiali del referendum consultivo sull'indipendenza del Kurdistan iracheno da Baghdad. Si prevede una valanga di 'sì'. Il voto non è vincolante e non è previsto che porterà all'indipendenza in tempi medio brevi. Ad ogni modo la chiamata alle urne è stata salutata dai leader curdi come un fatto storico. Le tv locali hanno annunciato che i seggi si sono chiusi nel tardo pomeriggio in tutta la regione del Kurdistan iracheno.

Archivio Ultima ora