Una magia di Palacio regala il derby all’Inter

Pubblicato il 23 dicembre 2013 da redazione

MILANO. – Vince l’Inter per 1-0 il derby dei debuttanti, lontano anni luce dai fasti del passato. Risolve una prodezza di Palacio, un vero campione che è diventato il valore aggiunto della squadra di Mazzarri. La rete dell’argentino porta i nerazzurri a 31 punti (-2 dalla Fiorentina e -5 dal Napoli). Meglio il Milan nel primo tempo, cresce l’Inter nella seconda frazione di gioco. Finale ad alta tensione con Muntari che si fa espellere. Due società rinnovate, due squadre piuttosto in crisi, da una parte Erick Thohir, dall’altra la strana coppia Galliani-Barbara Berlusconi. Assente Massimo Moratti, segno di quanto siano cambiati i tempi. Inter e Milan si affrontano a San Siro che, riapre agli ultras, ed è tutto esaurito. Niente striscioni al derby di Natale per uno spettacolo non esaltante sul piano tecnico. Massimiliano Allegri punta su l’ennesimo debuttante Saponara che posiziona – insieme a Kaká – alle spalle dell’intermittente Balotelli, preso di mira dai suoi ex tifosi. Escluso Matri che resta in panchina. Mazzarri non cambia modulo ma opta per Taider e Campagnaro al posto di Kovacic e Ranocchia. La partita è tesa, ruvida con un rigore reclamato dall’Inter per un fallo di Zapata su Palacio atterrato in area. I nerazzurri si presentano in campo aggressivi ma perdono subito verve, si abbassano e lasciano molto spazio all’iniziativa del Milan che fa possesso palla e si rende pericoloso in un paio di occasioni. Il gioco dell’Inter è tutt’altro che “piacevole e costruttivo” (contrariamente a quanto aveva chiesto Mazzarri), sembra rinunciatario e prevedibile. All’8′ si mette in evidenza Saponara che riesce a passare a Balotelli sul quale chiude Juan Jesus, due minuti dopo lo stesso Balotelli manda alto sulla traversa. Ancora paura per l’Inter: questa volta è Kaká a dare un brivido al popolo nerazzurro. Ci mette una pezza Cambiasso anche se precedentemente l’arbitro aveva fischiato un fallo di Balotelli su Handanovic. Al 16′ Guarin calcia dalla distanza. Muntari tenta anche lui il tiro da trenta metri. Al 24′ cross di Taider per Nagatomo che non trova la porta. Alla mezz’ora l’unica vera occasione da gol: si accende una mischia in area, frettolosa uscita di Handanovic con il pallone che finisce sui piedi imprecisi di Poli il quale – a porta vuota – spedisce alto sulla traversa. Molta tattica, tanti errorri, meglio il Milan che trova in Bonera il suo uomo migliore in una partita che si fa via via più nervosa. Guarin viene richiamato più volte, ammoniti De Sciglio e Constant. Al 40′ un episodio che farà molto discutere: Palacio viene atterrato in area da Zapata. Sembrerebbe rigore ma Mazzoleni fa proseguire. L’Inter non ha beneficiato neanche di un tiro dal dischetto in questo scorcio di stagione, circostanza messa più volte in evidenza da Mazzarri anche alla vigilia del derby. Il secondo tempo vede un Milan stanco, alle corde, spento con i nerazzurri che prendono coraggio e provano a vincere. Para Abbiati un rasoterra di Jonathan al 2′, poco dopo Guarin è pericoloso con un colpo di testa respinto in modo rocambolesco. All’8′ Balotelli tenta ma il suo tiro viene deviato da Handanovic. Poco dopo ancora lui mette nuovamente in crisi il portiere nerazzurro. Mazzarri si rende conto che il Milan sta crollando e capisce che può vincere la partita. Punta su Kovacic ed è la svolta. La partita cambia faccia. Bonera e Muntari, i due uomini chiave del Milan, non stanno bene. Zanetti cede il campo a Kuzmanovic. Matri rileva Saponara, per lui una buona giocata e poco altro. Al 36′ azione concitata in area del Milan con Abbiati che salva due volte, prima su Palacio e dopo su Guarin. C’è spazio anche per Icardi. Al 41′ la magia di Palacio: cross di Guarin per il tacco dell’argentino che chiude così la partita. Entra Pazzini ma per il Milan le energie sono finite e Muntari, che spintona Kuzmanovic, viene espulso. Gioisce e prega Thohir in tribuna. Epilogo amaro per il Milan che cambia tutto ma non la sua classifica (13/ma posizione) con appena 19 punti in una stagione davvero da dimenticare. Allegri resta sulla graticola, Seedorf sempre più l’uomo del futuro e del riscatto. (Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

18:09Maltempo: pioggia battente, allagamenti e disagi nel Salento

(ANSA) - LECCE, 18 NOV - E' emergenza maltempo nel Basso Salento, sferzato da 72 ore da vento e pioggia battente. Interi comuni del Capo di Leuca sono allagati. La pioggia e il vento hanno provocato la caduta di numerosi alberi uno dei quali, sulla litoranea per San Cataldo, si è abbattuto mentre passava un'auto con due persone a bordo, riamaste leggermente ferite. Decine gli interventi dei vigili del fuoco per liberare dall'acqua strade e scantinati. Allagati uliveti e campagne. A Santa Maria di Leuca l'acqua ha generato delle suggestive cascate cadendo a pochi metri dal porto. Un tratto della ferrovia che attraversa Presicce è rimasto sommerso dall'acqua, mentre a Taurisano le infiltrazioni hanno provocato la caduta di alcuni calcinacci nella scuola primaria "Aldo Sabato"; gli alunni sono stati fatti evacuare per sicurezza e portati a casa dai genitori.

17:28Azzurri: Spalletti, Ancelotti è il meglio per la Nazionale

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Io ho la mia posizione ora. Mi piacerebbe allenare la Nazionale ma non ora. Voglio lavorare bene con l'Inter. Vedo bene però Ancelotti, ha il consenso degli allenatori, dei giocatori, di tutti. Per la nostra Nazionale bisogna mirare al meglio e lui è il meglio'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro l'Atalanta, rispondendo ad una domanda sul miglior candidato alla panchina azzurra.

17:19Argentina:Macri,speriamo trovare sottomarino prima possibile

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "Ci impegniamo a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino Ara San Juan il prima possibile". Lo ha detto il presidente argentino Mauricio Macri riferendosi al sottomarino di cui si sono persi i contatti la mattina di mercoledì. Lo scrive il quotidiano locale La Nacion. Il presidente ha parlato da Chapadmalal, vicino alla base navale di Mar del Plata, stazione abituale del sottomarino. Macri ha poi aggiunto che il governo è "in contatto con le famiglie dell'equipaggio" dell'Ara San Juan "per informarli e sostenerli". Attraverso i messaggi sul suo account Twitter, ha aggiunto: "Condividiamo la vostra preoccupazione e quella di tutti gli argentini". Il sommergibile, con 44 membri d'equipaggio a bordo, era partito mercoledì da Ushuaia ed era diretto alla base a Mar del Plata.

17:15Sicurezza stradale: premiata Nonna Lisa, 106 anni in Vespa

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 18 NOV - "Andate piano, rispettate il codice della strada, non bevete quando siete in moto o al volante e soprattutto indossate sempre il casco": Luisa Zappitelli, 106 anni compiuti l'8 novembre scorso, per tutti Nonna Lisa a Città di Castello, appassionata di Vespa, è stata prodiga di consigli per gli studenti intervenuti stamani nel ridotto del Teatro della sua città, dove ha ricevuto dalle mani di Silvia Frisina, dell'Associazione Familiari vittime della strada, il premio speciale assegnato nell'ambito del Premio "Basta sangue sulle strade". Nonna Lisa è stata premiata "per essere la più longeva testimonial di sicurezza stradale, attiva ancora oggi nel diffondere messaggi di sensibilizzazione all'uso del casco, raccomandando con affetto materno di dare sempre valore alla vita e soprattutto dimostrando con l'esempio personale un gran senso civico". Nell'occasione odierna, Città di Castello è stata la prima città italiana ad ospitare la campagna dal titolo "Chi guida non beve", promossa dall'associazione delle vittime della strada in collaborazione con Polizia, Confindustria Ancma ed Eicma. La campagna è destinata in particolar modo agli avventori dei locali dal ballo, discoteche, ristoranti, bar, pub e altri luoghi in cui il consumatore può entrare in contatto con l'alcol. (ANSA).

17:13Mo: Anp, non accetteremo pressioni o ricatti su Olp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 NOV - I Palestinesi non accetteranno "pressioni o ricatti" sull'ambasciata dell'Olp a Washington. Lo ha detto, in un'intervista a 'Voice of Palestine' ripresa dall'agenzia Wafa, il ministro degli Esteri Riyad Malki rispondendo così ad una fonte del Dipartimento di Stato Usa che ha minacciato la chiusura della sede se i palestinesi non si impegneranno in serie trattative con Israele o se porteranno lo stato ebraico davanti al Tribunale Penale dell'Aja.

17:07Libano: Hariri, chiarirò mia posizione in Libano

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri, lasciando l'Eliseo, ha confermato che tornerà in Libano dove chiarirà la sua decisione politica dopo aver incontrato il presidente Aoun. Hariri ha anche ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron dell'accoglienza a Parigi. Dovrebbe rientrare in Libano mercoledì.

17:05Calcio: Spalletti, contro Atalanta Inter deve vincere

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Non stendiamo nessun tappeto alle giustificazioni. Se c'è qualche giocatore che è rimasto turbato dalla mancata qualificazione ai Mondiali, per noi sarebbe un danno. Non possiamo essere limitati da queste debolezze caratteriali. Dobbiamo portare assolutamente a casa questa partita'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti rispondendo alle domande dei tifosi - in una diretta con Inter Tv - subito prima della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Atalanta, domani a San Siro.

Archivio Ultima ora