Una magia di Palacio regala il derby all’Inter

Pubblicato il 23 dicembre 2013 da redazione

MILANO. – Vince l’Inter per 1-0 il derby dei debuttanti, lontano anni luce dai fasti del passato. Risolve una prodezza di Palacio, un vero campione che è diventato il valore aggiunto della squadra di Mazzarri. La rete dell’argentino porta i nerazzurri a 31 punti (-2 dalla Fiorentina e -5 dal Napoli). Meglio il Milan nel primo tempo, cresce l’Inter nella seconda frazione di gioco. Finale ad alta tensione con Muntari che si fa espellere. Due società rinnovate, due squadre piuttosto in crisi, da una parte Erick Thohir, dall’altra la strana coppia Galliani-Barbara Berlusconi. Assente Massimo Moratti, segno di quanto siano cambiati i tempi. Inter e Milan si affrontano a San Siro che, riapre agli ultras, ed è tutto esaurito. Niente striscioni al derby di Natale per uno spettacolo non esaltante sul piano tecnico. Massimiliano Allegri punta su l’ennesimo debuttante Saponara che posiziona – insieme a Kaká – alle spalle dell’intermittente Balotelli, preso di mira dai suoi ex tifosi. Escluso Matri che resta in panchina. Mazzarri non cambia modulo ma opta per Taider e Campagnaro al posto di Kovacic e Ranocchia. La partita è tesa, ruvida con un rigore reclamato dall’Inter per un fallo di Zapata su Palacio atterrato in area. I nerazzurri si presentano in campo aggressivi ma perdono subito verve, si abbassano e lasciano molto spazio all’iniziativa del Milan che fa possesso palla e si rende pericoloso in un paio di occasioni. Il gioco dell’Inter è tutt’altro che “piacevole e costruttivo” (contrariamente a quanto aveva chiesto Mazzarri), sembra rinunciatario e prevedibile. All’8′ si mette in evidenza Saponara che riesce a passare a Balotelli sul quale chiude Juan Jesus, due minuti dopo lo stesso Balotelli manda alto sulla traversa. Ancora paura per l’Inter: questa volta è Kaká a dare un brivido al popolo nerazzurro. Ci mette una pezza Cambiasso anche se precedentemente l’arbitro aveva fischiato un fallo di Balotelli su Handanovic. Al 16′ Guarin calcia dalla distanza. Muntari tenta anche lui il tiro da trenta metri. Al 24′ cross di Taider per Nagatomo che non trova la porta. Alla mezz’ora l’unica vera occasione da gol: si accende una mischia in area, frettolosa uscita di Handanovic con il pallone che finisce sui piedi imprecisi di Poli il quale – a porta vuota – spedisce alto sulla traversa. Molta tattica, tanti errorri, meglio il Milan che trova in Bonera il suo uomo migliore in una partita che si fa via via più nervosa. Guarin viene richiamato più volte, ammoniti De Sciglio e Constant. Al 40′ un episodio che farà molto discutere: Palacio viene atterrato in area da Zapata. Sembrerebbe rigore ma Mazzoleni fa proseguire. L’Inter non ha beneficiato neanche di un tiro dal dischetto in questo scorcio di stagione, circostanza messa più volte in evidenza da Mazzarri anche alla vigilia del derby. Il secondo tempo vede un Milan stanco, alle corde, spento con i nerazzurri che prendono coraggio e provano a vincere. Para Abbiati un rasoterra di Jonathan al 2′, poco dopo Guarin è pericoloso con un colpo di testa respinto in modo rocambolesco. All’8′ Balotelli tenta ma il suo tiro viene deviato da Handanovic. Poco dopo ancora lui mette nuovamente in crisi il portiere nerazzurro. Mazzarri si rende conto che il Milan sta crollando e capisce che può vincere la partita. Punta su Kovacic ed è la svolta. La partita cambia faccia. Bonera e Muntari, i due uomini chiave del Milan, non stanno bene. Zanetti cede il campo a Kuzmanovic. Matri rileva Saponara, per lui una buona giocata e poco altro. Al 36′ azione concitata in area del Milan con Abbiati che salva due volte, prima su Palacio e dopo su Guarin. C’è spazio anche per Icardi. Al 41′ la magia di Palacio: cross di Guarin per il tacco dell’argentino che chiude così la partita. Entra Pazzini ma per il Milan le energie sono finite e Muntari, che spintona Kuzmanovic, viene espulso. Gioisce e prega Thohir in tribuna. Epilogo amaro per il Milan che cambia tutto ma non la sua classifica (13/ma posizione) con appena 19 punti in una stagione davvero da dimenticare. Allegri resta sulla graticola, Seedorf sempre più l’uomo del futuro e del riscatto. (Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

01:34Venezuela: nuove proteste, almeno tre dimostranti morti

(ANSA) - CARACAS, 25 APR - Nuove proteste di piazza nel Venezuela contro il governo di Nicolas Maduro, e almeno tre giovani manifestanti uccisi: due colpiti da "paramilitari filo-governativi" a Barinitas, nello stato di Barinas, nell'ovest del Venezuela, secondo quanto rivelato dal deputato dell'opposizione Pedro Luis Castillo, e uno a merida, capoluogo dello stato omonimo, secondo informazioni dell'Ombudsman nazionale, Tarek William Saab. Tutti e tre, secondo le prime informazioni, sarebbero stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco.

01:16Terremoti: Cile, scossa 6.9, ma niente allerta tsunami

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 25 APR - Una forte e lunga scossa di terremoto è stato avvertito a Santiago del Cile e in un'ampia zona nell'area centrale del Cile. La magnitudo è stata pari a 6.9 con l'epicentro a 25 km da Valparaiso. Lo riporta il centro sismologico dell'Università del Cile. Non si ha ancora notizia di vittime, ma è stato lanciato l'allarme tsunami, che però è stato revocato pochi minuti dopo. Prima della cancellazione dell'allerta, in alcune zone delle regioni di Valparaiso e O'Higgins era già scattata l'evacuazione preventiva della popolazione nelle località costiere. La scossa, avvertita alle 18.39 ora locale a una profondità di 13,2 kilometri, è stata particolarmente intensa, soprattutto nelle regioni di Coquimbo e Biobio. Nella zona di Valparaiso, dove è stato localizzato l'epicentro, dalla notte dello scorso sabato si sono verificate circa 100 scosse. Il terremoto è stato avvertito anche in Argentina, nelle regioni di Mendoza e San Juan, confinanti con il Cile.

01:08Musica: paura per Elton John, ‘ha rischiato di morire’

(ANSA) - LONDRA, 25 APR - Paura per Elton John, leggenda del pop internazionale, che ha rischiato di morire a causa di un'infezione rara e maligna contratta durante un tour in Sudamerica e che lo ha costretto in ospedale fino a sabato. La disavventura, a lieto fine, è stata resa nota stanotte in un comunicato diffuso a Londra, nel quale è stata annunciata fra l'altro la cancellazione di alcuni show negli Usa. Secondo il comunicato, la star britannica, 70 anni, è stata contagiata da un'infezione "potenzialmente mortale", sfociata in "un violento" malessere sul volo di ritorno da Santiago del Cile. Ricoverato in terapia intensiva all'arrivo a Londra, è adesso a casa convalescente e sta meglio. Ma per un po', niente concerti. "Ci dispiace informarvi che, per ragioni mediche, Elton John è costretto a cancellare il suo intero programma di esibizioni previste per aprile-maggio" a Las Vegas, è scritto nella nota. "Elton annulla anche la performance prevista per sabato 6 maggio a Bakersfield, in California".

23:55Le Pen, mi sospendo da presidenza Fn, solo candidata

(ANSA) - PARIGI, 24 APR - "Mi sospendo dalla presidenza del Front National. Da questo momento in poi sono soltanto la candidata alle presidenziali": lo ha annunciato questa sera al tg di France 2 Marine Le Pen.

23:12Calcio: la Roma vince 4-1, Pescara matematicamente in B

(ANSA) - ROMA, 24 APR - La Roma batte 4-1 il Pescara e lo condanna alla serie B con cinque giornate di anticipo sulla fine del campionato. Gli abruzzesi, con 14 punti, non possono più raggiungere l'Empoli, quart'ultimo con 29 e in vantaggio negli scontri diretti. I giallorossi salgono a quota 75 punti, a +4 sul Napoli e a -8 dalla Juventus. Di Strootman e Nainggolan le prime reti degli ospiti, venute entrambe alla fine del primo tempo. Salah segna una doppietta a inizio ripresa. Nel finale la rete della bandiera degli abruzzesi con Benali.

22:22Siria: sanzioni Usa al centro ricerca armi chimiche

(ANSA) - WASHINGTON, 24 APR - Gli Usa hanno emesso oggi sanzioni nei confronti dei dipendenti del Centro di ricerca siriano ritenuto responsabile dello sviluppo di armi chimiche: lo ha annunciato dalla Casa Bianca il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, come risposta "all'orribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti". Nella 'lista nera' sono finiti 271 dipendenti del centro di ricerche. Si tratta di una delle cifre più alte di persone sottoposte a sanzioni nella storia degli Stati Uniti.

20:47Pd: Renzi, vince chi ha un voto in più, stop discussioni

(ANSA) - ROMA, 24 APR - Vince le primarie Pd "chi ha un voto in più. Ma se votasse solo un milione di persone, quindi molte meno di quelle che pensiamo, o se votasse una sola persona, sarebbero comunque 999.999 in più a decidere rispetto a quelle che decidono ad Arcore o nel blog". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital. "Un milione sarebbe un flop? E' un giudizio politico, io spero siano di più, faccio un appello alla partecipazione a questa grande festa della democrazia ma non posso accettare che si metta in discussione il risultato", sottolinea.

Archivio Ultima ora