Schumacher: medici, senza il casco sarebbe morto

GRENOBLE (FRANCIA).- “Il casco lo ha protetto parzialmente, ma senza sarebbe morto”: Lo hanno detto i medici dell’ospedale di Grenoble dove è ricoverato Michael Schumacher. “E’ possibile – hanno aggiunto – che il suo fisico possa aiutarlo a sopravvivere. Attualmente respira in maniera artificiale per ridurre il consumo di ossigeno nel cervello: è tenuto in ipotermia terapeutica a una temperatura di 34-35 gradi per limitare la reazione dell’edema da choc che ha”.

“Lavoriamo ora per ora, cerchiamo di guadagnare tempo attendendo il risultato di queste prime cure – hanno spiegato i medici precisando che Schumacher è stato sottoposto a un solo intervento chirurgico e non due come avevano riportato alcuni giornali francesi e tedeschi -. Quando è arrivato in ospedale era in stato confusionale e non rispondeva alle domande. L’impatto con la roccia è avvenuto nella parte destra del capo”.

Condividi: