Napolitano: cambi la politica, ora serve coraggio

Pubblicato il 01 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – “Ora serve il coraggio di cambiare”: lo devono trovare i cittadini per ripartire nel 2014, lo devono dimostrare i politici facendo anche loro i necessari “sacrifici”. Ma è soprattutto la politica a dover compiere uno scatto di reni e riprendersi quel ruolo di guida del Paese cogliendo l’occasione di cambiare radicalmente l’Italia attraverso le riforme costituzionali. Guarda in avanti il presidente della Repubblica cercando di aprire l’anno che viene alla fiducia, alla ripresa e al cambiamento. Facendo sapere che lui si ritrova al Colle per questo unico motivo. E che resterà al Quirinale solo finché serve al Paese e alle istituzioni, comunque “non a lungo”. Giorgio Napolitano ha voluto chiudere questo 2013, “anno tra i più pesanti e inquieti sul piano politico da quando è diventata Repubblica”, dedicandosi ai cittadini con un innovativo dialogo televisivo leggendo e rispondendo ad alcune delle tante lettere che gli vengono spedite. Una mossa riuscita, almeno a leggere i dati degli ascolti televisivi che sono in rialzo e decisamente positivi nonostante i tentativi di boicottaggio del messaggio di san Silvestro venuti da Forza Italia e Lega e il contestuale contro-messaggio di Beppe Grillo che è tornato a chiedere le sue dimissioni e a parlare di impeachment. Infatti, sulle reti generaliste, il messaggio di Napolitano ha interessato 9 milioni 981mila telespettatori, contro i 9 milioni 702 del 2012: ci sono stati quindi 279mila spettatori in più, con un incremento del 2,8 per cento. Il capo dello Stato ha voluto iniziare il dialogo a distanza con i cittadini proprio affrontando la motivazione “simbolo” alla base del distacco della gente dalle istituzioni: “i sacrifici fanno fatti insieme ed è giusto che li facciano anche i politici”, ha detto il presidente replicando a un ex imprenditore marchigiano che si lamentava del fatto che fossero solo i “semplici cittadini” a tirare la cinghia. Ma ciò detto, Napolitano si è rivolto direttamente ai cittadini tra i quali nota, tra chiari segnali di disagio, anche una voglia nuova di ripresa. “Il coraggio degli italiani è in questo momento l’ingrediente decisivo per far scattare nel 2014 quella ripresa di cui l’Italia ha così acuto bisogno. Coraggio di rialzarsi, di risalire la china”. Non nasconde nella notte di san Silvestro lo stato reale del Paese, le imprese in difficoltà, gli stipendi fermi e la piaga della disoccupazione, soprattutto giovanile. C’è “malessere diffuso e ‘fatica sociale'”, premette Napolitano. Certo, servono “risposte qui ed ora”, ma adesso si deve lavorare “a un disegno di sviluppo nazionale e di giustizia sociale da proiettare in un orizzonte più lungo”. Ecco, il “futuro”, il “coraggio”, l’impegno di tutti per non gettare al vento i “sacrifici” già fatti. Così il presidente introduce la parte più politica, quella finale, del suo messaggio, l’ottavo della sua presidenza. “Sarebbe dissennato disperdere i benefici del difficile cammino compiuto. I rischi già corsi si potrebbero riprodurre nel prossimo futuro ed è interesse comune scongiurarli”, ha avvertito blindando il Governo e facendo capire che il ricorso alle elezioni anticipate in questa fase sarebbe follia pura. Serve “stabilità” di Governo, ha ripetuto tra le righe, per andare a cogliere i primi acerbi frutti della ripresa. E’ un invito a ‘pensare positivo’, quello che viene dal Colle che per questo ancora una volta chiede alle forze politiche di abbassare i toni. Bisogna fermare le “tendenze distruttive nel confronto politico”, le “espressioni violente”, il “tutti contro tutti che lacera il tessuto istituzionale e la coesione sociale”, ha spiegato Napolitano. Sì, perché il 2013 è stato duro ma utile, ha aggiunto alludendo al calo dello spread: abbiamo avuto “il risparmio di oltre 5 miliardi sugli interessi da pagare sul nostro debito pubblico”. L’annus horribilis si è manifestato soprattutto sul piano politico. E ora – e su questo il capo dello Stato batte da anni – l’unica soluzione è il “coraggio” delle riforme: la “democrazia ha rischiato una destabilizzazione e ora va rinnovata e rafforzata attraverso riforme obbligate e urgenti”. Non poteva mancare, infine, una difesa personale ed un contrattacco attraverso il quale Napolitano si è tolto qualche sassolino dopo aver subito in silenzio diversi assalti: “sono attento a considerare ogni critica, obiettiva e rispettosa, circa il mio operato”, ha premesso. ”Ma non mi lascerò condizionare da campagne calunniose, da ingiurie e minacce”. E quindi, ha aggiunto rispondendo a quanti lo chiamano “re Giorgio” accusandolo di aver travalicato i limiti del suo mandato, è “ridicola” la “storia delle pretese di strapotere personale”. Napolitano ha quindi ripetuto agli italiani quanto gli addetti ai lavori ben sanno da tempo: lui resterà al Quirinale fin quando servirà, cioè fino a quando le riforme saranno fatte o almeno canalizzate in una strada senza ritorno. L’arma delle sue dimissioni in caso le forze politiche continuino “a pestare inutilmente l’acqua nel mortaio” è sempre carica. “Resterò presidente fino a quando la situazione del Paese e delle istituzioni me lo farà ritenere necessario e possibile, e fino a quando le forze me lo consentiranno. Fino ad allora e non un giorno di più; e dunque di certo solo per un tempo non lungo”, ha spiegato. Ed ha aggiunto: “Confido, così facendo, nella comprensione e nel consenso di molti di voi”.

(Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

17:52Legge stabilità: M5S attacca Lotti

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "In questa legge di Stabilità il ministro Lotti ha provato a inserire alcune proposte che è stato incapace di mettere nero su bianco nell'ultimo anno in cui ha fatto il ministro part time. L'ultimo tentativo è stato quello di trasformare la sua legge salva-Malagò in un emendamento fatto firmare a un deputato di Scelta Civica": così il deputato del Movimento 5 Stelle Simone Valente su Facebook. "Per fortuna - nel rispetto dei regolamenti - la Camera ha ritenuto inammissibile quella norma - aggiunge Valente - perché nulla ha a che vedere con una legge come quella di Stabilità. Proveranno a inserirla nuovamente durante l'esame in Aula, noi ci opporremo in maniera durissima a una norma fatta solo per salvare il suo amico Malagò".

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

Archivio Ultima ora