La Madonna di Senigallia di Piero della Francesca al Met di New York

NEW YORK. – Piero della Francesca (1412-1492) è stato un artista italiano del primo Rinascimento, noto ai contemporanei sia come matematico sia come artista, ma oggi celebre soprattutto per la sua arte. La sua pittura è caratterizzata da un sereno umanismo e dall’uso di forme geometriche pure, in particolare riguardo all’uso della prosepttiva e dello scorcio. Nacque e morì a Borgo San Sepolcro, in Toscana, e potrebbe essere stato educato presso la bottega di uno dei numerosi artisti senesi attivi a San Sepolcro durante la sua adolescenza. Piero fu più tardi apprendista di Domenico Veneziano (1410 – 1461); conobbe anche Fra’ Angelico (1395 – 1455), che lo presentò ai principali maestri del suo tempo, Masaccio (1401 – 1428) e Brunelleschi (1377 – 1446). Fu attivo in Toscana, a Roma, Rimini e Urbino, dove dipinse la Madonna di Senigallia, uno dei suoi capolavori più celebri, oggi ospitato presso la Galleria Nazionale delle Marche ad Urbino.

A Piero della Francesca New York dedicherà una importante mostra che si terrà dal 14 gennaio al 30 marzo prossimi presso il Metropolitan Museum of Art dove saranno esposte alcune opere a carattere religioso. La mostra, resa possibile grazie alla collaborazione instaurata tra MET, Gallerie dell’Accademia di Venezia e Galleria Nazionale delle Marche, è curata da Keith Christiansen, John Pope-Hennessy Chairman of European Paintings al Metropolitan Museum of Art, e dal collega del MET Andrea Bayer e presenterà in particolare al pubblico quattro opere sinora mai esposte insieme: il San Girolamo e il Donatore dalle Gallerie dell’Accademia, la Madonna di Senigallia da Galleria di Urbino, il San Girolamo in un Paesaggio dalla Gemaldegalerie di Berlino e la Madonna con Bambino da una collezione privata di New York.

In occasione dell’inaugurazione della mostra, il curatore Keith Christiansen terrà una conferenza su Piero della Francesca lunedì 13 gennaio, alle ore 18.30, presso l’Istituto Italiano di Cultura di New York. (aise)

Condividi: