Premier Letta: “Pronto cambio di passo non diktat”

Pubblicato il 09 gennaio 2014 da redazione

ROMA – Il premier Enrico Letta è il primo a chiedere un “cambio di passo”. Ma il rischio che il presidente del Consiglio intravede, in una giornata di polemiche, è che il governo diventi figlio di nessuno, con i vari leader di maggioranza pronti a scaricare le proprie responsabilità invece che condividerle. Per questo la richiesta, seppure poi smentita, di Dario Nardella, fedelissimo di Matteo Renzi, di un passo indietro di Saccomanni insieme all’incertezza sulla data dell’incontro tra Letta e il sindaco fanno calare il gelo di Palazzo Chigi verso colui che, ad avviso del premier, dovrebbe essere il motore della nuova maggioranza.

Letta resta concentrato a Palazzo Chigi nelle consultazioni con i vari partiti della maggioranza. Ma l’aria che soffia intorno e sopra il governo non sembra la migliore per stringere un contratto di coalizione prima dell’incontro, il 29 gennaio, con la Commissione Europea. Per questo, oltre ai contenuti, ieri il premier ha voluto mettere in chiaro, in realtà incontrando gli alleati più fedeli all’esecutivo, che lui non accetterà “diktat” nè tantomeno un 2014 con un governo che “tira a campare”, ostaggio di veti e tatticismi dei vari leader di maggioranza.

Un avviso ai naviganti in una giornata in cui gli ultimatum si sono sprecati. E non aiutano il cammino i dubbi del ministro Enrico Giovannini sul job act, che per Alfano, addirittura, altro non è che “la solita minestra riscaldata”. Il premier, a dispetto delle tensioni, mantiene i nervi saldi. E, fiducioso di riuscire ad amalgamare le varie proposte della maggioranza, invita tutti ad aspettare il tavolo di coalizione che servirà a stringere sul Patto per il 2014.

Letta è pronto ad ascoltare tutte le idee dei partiti ma sembra dovrà aspettare ancora qualche giorno per conoscere di persona le intenzioni di Matteo Renzi. L’incontro, previsto ieri anche se non in agenda, non si è svolto.

– I due si vedranno quando entrambi saranno pronti e noi siamo pronti mentre mi sembra che sulla legge elettorale il segretario ancora non quagli – è la lettura di un fedelissimo del premier. Nell’entourage renziano, invece, trapela che l’incontro potrebbe svolgersi dopo la direzione del Pd del 16, quando il leader Pd incasserà l’ok del partito sulle sue proposte. Non proprio, insomma, lo stesso timing previsto a Palazzo Chigi che voleva chiudere entro venerdì il primo giro di incontri con tutti i leader di maggioranza prima della partenza del premier per la visita di Stato in Messico. Riunioni nelle quali, a quanto si apprende, Letta pospone un eventuale rimpasto alla stesura degli impegni per il 2014. Ed è sopratutto intorno al ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni che si è aperto un assedio.

Ieri Nardella, ex vicesindaco di Firenze e molto vicino a Renzi, ha definito “grave” il fatto che, sui tagli agli insegnanti, il titolare dell’Economia si sia definito un esecutore.

– Il Mef deve essere guidato da un politico – è la tesi dell’esponente renziano, tradotta come la richiesta di dimissioni. Il portavoce della segreteria Lorenzo Guerini si affretta a smentire ma nel Pd, come sottolinea Dario Ginefra, si diffonde la sensazione che “il Pd, invece di sostenere Letta, rischia di minarne il campo”. Anche perchè, al di là delle smentite ufficiali, tra i renziani è diffusa la sensazione che una svolta di governo possa avvenire solo con un’agenda e alcuni ministri nuovi e nel mirino non c’è solo Saccomanni.

Ultima ora

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

Archivio Ultima ora