Siria, 500 morti in scontri tra ribelli e qaedisti

Pubblicato il 10 gennaio 2014 da redazione

BEIRUT  – Circa 500 morti, decine dei quali vittime di esecuzioni sommarie, compresi molti civili. E’ questo il drammatico bilancio della battaglia che da una settimana infuria nel nord della Siria, fuori dal controllo delle forze governative, tra gruppi ribelli da un lato e miliziani qaedisti dall’altro. Il bilancio è stato stilato dall’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), mentre il presidente del Comitato internazionale della Croce rossa (Cicr), Peter Maurer, è arrivato a Damasco nella speranza di negoziare con le autorità un maggiore accesso ai nove milioni di civili che si stima abbiano bisogno di aiuti umanitari, vale a dire il 40 per cento della popolazione.

– Sono determinato a fare pressione per ottenere un maggiore accesso per il Cicr e la Mezzaluna Rossa siriana e migliorare un’assistenza medica che sia imparziale nelle zone assediate – ha sottolineato Maurer, chiedendo anche di poter visitare le prigioni.

Le speranze di avviare un negoziato sono riposte intanto nella riunione, domenica a Parigi, degli 11 Paesi arabi e occidentali, compresa l’Italia, del gruppo “Amici della Siria”, che cercheranno di convincere la Coalizione delle opposizioni, rappresentata dal suo presidente Ahmad Jarba, a partecipare alla conferenza di pace in programma il 22 gennaio in Svizzera. Ma la Russia, che con gli Usa è il maggiore sponsor dell’iniziativa, ha ribadito il suo sostegno al regime.

Il primo obiettivo deve essere “la lotta al terrorismo”, ha affermato in un comunicato il ministero degli Esteri dopo un incontro di suoi diplomatici con il sottosegretario di Stato americano per gli affari politici, Wendy Sherman, a Mosca. La posizione del presidente Bashar al Assad sembra essersi notevolmente rafforzata negli ultimi mesi, grazie ad una offensiva contro le forze ribelli intorno alla capitale e alle lotte intestine all’interno del campo avverso.

L’Ondus stima che almeno 482 persone siano rimaste uccise negli scontri tra gruppi ribelli jihadisti e non da una parte e qaedisti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis) dall’altra: questo negli ultimi sette giorni nelle province settentrionali di Aleppo, Raqqah, Hama e Idlib. Tra le vittime, secondo la fonte, figurano 85 civili, 21 dei quali sono stati “giustiziati” sommariamente dall’Isis. Gli uccisi tra i ribelli sono 240, di cui oltre 20 passati per le armi dai rivali qaedisti. Questi ultimi hanno perso 157 miliziani, di cui 47 uccisi con esecuzioni sommarie nell’area di Jabal al Zawaiya, nella provincia di Idlib. E’ salito intanto a una ventina di civili uccisi, tra cui quattro bambini, il bilancio di un attentato compiuto con un camion bomba nel villaggio di Al Kafat, nella provincia di Hama, sotto il controllo delle forze lealiste. Mentre una quarantina di ribelli sono rimasti uccisi la notte scorsa in una sortita con cui cercavano di rompere l’assedio delle truppe governative al quartiere di Khaldiya a Homs.

Riappare Asma Assad
Torna a farsi vedere in pubblico, e a sostenere la causa del regime, Asma al Assad, la moglie del presidente siriano Bashar, in passato elevata dalla stampa occidentale a simbolo di una auspicata nuova stagione politica e ora vista come complice della repressione.

La ‘First Lady’ siriana è tornata ad apparire sui media ufficiali durante una visita compiuta a Damasco ad una ‘scuola per i figli dei martiri’, cioè dei membri delle forze lealiste caduti nel conflitto civile. Le fotografie diffuse dall’agenzia governativa Sana la ritraggono vestita con giacca verde e pantaloni e con i capelli raccolti mentre si fa abbracciare e mostrare i disegni dagli alunni della scuola elementare, con i loro grembiulini azzurri.

Le voci più disparate si sono rincorse sulla moglie di Assad dall’inizio della crisi nel Paese, dopo che, solo qualche mese prima, la rivista americana Vogue le aveva dedicato un articolo elogiativo in cui arrivava a definirla una ‘rosa nel deserto’.

Ultima ora

12:21Pedopornografia: 53% bambini abusati ha 10 anni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il 53% dei bambini abusati e sfruttati per produrre sul web contenuti pedopornografici ha 10 anni o meno. A segnalare il dato "sconcertante, ma allo stesso tempo inferiore al 69% del 2015" è l'Unicef nel suo rapporto sulla "Condizione dell'infanzia nel mondo 2017: figli dell'era digitale". E' in aumento il numero di immagini di bambini dagli 11 ai 15 anni : dal 30% nel 2015 al 45% nel 2016. E 9 Url con contenuti pedopornografici su 10 identificati a livello mondiale sono localizzati in 5 paesi: Canada, Francia, Olanda, Russia e Usa.

12:20Arabia Saudita: riaprono i cinema, dopo 35 anni

(ANSA) - RIAD, 11 DIC - L'Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni. Lo hanno reso noto le autorità del regno. Secondo quanto è stato reso noto, oggi è stata approvata una risoluzione che spiana la strada alla concessione di licenze per i cinema commerciali. I cinema nel regno saudita vennero chiusi negli anni Ottanta, in seguito ad una svolta di carattere ultraconservatore che ora il principe ereditario Mohammed bin Salman sembra intenzionato ad invertire, con una serie di riforme che prevedono significative aperture sociali. Tra cui la revoca, dal prossimo anno, del divieto alle donne di guidare le automobili. Secondo fonti governative, i primi cinema saranno aperti prevedibilmente dal marzo del prossimo anno.

12:17Calcio: rissa dopo derby Manchester, colpito anche Mourinho

(ANSA) - LONDRA, 11 DIC - Finale di derby burrascoso all'Old Trafford, ieri, dopo la vittoria del City sullo United: a farne le spese Mourinho, innaffiato di latte e colpito alla testa da una bottiglia d'acqua. La maxi-rissa, che ha coinvolto almeno 20 persone tra giocatori e tecnici delle due squadre, è iniziata quando Mourinho è entrato nello spogliatoio del City per chiedere di abbassare la musica dei festeggiamenti. Un modo per dimostrare "maggiore rispetto" verso la 'sua' squadra. Il portoghese è stato subito affrontato dal portiere dei Citizens, Ederson, con il quale è scoppiato un acceso confronto, degenerato nel giro di qualche secondo, quando Mourinho è stato raggiunto da alcuni 'suoi' giocatori. Ne è nata una maxi-rissa. Secondo i media nel parapiglia Mourinho è stato colpito da una battaglia (vuota) d'acqua, e bagnato con schizzi d'acqua e latte. Tra i Citizens, Mikel Arteta, assistente di Guardiola, ha subito le conseguenze peggiori: per lui una ferita alla testa che ha richiesto l'intervento dei sanitari.

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

Archivio Ultima ora