Calcio. Cristiano Ronaldo si riprende Pallone d’Oro dopo 5 anni

Pubblicato il 13 gennaio 2014 da redazione

ROMA – Alla fine il suo volto da ‘bambino monello’ si è sciolto in un pianto liberatorio. Un duro come lui così emozionato da non poter parlare, per rivolgere i consueti ringraziamenti. Il primo pensiero di Cristiano Ronaldo, poco dopo avere messo le mani sul suo secondo Pallone d’Oro, è andato a Eusebio che, prima di lui, lo ha preceduto nell’albo d’oro del prestigioco trofeo.

Dopo anni trascorsi a duellare contro il proprio incubo Messi, l’attaccante lusitano è salito sul gradino più alto del podio di Zurigo, riprendendosi quel premio che era stato suo a fine 2008, quando ancora indossava la maglia del Manchester United. Per molti, una vittoria annunciata; per qualcuno una specie di ‘risarcimento’ della Fifa, dopo la polemica con il presidente Sepp Blatter, che lo aveva irriso davanti agli studenti di Oxford, imitandolo poco elegantemente e senza troppo successo.

L’angelo dalla faccia sporca, al di là di ogni considerazione, ha trionfato a suon di gol e di sgroppate sui campi di tutto il mondo: perché è stato il giocatore più decisivo nel 2013, quando era il momento di esserlo, al punto di trascinare il ‘suo’ Portogallo alla qualificazione per la fase finale della Coppa del mondo. Nel duello ravvicinato con Ibra (che si è consolato con il premio ‘Puskas’, assegnato all’autore del più bel gol dell’anno), Cristiano è stato letale.

Nel 2013 ha vinto meno di Franck Ribery, protagonista con il Bayern Monaco di una stagione forse irripetibile (successi in Bundesliga, Coppa di Germania e Champions), ma soprattutto è riuscito a precedere Leo Messi, vittorioso più o meno legittimamente nelle ultime quattro edizioni del trofeo, il vero spauracchio di Ronaldo. Il portoghese, messi da parte festini, macchine e donne, ha già superato il ‘monumento’ Eusebio, che è stato ricordato assieme a Mandela nella fastosa cerimonia svizzera. Il ‘bambino monello’ di Manchester non c’è più, ha lasciato spazio a un uomo consapevole del proprio talento, che si è presentato con la famiglia al seguito alla cerimonia – dopo avere minacciato di disertarla – tenendo per mano il figlio Cristiano Ronaldo junior, quasi a voler simboleggiare una raggiunta maturità e dando un colpo di spugna al passato.

Cristiano Ronaldo dos Santos Aveiro nasce a Funchal, il 5 febbraio 1985, muove i primi passi come ala sinistra, poi diventa jolly del reparto avanzato e implacabile bomber: segna di destro, di sinistro, di testa, in acrobazia, di tacco.

Nasce calcisticamente nel Nacional e nel 1997 approda nello Sporting Lisbona, dove gioca un quinquennio. Viene notato dal Manchester United, in una partita amichevole contro lo Sporting Lisbona, nel luglio 2003.

I ‘Red devils’ perdono per 2-0, ma sir Alex Ferguson s’innamora di lui. Prima dello United, però, era stato il Parma ad andare vicino al suo acquisto, ma la trattativa era fallita a causa del crack Parmalat. Alle sue spalle si sono piazzati Ribery e Messi, che completavano la strepitosa terna; con ‘CR7’ ha vinto Jupp Heynckes, timoniere di un Bayern Monaco senza rivali e miglior allenatore 2013.

Un ‘O rey’ Pelè meno commosso di Ronaldo si è visto assegnare il Pallone d’Oro alla carriera, riconoscimento indiscutibile all’unico calciatore ad avere trionfato in tre edizioni della Rimet, come si chiamava nel 1958 ’62 e ’70 la Coppa del mondo. Ai tempi in cui giocava, il trofeo di France football andava ai calciatori europei e Pelè non avrebbe mai potuto vincerlo. Chissà, altrimenti, quanti ne avrebbe collezionati nella sua già ricchissima bacheca. La coloratissima serata di Zurigo è stata completata dall’outing del portiere tedesco Nadine Angerer, che ha dedicato il proprio trofeo di migliore calciatrice alla compagna.

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora