Ministro della difesa d’Israele offende Kerry, é scontro con gli Stati Uniti

Pubblicato il 14 gennaio 2014 da redazione

TEL AVIV  – Torna a farsi rovente lo scontro verbale fra Israele e il suo vitale alleato americano. A dar fuoco alle polveri é quella parte del governo Netanyahu che sembra non poterne più delle continue spole del segretario di Stato Usa John Kerry, impegnato nello spossante tentativo di rianimare il negoziato di pace israelo-palestinese. Uno schieramento che in queste ore ha fatto clamorosamente venire a galla i suoi malumori per bocca del ministro della Difesa, Moshe Yaalon, a colpi di parole ai limiti dell’insulto nei confronti di Kerry, subito rimbeccate dall’irritata risposta Usa.

Tutto é cominciato quando il popolare tabloid Yediot Ahronot ha pubblicato, su due pagine, quella che é parsa una sfuriata in piena regola dell’ex generale Yaalon: uomo forte del Likud di Benyamin Netanyahu e ‘falco’ riconosciuto in seno alla compagine di governo. Parole pronunciate in privato, ma filtrate sul giornale, che descrivono Kerry come un mediatore ”ossessivo”, animato ”in modo incomprensibile” da pulsioni ”messianiche”. ‘

– Che si prenda il Nobel e ci lasci in pace – pare sia sbottato Yaalon, liquidando il segretario di Stato di Barack Obama quasi come un sottoposto e irridendo il piano di sicurezza regionale appena presentato dallo staff Usa al tavolo negoziale come un testo che ”non vale il prezzo della carta su cui é scritto”.

A Washington qualcuno deve aver strabuzzato gli occhi e sono partiti fulmini e saette. Nel tentativo di arginare lo scandalo, la capo negoziatrice israeliana Tzipi Livni e lo stesso premier Netanyahu hanno cercato di sminuire la portata della sortita assicurando che i rapporti bilaterali restano stretti e che anche quando ci sono dissensi essi sono di contenuto, mai di carattere personale. Livni, esponente dell’appendice centrista di una maggioranza di governo dominata dalla destra, ha anche criticato apertamente Yaalon. Ma la presa di distanza non é bastata a placare il dipartimento di Stato. L’entourage di Kerry ha reagito con collera da Roma, a margine di una visita del segretario di Stato a papa Francesco.

– Le parole di Yaalon, se confermate, sono oltraggiose e inappropriate: tanto piú tenuto conto di quanto gli Usa fanno per la sicurezza di Israele – ha sibilato una portavoce. Come dire che Yaalon – titolare del dicastero israeliano più strategicamente dipendente dagli aiuti americani – rischia di non essere piú il benvenuto negli Stati Uniti.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora