Maró: India verso abbandono della legge antiterrorismo

Pubblicato il 15 gennaio 2014 da redazione

NEW DELHI. – Si aprono spiragli nel caso dei marò. Il ministero degli Interni indiano, finora alfiere della linea dura, starebbe seriamente valutando l’abbandono della legge antiterrorismo per presentare i capi d’accusa contro i due militari italiani. Allontanando così definitivamente lo spettro di una condanna a morte. “I marò – ha detto d’altra parte pubblicamente il ministro degli Esteri Salman Khurshid – possono aver ecceduto nelle loro funzioni, ma non sono terroristi”. Il ricorso presentato dall’Italia presso la Corte Suprema per esigere risposte sulla vicenda – dopo quasi due anni dall’incidente al largo del Kerala in cui morirono due pescatori indiani – ha insomma impresso un’accelerazione, scuotendo il torpore che aveva caratterizzato negli ultimi mesi l’azione del governo locale. Le ultime notizie provenienti da New Delhi vengono esaminate con grande attenzione a Roma, dove è stata annunciata la decisione di inviare in India una delegazione parlamentare composta da tutte le forze politiche per contribuire ad una definitiva soluzione del caso. Significativamente Khurshid, di fronte ad una probabile reprimenda la settimana prossima da parte della Corte Suprema, ha messo le mani avanti, sostenendo che la gestione del caso è stata “un disastro”. E non ha esitato a puntare il dito contro chi finora, nel ministero dell’Interno, ha imposto la linea dura, assegnando le indagini alla polizia investigativa Nia, che si è sempre occupata di terrorismo e che ha per statuto l’obbligo di usare leggi che prevedono la pena di morte, come quella per la repressione della pirateria marittima (il ‘SUA Act’). Khurshid ha osservato che i marò “non sono terroristi”. Aggiungendo che “quando (l’Italia) mi dice che dopo due anni ancora non ci sono capi d’accusa, mi sento imbarazzato”. “Avremmo potuto – ha concluso – semplicemente processarli e dire poi agli italiani se a nostro avviso i loro marò erano o no colpevoli”. E proprio questa mancanza di chiarezza, e l’inosservanza delle disposizioni impartite dalla stessa Corte Suprema, sono gli elementi portanti del ricorso presentato dai legali di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. In esso si sottolinea che le principali raccomandazioni del massimo tribunale – strumenti da utilizzare per le indagini, tempi rapidi del lavoro investigativo e processo da parte di una tribunale speciale con ritmo quotidiano – sono state disattese, cosa che a giudizio della difesa rappresenta “una grave offesa per la Corte Suprema stessa”. Ne consegue che l’Italia chiede alla Corte di “chiudere il caso, visto che dopo due anni gli investigatori non sono stati in grado di presentare i capi di accusa”. O, in alternativa, “di autorizzare i due Fucilieri di Marina a rientrare in Italia” nell’attesa dei futuri sviluppi. Commentando con l’Ansa questo scenario, l’inviato del governo Staffan de Mistura, che oggi sarà in Italia per consultazioni, ha detto che “abbiamo mostrato come in questa storia l’India si sia cacciata in un angolo. Ma noi non vogliamo accanirci, bensì aiutarla ad uscire da questa situazione”. A lungo sordo ad ogni sollecitazione ed ai richiami alla ragione, il ministero dell’Interno indiano sembra adesso rendersi definitivamente conto del “disastro” evocato da Khurshid, pronto ad abbandonare la strategia adottata finora. In serata fonti ministeriali hanno affidato all’agenzia Pti una riflessione circa la possibile rinuncia dell’utilizzazione del SUA Act per rispettare le assicurazioni fornite dall’India all’Italia che il caso dei marò non è fra quelli “rarissimi fra i rari” per cui si fa valere in India la pena di morte. Ed è quindi molto probabile che in occasione delle udienze la settimana prossima per l’esame del ricorso italiano il pm indiano comunicherà l’impossibilita’ di applicare la Legge per la repressione della pirateria, e affiderà ai giudici della Corte una decisione sul futuro. (Maurizio Salvi/ANSA)

Ultima ora

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

21:53Maltempo: Toti, ‘Le prossime ore sono le più critiche’

(ANSA) - GENOVA, 11 DIC - "La nostra è una situazione di preoccupazione e di attenzione perché si tratta di una perturbazione molto complessa, sia da seguire che da capire. E' stata una tempesta perfetta, un fenomeno estremo per il variegato modo in cui si è presentato. Le prossime ore saranno quelle che danno maggiore preoccupazione". Così il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti ha commentato la situazione meteo. "Abbiamo avuto mareggiate con onde fino a 7 metri, vento fino a 160 km orari, precipitazioni fino a 300 mm, freddo molto intenso nell'entroterra con neve nel savonese con il fenomeno del gelicidio che ha provocato non pochi problemi ai trasporti ferroviari e stradali". Restano sorvegliati speciali l'Entella, il Magra e il Vara. "Adesso sarà importante vedere nelle prossime ore - continua Toti - quando le piogge intorno a mezzanotte caleranno, come reagiranno i bacini".

21:49Gerusalemme: razzi da Gaza, Israele risponde al fuoco

(ANSAmed) - TEL AVIV, 11 DIC - Razzi sono stati lanciati da Gaza verso Israele ma per ora non si conosce il luogo dell'impatto, né eventuali conseguenze. Lo ha riferito il portavoce militare aggiungendo che, in risposta al lancio, l'esercito ha sparato tre colpi di artiglieria verso la zona della Striscia da cui si presume siano parti i razzi. Non si hanno altre notizie al momento. Oltre l'artiglieria - ha in seguito aggiunto il portavoce - è intervenuta anche l'aviazione israeliana che ha colpito postazioni di Hamas nel sud della Striscia. Israele - ha spiegato - considera Hamas responsabile "per ogni attacco da Gaza".

21:48New York: ‘Vendetta per raid Israele a Gaza’

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - L'attentatore di Manhattan parlando con gli investigatori avrebbe legato il suo gesto alle azioni di Israele contro la popolazione di Gaza: lo riporta la Cnn citando fonti investigative.

Archivio Ultima ora