Premier tira dritto, intesa per 2014 in tempi brevi

Pubblicato il 16 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – Enrico Letta non molla, tira dritto nel tentativo di trovare una intesa sull’agenda del governo per il 2014, sulla legge elettorale, le riforme e un nuovo patto sulla competitività. Con in testa questo obiettivo oggi ha continuato le consultazioni con i partiti della maggioranza,in vista del tavolo plenario, con un occhio a quanto succedeva alla direzione del Pd. Una giornata di lavoro a Palazzo Chigi divisa tra le carte per “impegno 2014” e la valutazione dell’esito del vertice dem, una valutazione positiva per quanto riguarda gli sforzi di Matteo Renzi sulla legge elettorale: “coraggiosi” e “opportuni”. Decisamente critica quanto si mettono in discussione i primi 10 mesi di attività del suo governo. Ma non può non apprezzare la rinnovata offerta e promessa di dare vita ad un “anno costituente” che spazzi via le tentazioni o “il ricatto” di chi si dice disposto a fare un accordo per andare a votare a maggio. Perchè il punto focale in questo momento rimane, per il presidente del Consiglio, l’impegno comune per far uscire finalmente il Paese dalla sacca in cui era finito. E in cui il nuovo inizio del governo dovrà corrispondere ad un nuovo inizio per tutto il Paese. Ognuno con i mezzi e gli strumenti che gli appartengono. Lo strumento che Letta ha in mano per guidare questa riscossa e’ il contratto di coalizione: un accordo che avrà come parola chiave il concetto di competitività. E che ha come evidente corollario la ripresa dell’occupazione, soprattutto quella giovanile. Con interventi a tutto campo che spazieranno dal lavoro al fisco, alla sburocratizzazione. Un contratto che Letta intende portare a termine nei prossimi giorni: la dead line resta quella del 24-25 gennaio. Dopo, Letta sarà a Bruxelles e lì potrà esibire i risultati di quello che dovrà appunto essere l’accordo di maggioranza sulla ripartenza dell’Italia. Un patto di maggioranza che in qualche modo potrebbe raccordarsi anche alle riforme che Renzi intende trattare a tutto campo. Incluse le richieste di intervento sui cosiddetti ‘diritti’ che alcune forze di governo chiedono di includere nel patto. Letta non ha “pregiudizi ideolgici” in merito: vedrà nel corso dei prossimi giorni se ci saranno spazi per farlo. Intanto lavora alle sue proposte per il contratto, visto che il suo ruolo non sarà solo di raccordo ma propositivo. E cerca di concentrarsi sugli aspetti positivi che derivano al governo dal pressing di Renzi. Letta non ha partecipato alla direzione del Pd, ne ha seguito a distanza i lavori da palazzo Chigi dove ha invece incontrato il ministro dell’economia, Fabrizio Saccomanni, per mettere a punto le iniziative da inserire appunto nel contratto. Come dire, usando i modi di Renzi, che intanto il governo le cose le fa. In mattinata ha anche visto la delegazione del Psi di Nencini. Con lui il premier avrebbe confermato la possibilità di legare alla “discontinuità programmatica ad una discontinuità anche rispetto all’attuale assetto di governo in carica”. Ma il Psi ha anche posto l’urgenza dell’apertura di un dibattito sui diritti: lo si farà in Parlamento ma Letta “è consapevole del fatto che si tratta di un tema caldo”. E dunque, non si esclude che la questione possa fare davvero capolino nel contratto. Anche perché le ‘consultazioni’, seppure informali, non sono ancora terminate e il premier deve ancora incontrare Angelino Alfano. Nessun problema viene invece riscontrato a palazzo Chigi a causa di quelli che vengono definiti incidenti di percorso come quello sulla comunitaria o lo stop alla nomina di Padoan all’Istat. Domani, infatti, il suo nome verrà riproposto in Consiglio dei ministri. (Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

19:02Champions: Al Khelaifi avvisa il Real

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo molto rispetto per il Real Madrid, saranno due grandi partite, i tifosi vivranno due magici match, a Madrid e nel Parc des Princes. Noi dobbiamo essere pronti a giocare contro tutte le squadre e arriveremo preparati all'appuntamento". Così il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi, in una dichiarazione sul sito del club, subito dopo il sorteggio di Nyon che ha messo di fronte negli ottavi di Champions ai campioni di Francia i campioni d'Europa. Questa sarà la quarta volta in cui il club parigino e il Real Madrid si affrontano in Europa.

18:53Maltempo: tracima il fiume Entella a Chiavari

(ANSA) - GENOVA, 11 DIC - Il fiume Entella a Chiavari (Genova) ha tracimato dopo aver raggiunto i livelli di guardia ingrossato dai suoi principali affluenti, il Lavagna e lo Sturla, che raccolgono la pioggia dell'intera vallata. Spettacolare la portata d'acqua alla foce dove il fiume trova una imponente mareggiata che di fatto ne impedisce parzialmente il deflusso. Anche a Riva Trigoso onde di sei metri impediscono alle acque del torrente Petronio di defluire provocando una progressiva erosione del litorale. (ANSA).

18:40Dimesso muore dopo 20 giorni, pm ordina riesumazione salma

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Dimesso perché in buone condizioni di salute, muore dopo circa venti giorni. E' un giallo il decesso di un 83enne avvenuto il 10 settembre scorso a Carloforte, sull'isola di San Pietro, dopo un incidente stradale nel quale era rimasto vittima circa un mese e mezzo prima, il 30 luglio. Il pubblico ministero del tribunale di Cagliari, Alessandro Pili, ha ora chiesto la riesumazione del corpo. Questa mattina i consulenti della Procura hanno proceduto al recupero della salma che era stata tumulata ormai da tre mesi. L'ipotesi su cui sta indagando la magistratura è quella di omicidio colposo a carico del conducente dell'auto che aveva travolto la bicicletta su cui procedeva l'anziano pensionato. Il pm ha incaricato per le nuove perizie il medico legale dell'Università Nicola Lenigno, mentre la difesa e l'avvocato della parte offesa - nominato dalla famiglia - hanno indicato i propri consulenti. L'automobilista è assistito dall'avvocato Mario Maffei. Dopo l'incidente e il ricovero all'ospedale Sirai di Carbonia, l'anziano era stato trasferito al Brotzu di Cagliari, dal quale in seguito era stato dimesso. Circa venti giorni dopo è avvenuto il decesso. Ora la Procura cercherà di accertare se esistano relazioni tra la morte e l'incidente stradale.(ANSA).

Archivio Ultima ora