Renzi, mesi fallimento ora riforme. Ma Letta non ci sta

Pubblicato il 16 gennaio 2014 da redazione

ROMA.- Garantisce di “non voler fare le scarpe” ad Enrico Letta, nonostante “il consenso del governo sia ai minimi ed il mio ai massimi”, ma Matteo Renzi rivendica il diritto di critica al governo. E, nella prima direzione sotto la sua guida, lo esercita: “Sulle riforme gli ultimi dieci mesi sono un elenco di fallimenti, ora il Pd si gioca la faccia”. Un giudizio che il premier, assente in direzione, non condivide affatto alla luce di “uno dei tempi più travagliati della storia recente”. Tra i due è prima duello a distanza mentre, in direzione, la sinistra del Pd sfida il leader ad uscire “dall’ambiguità” verso il governo: o dentro o così non si va avanti; poi ravvicinato, con una cena a sorpresa a Palazzo Chigi. Un faccia a faccia dove sono stati affrontati vari temi senza arrivare però allo sblocco della situazione. Un nulla di fatto che lascia comunque la discussione aperta, spiegano fonti parlamentari vicine al presidente del Consiglio che vedono come “decisivi” i prossimi giorni. Letta aveva preferito non andare alla direzione, ed è noto che il premier avrebbe aspettato l’esito della riunione e del confronto interno al Pd prima di stringere sul contratto di governo con il sindaco di Firenze. Il dibattito di oggi fotografa un asse tra i governativi e la sinistra del partito con il capo della minoranza Gianni Cuperlo che attacca Renzi perchè “non basta più la formula ‘il governo va avanti se fa le cose’, o c’è una vera ripartenza con un Letta bis o non funziona”. Nella sua relazione, la prima da segretario, Renzi torna a garantire lunga vita al governo e di “non giocare un giochino tutto interno agli intrighi di Palazzo per andare a votare e prendere il posto di Enrico”. Ma picchia duro sui risultati. “L’esecutivo – assicura il leader Pd – ha tutto il diritto di andare avanti ma abbia l’intelligenza di proporci non solo correzioni a errori fatti, come sugli insegnanti, sulle slot o il balletto sull’imu, ma di indicare obiettivi”. E sulle riforme parla di “abbondanza di ministri ma di scarsi risultati”. Nonostante il bilancio poco lusinghiero, però, il rottamatore continua a non credere che il rimpasto di governo sia la soluzione: “Il governo non ci chieda un rimpastino, uno dei loro per uno dei nostri perchè l’obiettivo è cambiare il sistema” con le riforme e non i ministri. Il leader Pd, insomma, lascia a Letta la palla: “Decida lui sul rimpasto, il rispetto è totale ma sulle singole iniziative ci faremo sentire”. Mentre la direzione è ancora riunita, e la minoranza del Pd chiede a Renzi un maggior impegno perchè, spiega Stefano Fassina, “questo governo non può essere figlio di nessuno”, Letta fa un’analisi con luci e ombre sulla relazione del segretario. Bene la necessità di “un nuovo inizio” nell’azione di governo ma disaccordo nel giudizio su quanto fatto finora “in uno dei tempi più complessi e travagliati della nostra storia recente, che questo governo ha dietro le spalle”. Di più, in una fase così delicata, il presidente del consiglio non vuole e non può dire perchè l’obiettivo di Letta è cercare nei prossimi giorni un’intesa con il segretario Pd. A sfidare Renzi sulle sue reali intenzioni ci pensa, per oggi, la sinistra del partito. (Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

Archivio Ultima ora