Mis poemas: il cioccolato che sa di Venezuela

Pubblicato il 17 gennaio 2014 da redazione

CARACAS – La signora Amanda chiama i suoi figli “mis poemas”. Ecco dove nasce il nome di quest’azienda che, anche se piccola, sforna da 12 anni un prodotto di qualità riconosciuto a livello mondiale.

Theobroma in greco significa “cibo degli dei” ed è il nome scientifico della pianta di cacao. Una sorta di tesoro nascosto del continente americano, lavorato in seguito dagli europei, che amavano il suo sapore particolare. In Venezuela ha rappresentato la base dell’economia nel secolo XVIII, prima dello sviluppo della sfera petrolifera, e anche se adesso la sua produzione rappresenta dei numeri piccoli, la sua qualità lo rende tra i migliori al mondo. Una delle terre più fertili per il cacao si trova nello stato Miranda. Lì alcune piccole aziende producono cioccolato artigianale. Tra queste, Chocolate Mis Poemas, gestita da Amanda de García e dalla sua famiglia, nella località di San José de Barlovento.

Tanto unico quanto il caviale. Simón, che spiega ai turisti la missione di Mis Poemas, paragona questo cacao con il miglior caviale, quello belga che è il più caro in assoluto (il suo prezzo si aggira tra i 7.000 ed i 10.000 dollari al chilo), perché ce n’è soltanto pochissimo nel mondo. Con riferimento alla produzione, commenta che a livello mondiale si contano 3 milioni e mezzo di tonnellate metriche, ma si parla di cacao straniero che è di alta produttività, ma di qualità assai meno pregiate. Invece il cacao aromatico, con il suo sapore intenso e così particolare, come quello proveniente dal Venezuela e da Trinidad, si ferma a quota 35mila tonnellate. Troppo poco perché è di bassa produttività (tra 250 e 350kg per ettaro), ma a fronte di una qualità eccelsa. In Venezuela si producono 22.000 tonnellate annue e per offrire un’idea di quanto poco sia, basti pensare che soltanto la Germania ne consuma mediamente 350.000 tonnellate (un consumo pro-capite di 8 chilogrammi!). Ciò significa che in Venezuela non si produce cacao a sufficienza neanche per una singola città tedesca.

Riconoscimento internazionale. Amanda de García ha vinto due volte, una nel 1994 e l’altra nel 1996, un viaggio in Italia, a Torino, per offrire un discorso sul cioccolato artigianale, privo di qualsiasi additivo, nell’evento Slow Food. Questo è un movimento internazionale, nato nel cuore dello Stivale, che promuove una nuova filosofia che abbina il piacere con la conoscenza e che ha lo scopo di tutelare gastronomie e tradizioni locali.

“Complimenti agli italiani per l’organizzazione, ma anche per la vena di follia perché soltanto a voi verrebbe in mente di riunire 7.000 persone provenienti da tutto il mondo per parlare di cioccolato. Ricevo ancora degli inviti!”, ha detto sorridendo Amanda, sottolineando che loro non utilizzano né vaniglia né lecitina di soia. È soltanto cacao, burro di cacao e zucchero, senza aggiunte di alcun genere.

Famiglia unita. Dietro questa storia c’è uno straordinario lavoro familiare. Simón dice:

“Tutto il macchinario per fare il cioccolato lo disegnamo e lo facciamo noi“.

E con le stesse macchine prendono il seme, lo mettono in una cassa di legno chiamata guacal e lo coprono con la foglia della pianta del banano per due-quattro giorni affinché possa fermentare, eliminando eventuali germi presenti. Successivamente, i guacales vengono lasciati a seccare sotto il sole in cortile per molti giorni per ottenere così la materia prima per fare il cioccolato.

La pianta è incredibilmente delicata. Il fiore si schiude al mattino e se non è fecondato entro mezzogiorno, muore. Meno del 5% dei fiori diventa cacao. Riguardo alle misure speciali per garantire la fecondazione, Simón risponde:

“Io rido, perché da altre parti si parla di cacao organico e quant’altro, ma il cacao venezuelano è davvero campestre. Si trova in questa terra da anni, la gente va, lo raccoglie, non utilizza alcun tipo di fertilizzante, non aggiunge medicinali, non gli fanno assolutamente nulla!”.

Così a Barlovento si può avere un cacao squisito dal 15 ottobre fino al 15 agosto.

In Chocolate Mis Poemas si possono trovare diversi tipi di prodotti che vanno dalla pasta di cacao, al burro, alla polvere; tutto questo passando per i cioccolatini, il tè di cioccolato, fino ad arrivare al liquore di cacao. Si possono trovare soltanto a Barlovento ed in alcuni supermercati dell’est di Caracas, “perché abbiamo una bassissima produzione: 50 chili al giorno, mentre ad esempio El Rey ne produce 4.500 ogni ora e Savoy 6.500”, chiosa Simón. Alla fine, come precisa la signora Amanda, “venezuelano che non lancia la freccia, suona il tamburo”.

Il loro cioccolato quando non è indigeno è nero, ma alla fine è “venezuelanissimo”, così come il cacao, composto solo e soltanto da ciò che la natura offre. Ecco cosa lo rende speciale ed assolutamente unico al mondo.

Angélica Velazco

Ultima ora

13:29Tennis: Ift Dubai, Errani ai quarti

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Sara Errani si è qualificata per i quarti di finale del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: al secondo turno la romagnola, numero 143 del ranking mondiale, ha sconfitto per 6-4 7-6 (7-4) la bielorussa Vera Lapko, numero 134 Wta e ottava testa di serie del torneo.

13:22Carceri: detenuto di 20 anni suicida a San Vittore

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Un detenuto marocchino di 20 anni, condannato per rapina e con fine pena 2020, si è impiccato nel bagno della sua cella nel carcere San Vittore di Milano. Ne dà notizia il segretario regionale lombardo del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe), Alfonso Greco: "L'uomo era detenuto nel V Reparto detentivo del carcere di San Vittore e si è impiccato nel bagno della cella - spiega Greco -. Nonostante il tempestivo intervento dell'Agente di Polizia Penitenziaria, non è stato purtroppo possibile salvargli la vita. Un gesto grave, che lascia in noi amarezza e sgomento". Donato Capece, segretario generale Sappe, denuncia: "Tre detenuti che si tolgono la vita in carcere in meno di una settimana sono un fallimento per lo Stato. Vittime innocenti di un disagio individuale a cui non si riesce a fare fronte nonostante gli sforzi e l'impegno degli operatori". Capece ricorda che "sabato si era tolto la vita un detenuto a Regina Coeli a Roma, domenica un altro di Terni".

13:18Basket: Nba, ko a Cleveland Atlanta perde ancora

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Niente da fare per Marco Belinelli e gli Atlanta Hawks, sconfitti a Cleveland dai Cavaliers: 123-114 il punteggio a favore di LeBron James (autore di 25 punti) e compagni. Per il giocatore azzurro 8 punti in poco più di 20 minuti di gioco. Per gli Hawks, ultimi nella Eastern Conference, si tratta della 21/a sconfitta su 27 partite disputate mentre i Cavs hanno totalizzato il loro 20/o successo mantenendo il secondo posto alle spalle dei Boston Celtics. Nelle altre partite del campionato Nba disputate la scorsa notte vittorie dopo un tempo supplementare dei New York Knicks sui Los Angeles Lakers (113-109) e dei Philadelphia 76ers in casa dei Minnesota Timberwolves (118-112). I Brooklyn Nets hanno superato 103-98 i Washington Wizards, i Dallas Mavericks si sono aggiudicati per 95-89 il derby texano sui San Antonio Spurs e i Sacramento Kings hanno piegato 99-92 i Phoenix Suns. Infine successo esterno per 103-84 dei Denver Nuggets sui Detroit Pistons.

13:16Uomo muore dopo allenamento in palestra nel Foggiano

(ANSA) - MONTE SANT'ANGELO (FOGGIA), 13 DIC - Un 34enne è morto dopo aver sostenuto un allenamento, ieri sera, all'interno di una palestra in via Manfredonia, a Monte Sant'Angelo (Foggia). L'uomo, secondo quanto accertato dai carabinieri del Comando provinciale di Foggia che indagano sull'episodio, aveva appena terminato l'allenamento e si era recato negli spogliatoi per cambiarsi e tornare a casa. All'improvviso si è sentito male e si è accasciato a terra. Malgrado l'immediato intervento dei sanitari del 118, per il 34enne non c'è stato niente da fare.

13:10Pakistan: bambina nasce in volo, la chiamano ‘Paradiso’

(ANSA) - ISLAMABAD, 13 DIC - Una giovane madre pachistana ha messo al mondo ieri sera, su un aereo della compagnia Pakistan International Airlines (PIA), in volo fra la città saudita di Medina e quella pachistana di Multan una neonata a cui, date le circostanze, è stato assegnato il nome di 'Jannat' (Paradiso). Un portavoce della PIA non ha esitato ad evocare un miracolo per commentare il lieto evento. "I miracoli - ha detto ringraziando l'equipaggio che si è adoperato per collaborare con il parto - non succedono tutti i giorni. Ma noi oggi ne abbiamo avuto uno piccolo con la nascita di una bellissima bambina!". "Lei ha aperto gli occhi nel cielo azzurro - ha concluso - ed anche per questo il papà Imran e la mamma Kausar, che lavorano in Arabia saudita e tornavano a casa per vacanze, sono stati d'accordo nell'assegnarle il nome di 'Jannat' (Paradiso).

13:09Calcio: Milan, ‘Donnarumma patrimonio sportivo ed economico’

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non è il tempo del mercato". Nella consueta rassegna stampa pubblicata sul sito del Milan, si conclude così il commento sull'intricato caso di Gianluigi Donnarumma e sull'ipotesi di cessione tornata d'attualità in questi giorni. "Gigio è un patrimonio del Club, sia sportivo (è reduce da ottime parate contro Torino e Bologna) che economico - si legge sul sito della società rossonera -. Tutto questo è valorizzato da un contratto fino al 2021 e rafforzato da un dialogo sempre aperto e positivo fra il giocatore e il suo allenatore, fra il giocatore e il direttore sportivo rossonero Mirabelli. Stabilito questo come ha già avuto modo di affermare proprio Rino Gattuso ieri, il Milan è concentrato adesso solo sul campo. È lì che la squadra rossonera deve continuare a lavorare per tornare grande. Non è questo il tempo del mercato - è la conclusione -, ma solo ed esclusivamente del campo".

13:07Brexit: Barnier, non accetteremo alcun passo indietro da Gb

(ANSA) - STRASBURGO, 13 DIC - "Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta" siglata venerdì scorso da Regno Unito e Unione europea. Lo ha detto il negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, durante un dibattito in plenaria al Parlamento europeo. I punti della 'fase uno' del negoziato, ha detto, "devono essere rapidamente tradotti in un accordo di ritiro giuridicamente stringente. Questa è una delle condizioni per il buon andamento del negoziato". Barnier ha anche sottolineato che questa "è una tappa importante ma ce ne saranno molte altre".

Archivio Ultima ora