Il Papa vuole aprire gli archivi Pio XII-Shoah

Pubblicato il 19 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – Nell’operazione trasparenza voluta da Papa Francesco in Vaticano rientra anche l’apertura in tempi possibilmente brevi degli archivi segreti della Santa Sede relativi al periodo della Shoah, in particolare per far luce sull’operato della Chiesa e di Pio XII. E’ quanto ha rivelato al Sunday Times Abraham Skorka, rettore del Seminario rabbinico di Buenos Aires e da tempo amico di Jorge Bergoglio. “Credo che aprirà gli archivi – ha dichiarato oggi, dopo aver incontrato venerdì scorso il Papa – la questione è molto delicata e dobbiamo continuare ad analizzarla”. In realtà sono anni che il Vaticano sta lavorando per rendere disponibili le carte su papa Pacelli, come aveva annunciato già nel 2010 il prefetto dell’Archivio segreto vaticano, mons. Sergio Pagano, che parlò di una possibile apertura nell’arco di 5 anni. E come ha confermato oggi anche padre Federico Lombardi. D’altronde le pressioni sulla figura di Pio XII sono da sempre tantissime: una parte degli storici lo ha messo sotto accusa per i suoi silenzi sulla Shoah e soprattutto sulla deportazione degli ebrei romani del 16 ottobre 1943. Ma Pacelli viene, invece, difeso da chi ricorda come chiese e conventi, dietro indicazione proprio del Vaticano, salvarono migliaia di ebrei dai campi di sterminio. Ma pressioni per la divulgazione delle carte riservate sono venute più volte in particolare da Israele. Ed è possibile che richieste in tal senso vengano fatte a Bergoglio nel suo viaggio in Terra Santa in programma dal 24 al 26 maggio, con tappa prevista anche allo Yad Vashem. Ma il Vaticano già sta lavorando, ribadisce il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi: “Mi sembra che non ci sia nessuna particolare novità. L’orientamento all’apertura degli archivi vaticani, man mano, e dei diversi fondi riguardanti il pontificato di Pio XII ancora chiusi, è seguito da decenni dalla Santa Sede e più volte ribadito”. “L’apertura, che è in programma da anni – ha aggiunto padre Lombardi – richiede però tempi tecnici per il lavoro di ordinamento dei documenti, prima di permetterne la consultazione. Gli archivi, insomma, dovrebbero essere aperti una volta che, completato l’ordinamento, siano effettivamente consultabili”. Sempre secondo il rabbino Skorka, Papa Francesco vorrebbe arrivare alla pubblicazione delle carte riservato prima di proseguire nel processo di canonizzazione di Pio XII, al fine di chiarire del tutto la sua posizione negli anni dello sterminio ebraico. Bergoglio aveva affermato questo suo desiderio di verità già nel 2010, quando era ancora cardinale, nel libro “Il cielo e la terra”, scritto a quattro mani proprio con Skorka, affermando che la Chiesa, aprendo gli archivi, non deve aver paura della verità, che è l’unico fine. Che però le aspettative sui documenti “riservati” possano andare deluse era l’avvertimento fatto da mons. Pagano qualche tempo fa: “non porteranno grandi rivoluzioni. Quello che qui è chiuso, in Germania o al ministero degli Esteri francese è già aperto: chi conosce bene gli archivi sa che possono rivelare cose molto parziali, rifiniture o riletture”. E mons. Pagano aggiunse che “molti documenti che preciserebbero meglio il presunto silenzio” di Pio XII “sono già editi ma nessuno li legge”. In ogni caso si tratta di un “lavoro duro. Sono milioni e milioni di fogli da vedere, numerare, protocollare. Ma è anche un lavoro interessante”.  (Gianluca Vannucch/ANSA)

Ultima ora

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

18:49Gerusalemme: Alfano, appello a moderazione nella regione

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Facciamo un appello alla moderazione a tutti gli attori della regione e confidiamo sia evitata una escalation violenza da cui nessuno trarrebbe beneficio". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano rispondendo in Aula alla Camera al question time sulla decisione Usa di trasferire l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Su Gerusalemme "il negoziato e la non violenza sono l'unica strada", ha ribadito Alfano: "La questione di Gerusalemme capitale deve essere discussa nell'ambito del negoziato sui due Stati". In questo contesto, "non sono messi in discussione i legami di amicizia con Israele", ha sottolineato il ministro, ricordando l'organizzazione della conferenza sull'antisemitismo prevista per gennaio a Roma durante la presidenza Osce.

18:48Comuni: con bando periferie 4 mld per 120 progetti

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Con la firma, lunedì prossimo, 18 dicembre a Palazzo Chigi, delle convenzioni per tutti i progetti candidati nel primo "bando periferie", si avvia in concreto una delle più grandi operazioni di rigenerazione urbana e sociale. Sono 120 i progetti finanziati da questo bando, 445 i comuni interessati per un ammontare complessivo di risorse che supera i 4 miliardi di euro tra investimenti pubblici, privati e risorse dei comuni. "Questi finanziamenti devono diventare strutturali e ci aspettiamo di vedere passi concreti in questo senso già nelle prossime settimane", ha detto il segretario generale dell'Anci, Veronica Nicotra, incontrando oggi in Anci i 120 responsabili dei progetti finanziati da "bando periferie". I progetti riguardano la realizzazione di nuovi spazi pubblici, la rigenerazione di aree degradate, interventi di riqualificazione e realizzazione di aree verdi, l'inclusione sociale, la ristrutturazione di edifici scolastici abbandonati o degradati e molto altro.

18:47Usa: hackerato Twitter Anderson Cooper, ‘Trump perdente’

(ANSA) - NEW YORK, 13 DIC - L'account Twitter di Anderson Cooper, uno dei volti di punta della Cnn, e' stato hackerato: agli hacker e' imputabile il tweet contro Donald Trump, in cui il presidente e' definito un ''patetico perdente''. ''Mi sono svegliato questa mattina per venire a conoscenza che qualcuno e' entrato sul mio account Twitter. Non twitto da giorni. Stiamo valutando come sia accaduto'' afferma Anderson Cooper facendo eco alle parole della Cnn.

18:47‘Scuola cancella la parola Natale’, è polemica a Milano

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Dopo i presepi e i crocefissi, ora anche le feste di Natale vengono ostacolate nelle scuole": è quanto denunciano Samuele Piscina (Lega), presidente del Municipio 2 di Milano e Laura Luppi, assessore alle politiche educative. "È il caso dell'Istituto Comprensivo Italo Calvino, vicino a viale Monza, dove la festa di Natale - spiegano - è stata trasformata nella 'Grande festa delle buone feste', tra le proteste di molti genitori". "La parola 'Natale', simbolo della nostra fede e della nostra cultura, non discrimina nessuno - ribadiscono Piscina e Luppi -, non garantisce il rispetto di nessuno, non produce una scuola e una società accoglienti e inclusive, ma fomenta l'intolleranza nei confronti della nostra cultura, dei nostri usi, delle nostre leggi e delle nostre tradizioni. Anzi le scuole dovrebbero essere le prime custodi di queste tradizioni che appartengono alla nostra storia e che hanno segnato la nostra cultura con tutto ciò che ne è conseguito in termini di rispetto e di libertà".

18:47Calcio: Lazio, un turno squalifica e multa per Immobile

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Una giornata di squalifica e una multa di diecimila euro. Questa la sanzione comminata al giudice sportivo di serie A per l'attaccante della Lazio Ciro Immobile, espulso al 44' pt della partita contro il Torino disputata lunedì scorso all'Olimpico per un diverbio con il granata Burdisso. Il giudice ha ritenuto che la condotta del calciatore "pur antisportiva, non assuma connotati di particolare gravità, alla stregua anche della scarsa intensità del contatto e dell'assenza di conseguenze" per l'avversario".

Archivio Ultima ora