Partiti “piccoli” all’attacco su preferenze

Pubblicato il 19 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – No alle liste bloccate. I piccoli partiti, nella maggioranza come all’opposizione, si riuniscono sotto il ‘vessillo delle preferenze’ e annunciano battaglia sulla riforma ‘Renzi-Cav’ della legge elettorale. Nasce così il ‘fronte del no’ che va da Ncd e arriva fino a M5S; ma, a sorpresa, coinvolge anche la minoranza del Pd che contesta apertamente il metodo e l’intesa raggiunta al Nazareno. Nella maggioranza, accantonate le minacce di far cadere il governo, Nuovo Centrodestra ‘Per l’Italia’ e Scelta Civica sembrano aver scelto il Parlamento come campo di confronto per bloccare una legge che mira a limitare il peso politico dei piccoli e, in alcuni casi, li condannerebbe addirittura alla scomparsa. All’opposizione le critiche più dure arrivano da M5S e Sel, mentre la Lega non nasconde il timore che la riforma proposta punti ad eliminare il Carroccio da Camera e Senato. In ogni caso, le previsioni sulle conseguenze dell’intesa Renzi-Berlusconi sulla legge elettorale sono state ribaltate: non c’è stato alcuno scossone per la tenuta del governo Letta, che anzi appare in qualche modo rassicurato dalle parole del segretario del Pd e dalla promessa collaborazione del leader di Forza Italia al processo delle Riforme. Il premier intanto lavora a “Impegno 2014” e attende gli esiti della decisiva direzione Dem di domani sulla legge elettorale. Il presidente del Consiglio, che ieri, tramite Palazzo Chigi, si era espresso con una nota positiva ( “pare si vada nella direzione giusta”) in merito all’intesa tra Renzi e il Cavaliere sul doppio binario Legge elettorale e riforme auspica sempre che alla fine il nuovo modello venga definito con la massima convergenza tra le forze politiche coinvolgendo prima di tutto la maggioranza. Restano negli ambienti parlamentari vicini a Letta le preoccupazioni sul travaglio del Pd su questo delicato tema. La partita riforme rappresenta il cuore dell’azione di governo. Letta aveva chiesto in Parlamento un arco di tempo di 18 mesi per portarle a termine. E la Modifica del titolo V della Carta rappresenta uno dei passaggi cruciali. Già nel 2012, l’attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio Filippo Patroni Griffi presentò una riforma in tal senso quando era responsabile del dicastero della semplificazione. In subbuglio è, invece, il Pd. Le fibrillazioni interne ai Dem sono amplificate dalle perplessità sulla “rilegittimazione di Berlusconi da parte di Renzi”, espresse dal presidente Gianni Cuperlo, e dall’attacco dell’ex viceministro Stefano Fassina che dice di “essersi vergognato per l’arrivo del Cavaliere nella sede del partito”. I piccoli non gradiscono per nulla la proposta Renzi-Cav e brandiscono la mancanza delle preferenze come arma d’attacco. Anzi, ne fanno il proprio vessillo. Angelino Alfano accusa il segretario del Pd e Berlusconi di voler impedire “alla gente di scegliersi i parlamentari attraverso un sistema di liste bloccate”. Il leader di Ncd non usa mezzi termini ma è comunque soddisfatto perché – spiega – “il modello spagnolo che avrebbe ucciso nella culla il Ncd è saltato”. D’altro canto, il vicepremier conferma di aver aperto un canale di comunicazione proprio con Renzi che dovrebbe scongiurare improvvise rotture: “Abbiamo avuto vari sms di commento e analisi della situazione – ammette Alfano – Ci scambieremo documenti e carte” sulla legge elettorale. Contro le liste bloccate si esprime anche Pier Ferdinando Casini, che già nella scorsa legislatura fece della mancanza delle preferenze un cavallo di battaglia del suo partito: “In Parlamento – sottolinea – proporremo le preferenze perché i parlamentari vengano scelti dai cittadini e non dai partiti”. Scelta Civica esclude modelli che limitano il peso dei piccoli e invita ad adottare “un Mattarellum corretto” ma – spiega il segretario politico Stefania Giannini – anche il cosiddetto “‘sindaco d’Italia’”. All’opposizione M5S e Sel attaccano a testa bassa. Beppe Grillo, come al solito, usa l’ironia per colpire Renzi e Berlusconi, “due extra-parlamentari”: “La ‘Profonda Sintonia’ con un pregiudicato al quale vengono affidate le sorti del Paese attraverso una nuova legge elettorale è un’allucinazione”, scrive sul suo blog sottolineando che l’ex premier “è stato scaraventato fuori dalla finestra del Senato per frode fiscale dal M5S” ed ora “è chiamato a fare le leggi dal Pd”. Il M5S presenterà una sua proposta a fine febbraio. Nichi Vendola si rivolge direttamente al segretario del Pd: “L’eliminazione delle forze più piccole non è solo una lesione del diritto alla rappresentanza – afferma – ma una scelta pericolosa perché spesso quelle minoranze drenano consenso che potrebbe altrimenti finire alle forze populiste”. (Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

16:12Strangolò la ex, condannato a 30 anni di carcere

(ANSA) - RIMINI, 11 DIC - È stato condannato a 30 di reclusione Michele Castaldo, operaio siciliano di 54 anni che uccise Olga Mattei, 46 anni, commessa di origine moldava, strangolandola nel suo appartamento di Riccione, il 6 ottobre del 2016. In mattinata la sentenza di condanna, che prevede anche cinque anni ulteriori di sorveglianza speciale a fine pena. Castaldo, è stato giudicato con rito abbreviato, dal giudice Vinicio Cantarini che ha accolto tutte le richieste del pubblico ministero Davide Ercolani e che lo ha condannato anche al risarcimento delle parti civili. Il rito è stato condizionato alla perizia psichiatrica secondo cui l'uomo, difeso dall'avvocato Monica Castiglioni, quel giorno agì in preda ad una "tempesta emotiva" che non ne condizionò però la capacità di intendere e volere. Come egli stesso confessò agli inquirenti, mentre stringeva le mani al collo della donna che lo aveva lasciato stanca della forte gelosia del compagno, le disse: "Se non sarai mia non sarai di nessun altro". (ANSA).

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

Archivio Ultima ora