L’India accelera sui marò, ma rispunta la pena di morte

Pubblicato il 20 gennaio 2014 da redazione

NEW DELHI. – La Corte Suprema indiana ha posto un ultimatum di due settimane al governo indiano per risolvere il “pasticcio” che blocca il processo a carico dei marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone e che adesso si è arricchito di un nuovo colpo di scena con il riemergere, secondo notizie stampa, dello spettro della pena di morte. Mentre aumenta il pressing diplomatico italiano a Bruxelles. Dopo aver ascoltato il ricorso del team legale guidato dall’avvocato Mukul Rohatgi che ha denunciato i gravi ritardi, il massimo organismo giudiziario ha chiesto all’avvocato dello Stato di trovare una soluzione per “riconciliare il conflitto di opinione all’interno dell’amministrazione” e, dopo aver ricevuto la rassicurazione che “farà tutto il possibile”, ha rinviato l’udienza al 3 febbraio. Però, una fonte della Nia (la polizia anti-terrorismo che sta indagando sul caso e che proprio ieri ha festeggiato i cinque anni della sua creazione con un convegno a New Delhi) ha detto al ‘Times of India’ che il ministero degli Interni ha dato il semaforo verde all’utilizzo di una legge sulla pirateria marittima in acque internazionali (il ‘Sua Act’) nella formulazione dei capi di accusa contro i due marò. Si tratta del draconiano provvedimento fortemente contestato dall’Italia perché contiene la pena di morte in caso di omicidio e per l’assurdità di considerare come “pirati” due militari che per conto di uno Stato stavano compiendo un servizio di antipirateria. La notizia, non confermata all’Ansa, è preoccupante perché violerebbe le promessa di New Delhi data lo scorso aprile sulla non applicabilità della pena capitale, ma secondo l’inviato Staffan de Mistura deve essere presa con le pinze. “Quello che fa fede per noi è ciò che dirà la Corte Suprema – ha dichiarato – e non quello che dicono fonti generiche che appaiono sulla stampa”. Il diplomatico è stato anche chiaro su cosa potrebbe succedere il 3 febbraio in caso di un ulteriore temporeggiamento del governo di New Delhi che, va ricordato, è ormai in piena campagna elettorale con il partito di maggioranza del Congresso di Sonia Gandhi coinvolto in una durissima sfida con l’opposizione di destra di Narendra Modi. “Se per quella data – ha detto – l’India non fosse in condizione di presentare una posizione chiara sui capi d’accusa, gli avvocati della difesa insisteranno per il ritorno in Italia dei marò”. Nel caso in cui continui l’impasse o se il governo decide veramente di applicare il Sua Act, potrebbero scattare “varie contromosse”, secondo il ministro degli Esteri Emma Bonino, che alla conclusione del Consiglio dei ministri europei a Bruxelles ha confermato l’interessamento di Catherine Ashton. La responsabile della politica estera europea “ha sottolineato la giustezza della nostra posizione e della nostra richiesta – ha detto – confermando di aver seguito questo dossier da parecchio tempo”. In particolare, la Bonino ha fatto riferimento al viaggio in India di un direttore del Servizio diplomatico europeo per colloqui con il ministero degli Esteri indiano. La questione dei marò, inoltre, sarà riproposta anche nella consultazione politica Ue-India prevista per venerdì. Nello stesso tempo, si cerca di accelerare la missione della delegazione parlamentare italiana che “potrebbe partire già domenica”, secondo il presidente di Fdi Ignazio La Russa, e che sarebbe composta al massimo da uno o due rappresentanti per partito. Il ricorso italiano è stato esaminato da una sezione composta dai giudici B.S. Chauhan e J.Chelameswar in una seduta durata appena dieci minuti che non ha permesso alla parte italiana di illustrare nel dettaglio la propria posizione. Va però ricordato che Chelameswar conosce a fondo la questione perché aveva emesso il verdetto del 18 gennaio 2013 insieme all’ex capo della Corte Suprema Altamas Kabir, esprimendo però un parere differente a favore dell’applicazione del Codice penale indiano al di fuori delle acque territoriali. Intanto, in attesa di un pronunciamento dei giudici, i legali italiani chiederanno un rinvio della seduta alla “session court” di Patiala House fissata al 30 gennaio dopo le obiezioni sulla mancanza dei capi di accusa da parte della polizia Nia e dell’impossibilità quindi di avviare il processo.

(Maria Grazia Coggiola/ANSA)

Ultima ora

11:44Usa: ancora tanti voli cancellati a Atlanta dopo blackout

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I voli all'aeroporto di Atlanta dovrebbero riprendere stamane alle 6 locali (le 12 in Italia), dopo il blackout di ieri che ha lasciato a terra migliaia di persone. Lo riferisce la Bbc. Ma anche oggi sono previste centinaia di cancellazioni. Georgia Power, la società che fornisce l'elettricità allo scalo americano, ha spiegato che il black out sarebbe stato provocato da un incendio in un impianto sotterraneo, forse per un corto circuito. L'interruzione della corrente, durata molte ore, ha provocato la cancellazione di oltre mille voli, e centinaia di cancellazioni sono previste ancora oggi. Quello di Atlanta è uno degli scali più trafficati del mondo, con 2500 voli e una media di 275 mila passeggeri al giorno.

11:40Calcio: Oddo, Milan si mostri club forte e protegga Gattuso

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - OIl - Il Milan protegga Gattuso. Così Massimo Oddo, allenatore dell'Udinese, ai microfoni di 'Radio anch'io sport', tende una mano al suo collega del Milan ed ex compagno nella Nazionale che vinse il Mondiale 2006 a Berlino. Rispondendo a una domanda sulla situazione del Milan, il tecnico dell'Udinese ha detto: "non mi permetto di giudicare altri, peraltro Gattuso è un mio amico, poi non conosco le cose. Quando si cambia allenatore ci sono problematiche che non sono mai le stesse -ha aggiunto Oddo, subentrato a Delneri sulla panchina dell'Udinese - Bisogna solo essere realisti mettersi a testa bassa e lavorare. Io sono stato fortunato a trovare un gruppo che ha reagito subito e fare dei risultati, sono stato aiutato da questi. Gattuso ha cominciato un lavoro. Il Milan dimostri di essere una società forte e lo protegga".

11:08Calcio: Pecchia, scudetto ? Napoli ha più consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Napoli di quest'anno "ha più consapevolezza e maturità di quello degli anni scorsi". Così Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ma anche ex giocatore del Napoli negli anni '90 vede la formazione di Sarri tornata in vetta ala classifica. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Pecchia sottolinea "non so se può bastare per vincere lo scudetto, ma di sicuro è un altro campionato, il Napoli può giocarsela fino alla fine". (ANSA).

10:59Calcio: Pecchia “bravo Verona, non ho visto Milan a pezzi”

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Verona ieri ha fatto una grande prestazione e nel momento in cui il Milan spingeva abbiamo attaccato e colpito. Il Milan è entrato al Bentegodi con il piglio delle grandi, mi è sembrato in grande salute fisica, ci ha messo alle corde, poi noi nelle occasioni in cui potevano far male l'abbiamo fatto". Così Fabio Pecchia, tecnico del Verona ai microfoni di 'Radio anch'io sport', rispondendo a una domanda dice di non aver visto un Milan "a pezzi, ma in crescita rispetto alla partita di mercoledì". Pecchia poi invita i suoi a stare con i piedi per terra "la gara di ieri è stata bella, da tenersi stretta e mettere nel cassetto, ma ora il campionato ci impone di mantenere il ritmo". Il tecnico del Verona crede nella salvezza: "sono molto ottimista, nonostante le difficoltà dell'inizio. Abbiamo subito sconfitte molto pesanti, l'ambiente non ci ha aiutato. ieri abbiamo raccolto soffrendo moltissimo, ma la squadra deve crescere, il Verona ha un grande margine di miglioramento". (ANSA).

10:47Auto: Ronde di Sperlonga, vince ancora Di Benedetto

(ANSA) - SPERLONGA (LATINA), 18 DIC - Vittoria di forza, alla 9/a edizione della 'Ronde di Sperlonga', da parte del siciliano di Agrigento Alfonso Di Benedetto, in coppia con il ligure Fulvio Florean, su una Citroen DS3 WRC. Ha concesso il bis dopo l'alloro conquistato nel 2015, Di Benedetto, che lo scorso anno aveva chiuso al secondo posto, correndo una gara tutta all'attacco, portandosi al comando dal primo dei quattro passaggi sulla prova "La Magliana" (10 km.), senza più scendere dal vertice della classifica. Di Benedetto: una volta andato al comando ha cercato l'allungo e allo stesso tempo è riuscito a controllare gli attacchi che arrivavano da diversi rivali. Alla fine, sotto la bandiera a scacchi posta come consuetudine in Piazza Fontana a Sperlonga, dopo aver vinto tre passaggi e lasciandone uno a Minchella (Ford Fiesta WRC, il vincitore del 2016), ha preceduto il napoletano Fabio Gianfico, a bordo di una Skoda Fabia R5.

10:40Afghanistan: attacco a Kabul a edificio servizi intelligence

(ANSA) - KABUL, 18 DIC - Un commando armato ha attaccato oggi un edificio nel centro di Kabul in cui a quanto sembra si trova un centro di addestramento della Direzione nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Il vice portavoce del ministero dell'Interno, Nasrat Rahimi, ha indicato che i militanti sono entrati in un palazzo in costruzione ed hanno cominciato a sparare contro l'edificio della Nds. Testimoni oculari hanno riferito ai media che tutto è cominciato con una esplosione, probabilmente opera di un kamikaze, seguita da una sparatoria. Reparti speciali della sicurezza sono giunti sul posto mentre per il momento non si hanno notizie di vittime.

10:38Honduras: Hernandez confermato presidente, ancora proteste

(ANSA) - TEGUCIGALPA (HONDURAS) 18 DIC - Il presidente uscente Juan Orlando Hernandez è stato dichiarato vincitore nelle contestate elezioni in Honduras. Hernandez ha vinto con quasi il 43% delle preferenze rispetto al 41,42 dello sfidante Salvador Nasralla, che tuttavia aveva già annunciato di non riconoscere l'esito del voto, denunciando irregolarità. Anche l'Organizzazione degli Stati Americani ha proposto di rifare le elezioni, sottolineando che era impossibile determinare il risultato con certezza a causa di diverse irregolarità tra cui "deliberate intrusioni nel sistema informatico" utilizzato per il conteggio dei voti. In tutto il paese ci sono state proteste durante la notte e il partito di Nasralla ha chiamato alla mobilitazione anche oggi. Finora almeno 17 persone sarebbero morte negli scontri dal 26 novembre, giorno delle elezioni.

Archivio Ultima ora