Sochi: minacce terroristiche. Sotto tiro Italia e altri Paesi

Pubblicato il 22 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – Una mail di minacce recapitata al Coni riaccende anche in Italia l’allarme terrorismo per i Giochi olimpici invernali di Sochi, a poco più due settimane dalla cerimonia inaugurale del 7 febbraio, primo evento a massimo rischio per il sistema di sicurezza messo in piedi dal presidente Putin. Messaggi dello stesso tenore sono stati recapitati anche ai Comitati olimpici nazionali di Ungheria e Slovenia, mentre il Cio ha messo in moto la macchina dei controlli. Il Comitato olimpico italiano ha confermato di aver ricevuto la mail “contenente minacce terroristiche e analoga ad altre pervenute al Cio e ad altri comitati”, esprimendo però “serenità e fiducia nelle misure di sicurezza che sono state garantite dagli organizzatori”. Che la preoccupazione per attacchi sanguinosi ed eclatanti dei militanti islamisti del Caucaso fosse elevata era noto, tanto che il presidente americano, Barack Obama, in una telefonata con Putin ha confermato il massimo impegno degli Stati Uniti per garantire la sicurezza dei giochi, ma se il tam tam del terrore arriva fino a Palazzo H, sede del Coni, è inevitabile che anche la delegazione italiana si senta più esposta. Sarà “un’Olimpiade da prigionieri” pronostica intanto il direttore tecnico della nazionale maschile di sci, Claudio Ravetto, che con la squadra è destinato a trascorrere vari giorni nell’isolato e blindatissimo villaggio olimpico in quota, vicino alle piste. “Non c’è paura, siamo consapevoli del rischio ma confidiamo nell’apparato di sicurezza; il nostro impegno è rimanere concentrati e non farsi condizionare da queste vicende esterne”, ha detto il tecnico azzurro, esprimendo il sentimento comune tra i protagonisti. Per il ministro dello Sport, Graziano Delrio, “è inaccettabile minacciare lo sport, strumento di pace e dialogo tra i popoli. Solidarietà al Coni”. Nessuno comunque si tira indietro, come ha ribadito il comitato olimpico ungherese confermando di aver ricevuto “minacce terroristiche rivolte alla nostra delegazione” a Sochi: “Ci invitava a restare a casa. Non spetta a noi stabilire la gravità del gesto, ma non salteremo le Olimpiadi”. Il Cio è prudente. Da Losanna, il capo dell’ufficio stampa, Emmanuelle Moreau, ha sostenuto che “non si tratta di una minaccia terroristica ma di un messaggio aleatorio” e che finora “ogni credibile informazione é trasmessa ai servizi di sicurezza pertinenti”. L’ambasciatore russo presso l’Unione Europea, Vladimir Chizov, ha detto che era prevedibile arrivassero delle minacce, “dato che i giochi olimpici attraggono sempre i ‘cattivi’ ed i ‘pazzi'”. “Tutte le possibili misure per la sicurezza sono già in atto” e “Sochi oggi è la città più sicura in Russia”, ha aggiunto l’ambasciatore, pur ammettendo che “ci potrà essere qualcuno che cercherà di mettere in pericolo i Giochi”. Un’ulteriore, e un po’ inusitata, misura di sicurezza è stata posta in essere dalla Russia, che ha “arretrato” di alcuni km il confine con la regione georgiana separatista dell’Abkazia, riconosciuta da Mosca dopo la guerra con Tbilisi nel 2008, per rafforzare i controlli, provocando le proteste della Georgia. L’apparato di sicurezza si preannuncia quindi imponente, ma se un’impalpabile mail è bastata a far sobbalzare i cuori, Sochi si preannuncia proprio come l’Olimpiade a fiato sospeso. 

Ultima ora

16:35Israele: premier Netanyahu interrogato dalla polizia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Per la settima volta, il premier Benyamin Netanyahu è stato interrogato dalla polizia nella sua residenza ufficiale di Gerusalemme nell'ambito di due inchieste giudiziarie su presunte corruzioni. Lo riportano i media ricordando che l'ultimo interrogatorio del premier si è svolto, per quatto ore, lo scorso 19 novembre sempre a Gerusalemme.

16:30Gerusalemme:1 milione protesta a Gaza

(ANSAmed) - GAZA, 15 DIC - Una massiccia adunata - calcolata da fonti locali in quasi un milione di persone - si è svolta in queste ore a Gaza partendo da Rafah, nel sud, fino Beit Hanoun, al nord, lungo la strada Salah Adin. Durante la dimostrazione - convocata da tutte le fazioni palestinesi contro la decisione di Trump su Gerusalemme subito dopo le preghiere del venerdì nelle Moschee - è stato chiesto di continuare la protesta ogni venerdì. Subito dopo manifestanti si sono diretti verso la barriera di demarcazione con Israele dove sono cominciati scontri con l'esercito dello Stato ebraico.

16:29Gb: Harry e Meghan si sposano il 19 maggio

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - Il principe Harry e la fidanzata Meghan Markle si sposeranno il prossimo 19 maggio al Castello di Windsor. L'annuncio ufficiale è stato dato da Kensington Palace.

16:28Nato: ‘grave preoccupazione’ per sistema missili russo

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "Gli alleati hanno individuato un sistema missilistico russo che solleva seria preoccupazione". E' quanto afferma, in una nota, il Consiglio Atlantico della Nato sottolineando che il Trattato Inf (che vieta i missili intermedi), "per 30 anni cruciale per la sicurezza Euro-Atlantica", è rispettato dagli Usa mentre il non rispetto da parte russa dei patti post-guerra fredda è motivo di "di grave e urgente preoccupazione".

16:26Gerusalemme: media, scontri e feriti in Cisgiordania

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Scontri tra manifestanti palestinesi ed esercito israeliano sono in corso, al termine delle preghiere del venerdì, in località della Cisgiordania e a Gaza presso la linea di demarcazione. Lo riferiscono le agenzie palestinesi Maan e Wafa secondo cui "ci sono decine di feriti" nei confronti a Qalandiya (nord di Gerusalemme), nel villaggio di Kafr, ad Hebron, a nord di Betlemme ma anche a Nablus, Jenin, e Tulkarem. "Una manifestazione di massa svoltasi sulla Spianata delle Moschee - ha scritto la Maan - ha respinto la decisione del presidente Trump su Gerusalemme".

16:09Calcio: Di Francesco, col Cagliari voglio gol e vittoria

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Qualche gol in più rispetto alle ultime uscite e i tre punti. Eusebio Di Francesco non vuole altro dall'impegno di domani sera all'Olimpico contro il Cagliari. "Affrontiamo una squadra da temere, che ha una sua identità ed è molto pericolosa davanti, ma noi dobbiamo giocare per vincere" spiega il tecnico della Roma, soffermandosi sulla mancanza di concretezza dei giallorossi sotto porta: "Questa settimana abbiamo fatto tante esercitazioni per stimolare i miei giocatori ad attaccare meglio. Devo dire che nelle ultime gare per quello che abbiamo costruito siamo stati poco cinici. Da domani voglio che la squadra risponda coi fatti portando a casa il risultato e continuando però a non prendere gol". Riguardo all'utilizzo o meno di Nainggolan, diffidato, Di Francesco è chiaro: "Se per fare la formazione pensassi già alla sfida con la Juventus farei l'errore più grande di tutti. Adesso c'è il Cagliari e lui potrebbe giocare dal 1, poi è ovvio che anche io guardo queste cose ma non in prospettiva della prossima gara".

16:05Calcio: Coutinho, Liverpool vuole 140 mln

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La telenovela Coutinho-Barcellona non è finita e, complice l'imminente riapertura della finestra invernale di mercati, l'operazione è di nuovo 'fattibile'. Lo scrivono i media spagnoli secondo cui "la firma di Coutinho a gennaio è possibile, ma il Barça - spiega 'Sport.es' - deve pagare una cifra molto alta: circa 140 milioni, anche se sarebbe disposto a rateizzare la somma. La porta è aperta e ora deve essere il Barcellona a decidere se affrontare la firma più costosa della sua storia o meno. Il club blaugrana non ha mai rotto con il Liverpool dopo il rifiuto dell'estate scorsa, gli agenti di Coutinho hanno tenuto in vita i contatti con il club inglese durante questi mesi e il Bara ha riaperto i negoziati nei giorni scorsi. Hanno comunque gia l'intesa raggiunta col calciatore". In caso di partenza dell'asso brasiliano, il Liverpool avrebbe già individuato l'eventuale sostituto in Lemar del Monaco.

Archivio Ultima ora