Scambio accuse regime-ribelli. Usa, Assad vada via

Pubblicato il 22 gennaio 2014 da redazione

MONTREUX (SVIZZERA). – Scintille, toni durissimi, scambi di accuse. Come era prevedibile, i rappresentanti del regime siriano e dell’opposizione (o almeno la parte che ha accettato di partecipare a Ginevra 2), seduti per la prima volta allo stesso tavolo al Montreux Palace, si rinfacciano la responsabilità di tre anni di conflitto e di 130mila morti e di alimentare il terrorismo. Il nodo resta ancora il futuro del presidente siriano Bashar al Assad. “Non può far parte della transizione un uomo che ha usato una tale violenza contro il suo popolo, che tiene in ostaggio un Paese e un’intera regione”, è tornato a dire il segretario di Stato Usa John Kerry. E lo ha ribadito anche quando il ministro degli Esteri di Damasco Walid Muallem gli ha risposto che “Assad non se ne andrà per decisione esterna, saranno i siriani a deciderlo”. “Assad non solo non deve rimanere, ma non dobbiamo neanche discuterne”, ha insistito il presidente della Coalizione nazionale dell’opposizione siriana, Ahmed Jarba, invitando la delegazione del regime ad abbandonare il raìs e a diventare “libera come noi”. Parole di fuoco, come quelle sul terrorismo. “Continueremo a combattere i terroristi di 83 nazionalità diverse, francesi, ceceni, sauditi, britannici, che vogliono instaurare uno Stato islamico”, ha ammonito Muallem. Il siriano ha inoltre accusato alcuni Paesi presenti di avere le “mani sporche del sangue siriano”, pur senza citare esplicitamente le monarchie sunnite del Golfo che sostengono i ribelli. “I mercenari stranieri sono l’altra faccia di Assad”, ha replicato Jarba. “Basta usare la lotta al terrorismo come giustificazione a violenze, torture e alla fame di un popolo”, è stato poi l’intervento del ministro degli Esteri Emma Bonino. Nonostante la tensione palpabile (anche in sala stampa tra giornalisti siriani e il ministro dell’Informazione), Ginevra 2 è stata presentata come “l’ultima chance” per porre fine allo spargimento di sangue, “l’inizio di un processo” di cui i siriani devono cogliere l’opportunità. Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon (e con lui gran parte delle delegazioni) hanno lanciato un appello urgente al cessate il fuoco e all’apertura di corridoi umanitari per portare aiuto a una popolazione stremata. La conferenza sulle rive del lago Lemano è stata, come previsto, una dichiarazione di intenti delle 45 delegazioni rappresentante ad alto livello. Non si aspettavano esiti concreti, ma un primo risultato tutt’altro che scontato è stato comunque raggiunto: l’accettazione da parte dei siriani di avviare venerdì a Ginevra i negoziati veri e propri con la mediazione dell’inviato di Onu e Lega araba Lakhdar Brahimi. L’ambasciatore libanese incontrerà separatamente le due delegazioni per “vedere come andare avanti” sulla base del comunicato di Ginevra 1 – che prevede un governo di transizione con pieni poteri – come “sorta di road map”. “Nonostante i soliti ritornelli di accuse contro di noi, vi informo che vogliamo ancora andare avanti con questa conferenza, il primo passo di un dialogo”, ha detto Muallem, mentre il leader della Coalizione ha chiesto l’apertura di un’inchiesta indipendente sulle torture emerse nei giorni scorsi. “Non saranno negoziati semplici, né rapidi”, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov, che da quasi un anno ha promosso e lavorato con gli Stati Uniti alla convocazione della conferenza di Montreux. L’Iran, l’ultimo grande alleato di Assad, è stato il grande assente, il convitato di pietra, dopo il ritiro dell’invito da parte di Ban Ki-moon per il rifiuto di Teheran di riconoscere esplicitamente la base negoziale di Ginevra 1. Da lontano, il presidente Hassan Rohani ha detto di riporre poca fiducia in Ginevra 2, al cui tavolo siedono “alcuni Stati che sponsorizzano il terrorismo”, ma ha aggiunto che l’Iran sarà felice se al contrario “dovesse contribuire a portare pace e stabilità al popolo siriano e nella regione”. Nessuno però ha rinunciato a vedere Teheran a sedere un giorno al tavolo per contribuire alla soluzione politica in Siria.

(dell’inviata Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

00:50Basket: serie A, Sassari-Pistoia 88-81

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Dinamo Sassari infila la settima vittoria consecutiva fra Lega A e Champions sconfiggendo 88-81 sul parquet del PalaSerradimigni la The Flexx Pistoia in un anticipo dell'11/a giornata di serie A di basket. Mattatore della serata è la guardia biancoblu' Scott Bamforth che chiude la partita con 26 punti e 6 assist guidando i padroni di casa verso una vittoria per nulla scontata. Sassari sale a 14 punti, Pistoia resta ad 8.

00:49Incendi California, ancora evacuazioni contea S.Barbara

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia senza sosta la California, nella contea di Santa Barbara, dove sono state ordinate nuove evacuazioni nella zona di Montecito. Il forte vento spinge le fiamme verso le case dove risiedono alcuni vip, fra i quali la star della tv Oprah Winfrey. Finora Thomas Fire (questo il nome dato all'incendio) ha distrutto oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e, secondo le autorità, potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Ieri è costato la vita a un vigile del fuoco, morto soffocato dal fumo.

Archivio Ultima ora