Papa: Internet dono di Dio, rende uniti e solidali

Pubblicato il 23 gennaio 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Internet “può offrire maggiori possibilità di incontro e di solidarietà tra tutti”: e questa “è una cosa buona, è un dono di Dio”. Papa Francesco “benedice” la rete, plaude alla comunicazione digitale, a patto comunque che essa sia al servizio di un’autentica “cultura dell’incontro”, che sia improntata a uno spirito di “prossimità” e “tenerezza”. Non solo. Sul web occorre anche “recuperare un certo senso di lentezza e di calma”: insomma, “tempo e capacità di fare silenzio per ascoltare”. E’ ricco di suggerimenti, di indicazioni, non solo per chi si professa cattolico, il Messaggio di papa Francesco per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, in cui, tra l’altro, Bergoglio invita la Chiesa ad aprire le sue porte anche su Internet e ai cristiani a non avere timore di farsi “cittadini dell’ambiente digitale”. Il Papa, in questo suo prima messaggio per la Giornata dedicata ai media (1 giugno 2014), parte dalla constatazione della “scandalosa distanza tra il lusso dei più ricchi e la miseria dei più poveri”, dal “contrasto tra la gente che vive sui marciapiedi e le luci sfavillanti dei negozi”. In un mondo che “soffre di molteplici forme di esclusione, emarginazione povertà”, oltre che di conflitti, i media però “possono aiutarci a farci sentire più prossimi gli uni agli altri”. Per il Pontefice, ” comunicare bene ci aiuta ad essere più vicini e a conoscerci meglio tra di noi, ad essere più uniti”. Secondo Bergoglio, comunque, in particolare sulla rete occorre evitare i rischi di disorientamento e isolamento, anche per la velocità e la molteplicità dei messaggi. Se ci sono dei limiti, però, questi “non giustificano un rifiuto dei media sociali”. Anzi, essi invitano a considerare che non è la tecnologia che fa la comunicazione, ma chi la usa, le persone. E in tutto questo, per dare il senso della “prossimità” cui deve far riferimento l’uso dei media e della rete, il Papa ricorre alla parabola del Buon Samaritano, perché “chi comunica si fa prossimo”. Ciò contempla anche un durissimo atto d’accusa contro la comunicazione col “prevalente scopo di indurre al consumo o alla manipolazione delle persone”, che per papa Francesco costituisce non meno che “un’aggressione violenta come quella subita dall’uomo percosso dai briganti e abbandonato lungo la strada”. Oggi, dice Bergoglio, “noi corriamo il rischio che alcuni media ci condizionino al punto tale da farci ignorare il nostro prossimo reale”. serve quindi “un incontro vero”. Il mondo dei media “è chiamato ad esprimere tenerezza”. E nella logica dell’attuale Papa di una Chiesa preferibilmente “accidentata che esce per strada”, piuttosto che “ammalata di autoreferenzialità”, Francesco spiega che “tra queste strade ci sono anche quelle digitali, affollate di umanità, spesso ferita”. Per questo, “aprire le porte delle chiese significa anche aprirle nell’ambiente digitale”, poiché “siamo chiamati a testimoniare una Chiesa che sia casa di tutti”. E se “la testimonianza cristiana non si fa con il bombardamento di messaggi religiosi, ma con la volontà di donare se stessi”, Bergoglio, sul tema del confronto con gli altri e del dialogo, arriva anche a un’affermazione che farà discutere, specie nei settori più conservatori della Chiesa. “Dialogare – osserva – non significa rinunciate alle propri idee e tradizioni, ma alla pretesa che siano uniche e assolute”. La Chiesa infine deve sapersi “mettere in cammino con tutti”. E la rivoluzione mediatico-informativa “è una grande e appassionante sfida”, che “richiede energie fresche e un’ immaginazione nuova per trasmettere agli altri la bellezza di Dio”. Un documento “profondamente francescano”, l’ha definito l’arcivescovo Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio della Comunicazioni sociali, che peraltro non vede nessun “relativismo” nelle parole del Papa sui cristiani che non devono pretendere che le loro idee siano “uniche e assolute”. “E’ il capire – ha detto in conferenza stampa – che non è la dimensione della fede e del Vangelo che si relativizza, la come ‘io’ vivo il Vangelo e vivo quella fede”. In mattinata, nella messa a Santa Marta, c’è stata anche una nuova bordata di Bergoglio contro le “gelosie, invidie e chiacchiere” che “dividono” la Chiesa, anzi la “distruggono”. “Dietro una chiacchiera c’è la gelosia e c’è l’invidia – ha ammonito -. E le chiacchiere dividono la comunità, distruggono la comunità. Sono le armi del diavolo”. (Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora