24 ore Daytona: migliorano condizioni di Malucelli

FORLI’.- Sono buone e rassicuranti le condizioni fisiche di Matteo Malucelli, il pilota forlivese rimasto coinvolto in un incidente durante la 24 ore di Daytona. La conferma arriva dal padre Sandro. “Ho parlato poco fa al telefono con lui – spiega – mi ha detto che si sente molto rintronato, ma che va tutto bene. Anche i sanitari hanno confermato che gli esami non hanno riscontrato alcuna anomalia. In pratica la violenza del tamponamento (la Ferrari 458 di Malucelli che procedeva lentamente per un guasto è stata tamponata dalla Corvette di Gidley con un differenziale di velocità di circa 200 chilometri orari) gli ha procurato una leggera commozione celebrale”. Pur rimanendo sempre lucido, appena arrivato in ospedale Malucelli non ricordava nulla e non riconosceva chi gli stava accanto: la moglie e i compagni di team. Poi la situazione è rapidamente torta alla normalità. “Dopo la grande paura di questa notte – ha spiegato il padre – ora siamo molto più sollevati. I medici mi hanno spiegato che lo terranno probabilmente in ospedale ancora per un paio di giorni per permettergli di riprendere completamente il senso dell’equilibrio, mandato in tilt dalla violenza dell’urto”. Anche le condizioni del pilota americano Memo Gidley sono in fase di miglioramento dopo la riduzione delle fratture subite alle gambe. Sono in corso indagini per chiarire la dinamica di quanto accaduto. “Matteo mi ha raccontato che, salito sulla Ferrari per il suo turno di guida (erano in testa alla loro categoria), stava girando da circa una ventina di minuti quando il motore ha iniziato a perdere colpi per poi spegnersi improvvisamente. A quel punto è uscito di traiettoria e, mentre stava dialogando via radio col box, è stato centrato dalla Corvette il cui pilota non si deve essere accorto che erano esposte le bandiere gialle (che impongono di rallentare e divieto di superare ndr) proprio per la vettura di Matteo che procedeva lentamente. Voglio ringraziare i medici americani, tutto il Team Risi e in modo particolare Antonello Coletta, responsabile di Ferrari corse clienti per la splendida assistenza fornita a Matteo e a noi”. 

Condividi: