Obama: Discorso sull’Unione per la sua leadership

Pubblicato il 28 gennaio 2014 da redazione

WASHINGTON. – Rilanciare con forza la sua leadership, portando avanti il suo programma in modo unilaterale, anche sfidando le resistenze del Congresso. E’ l’obiettivo del quinto discorso sullo Stato dell’Unione di Barack Obama (questa sera alle 21 di Washington). Un discorso che cade in uno dei momenti piú difficili da quando é entrato alla Casa Bianca, l’ultimo prima del voto di metà mandato, il 4 novembre. Come anticipa il Wall Street Journal, Obama cercherá di illustrare alla nazione le sue priorità di governo: dalla riforma migratoria al programma di infrastrutture, dalla lotta al cambio climatico alla disoccupazione e la stretta sulle armi facili. Un’agenda ambiziosa, che il presidente intende portare a compimento anche bypassando Capitol Hill, se necessario. Davanti al Congresso riunito in seduta comune, in quello che é tradizionalmente uno dei discorsi presidenziali più seguiti dell’anno, Obama sará chiamato a convincere un opinione pubblica che da tempo non lo segue più come in passato: secondo gli ultimi sondaggi, il tasso di approvazione nei suoi confronti é poco sopra il 40%, decisamente in calo rispetto al 55% di un anno fa. Il presidente sa che questa, come sottolinea la tv progressista Msnbc, potrebbe essere ”la sua ultima occasione” per dare smalto alla sua presidenza. E’ consapevole che dopo il voto di novembre, com’é capitato a tutti i suoi predecessori alla fine del loro secondo mandato, l’attenzione sarà tutta per i futuri candidati alla Casa Bianca. Tuttavia, il primo presidente afro-americano della storia non vuole in alcun modo tramontare senza lasciare ancora il segno: cosí denuncerà l’immobilismo di Capitol Hill di questi ultimi tempi, cercando di chiamare in suo aiuto l’indignazione di un’opinione pubblica che considera malissimo i politicanti di Washington. ”Il nostro dovere – annuncia Dan Pfeiffer, tra suoi consulenti piú vicini – é mostrare al popolo americano che siamo in grado di fare le cose. Che il presidente é pronto nel 2014 a usare ‘the pen and the phone”’, la penna e il telefono, come dire il potere di emanare decreti e di farsi sentire dal Congresso. Parlando di scuola, riduzione spese universitarie, innalzamento della paga minima, Obama punta in particolare a recuperare il voto giovanile, il cui entusiasmo nei suoi confronti é largamente calato dopo lo scandalo del Datagate. E per farlo ha messo in campo la sua fenomenale organizzazione per diffondere il suo discorso on-line, sui social media, con foto postate su Instagram e hashtag creati ad hoc per seguirlo su Twitter. E in un momento cosí cruciale per la sua presidenza, non poteva mancare l’aiuto di Michelle, che ha scelto i suoi ospiti secondo una regia comunicativa molto sofisticata: al suo fianco nel palco d’onore di Capitol Hill ci sará Jason Collins, il primo campione di basket Nba a dichiarare la propria omosessualitá. Quindi Carlos Arredondo e Jeff Bauman, due sopravvissuti simbolo all’attentato alla maratona di Boston lo scorso aprile. Arrendondo, che indossava un cappello da cowboy bianco, é stato fotografato mentre aiutava Bauman rimasto gravemente ferito durante l’attacco che gli é costato la perdita di entrambe le gambe. Quella foto é diventata l’icona della rinascita di Boston. Poi Gary Bird, capo dei vigili del fuoco di Moore in Oklahoma, rappresenterá tutti coloro che si sono rimboccati le maniche per aiutare la gente durante il disastroso tornado che lo scorso marzo ha distrutto l’intera cittadina e ucciso 25 persone. Infine, ci sará anche Shareeka Elliott, la madre di Brooklyn dipendente degli aeroporti di New York costretta a fare le pulizie per sbarcare il lunario a causa del salario troppo basso.

(Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

17:28Biotestamento: arcivescovo Torino, diritto vita prioritario

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "Gli anziani, le persone malate vanno difese e tutelate nei loro diritti e quello della vita è prioritario. Invece nel nuovo quadro normativo si aprono prospettive pericolose e inquietanti anche sui rischi di abusi sulla vita, motivati dai 'costi' di mantenimento delle persone malate". L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, esprime "apprezzamento" a don Carmine Arice, padre generale del Cottolengo, che ha annunciato l'intenzione di non applicare le disposizioni anticipate di trattamento per il fine vita. "Di fronte ad una richiesta di morte, la nostra struttura non può rispondere positivamente", ha spiegato don Arice, ricevendo il plauso dell'arcivescovo di Torino, che invita comunità religiose, istituzioni, associazioni e tutti i volontari del mondo sanitario e assistenziale della diocesi "ad avere il coraggio di fare scelte di coerenza morale e di testimonianza anche andando controcorrente". Un dovere, conclude, affinché "i valori della vita abbiano peno riconoscimento".(ANSA).

17:25Calcio: Kakà ha deciso, si ritira ma non torna al Milan

(ANSA) - SAN PAOLO, 16 DIC - Doccia fredda per i tifosi del San Paolo: Ricardo Kakà ha deciso di ritirarsi dall'attività agonistica e quindi di non accettare l'offerta del club 'tricolor', della cui tifoseria è uno degli idoli, di giocare per un anno nella squadra che lo ha lanciato. Kakà infatti, secondo quanto riporta il sito brasiliano 'Uol Esporte', ha confidato a persone a lui molto vicine di aver deciso di smettere, per dedicarsi agli studi e capire se può avere un futuro da dirigente. L'ex Pallone d'oro ha anche confermato di aver ricevuto una proposta dal Milan per fare il dirigente della società rossonera, ma di non essere orientato ad accettarla, almeno per ora. "Non è nel mio futuro immediato", avrebbe spiegato Kakà parlando del Milan. Di recente un altro idolo della torcida 'saopaulina', ovvero Raì, ha accettato una carica dirigenziale all'interno del club, e Kakà potrebbe essere il prossimo, mentre Lugano entrerà a far parte dello staff tecnico.

17:20Calcio: Mourinho tenta Kovacic, pronti 30 mln per il Real

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Manchester United punta a rafforzarsi nel mercato invernale e uno dei nomi sul taccuino di Josè Mourinho è Mateo Kovacic, il centrocampista croato del Real Madrid poco utilizzato però da Zinedine Zidane (3 partite in Liga e due in Champions). Secondo lo spagnolo 'AS', per accaparrarselo il club dei Red Devils sarebbe disposti a mettere sul piatto 30 milioni. Kovacic, 23 anni, ha un contratto con il Real fino al 2021. E' arrivato a Madrid nell'estate 2015 dall'Inter per 28 milioni, cifra simile a quella offerta al momento da United. Un altro dei club che è sulle tracce del croato, scrive 'AS' è la Juventus.

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

17:11Calcio:Gattuso,che fatica ma ho sostegno Fassone e Mirabelli

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Ringrazio Mirabelli e Fassone, che non mi fanno mancare sostegno. E' un'esperienza molto, molto faticosa, lo sto toccando con mano. Loro sono fondamentali, mi danno grande tranquillità, mi sento tranquillo perché ho un grande appoggio". Così Rino Gattuso non nasconde le difficoltà che vive da allenatore del Milan. "Tante problematiche in questo momento le deve mettere a posto Fassone che è l'ad, Mirabelli ha i suoi problemi, ma io mi sento tranquillo, perché sento grande appoggio da queste due persone", ha spiegato l'allenatore alla vigilia della trasferta con il Verona, raccontando che l'allenamento per lui "è il momento più divertente, in quell'ora e mezza mi diverto come un bambino dell'asilo. Dopo - ha spiegato - c'è il momento più duro: parlare con tutti quelli del club, preparare le partite contro colleghi molto più bravi di me. La fatica più grande è questa, e poi le interviste dopo le partite''.

Archivio Ultima ora