Maró: Retromarcia del governo indiano sulla pena di morte

Pubblicato il 30 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – Le pressioni internazionali sulla vicenda dei due marò, rese esplicite da un forte monito all’India lanciato dal presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, cominciano (forse) a dare i loro frutti a New Delhi: indiscrezioni di stampa riferiscono come il governo indiano stia facendo retromarcia sull’intenzione di utilizzare la legge anti-pirateria (che prevede la pena di morte) per processare i due militari. Mentre sul fronte italiano non si ferma l’offensiva “a 360 gradi”, con la delegazione bicamerale rientrata dall’India che chiederà un intervento diretto del capo dello Stato. “La pena di morte è inaccettabile”, sul caso “sono state attivate una serie di iniziative”, ha avvertito Barroso tornando sulla vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone due volte in meno di 48 ore. Dopo il suo incontro con il premier Enrico Letta a Bruxelles e al comitato delle Regioni Ue, dove i rappresentanti della delegazione italiana hanno portato un’iniziativa di solidarietà indossando foulard gialli al collo. “Siamo molto preoccupati da questa situazione”, ha detto il presidente della Commissione europea, ribadendo che “se questa situazione non sarà gestita in modo adeguato, potrebbe comportare conseguenze nei rapporti tra l’Ue ed i partner indiani”. Quali siano le iniziative attivate o quali conseguenze possano esserci non è stato chiarito, anche se è facile immaginare che possano avere a che fare con il trattato di libero scambio Ue-India e gli accordi di cooperazione politica. Alla fine Barroso ha comunque lasciato una porta aperta: “E’ vero che in India c’è una campagna elettorale e quindi il rischio emotività a farla da padrone. Ma credo prevarrà il buon senso”. E da New Delhi intanto sono arrivate due buone notizie per i fucilieri di Marina. La prima, stando a indiscrezioni di stampa, è che il governo indiano avrebbe chiesto al ministero della Giustizia di rivedere il parere secondo il quale alla vicenda va applicata la legge anti-terrorismo che prevede la pena di morte. The Indian Express sostiene che al ministero “è stato fatto presente che la legge in questione è stata concepita per contrastare il terrorismo e la pirateria e che questo non è il caso”. Fonti del ministero dell’Interno, il dicastero che ha chiesto l’applicazione del Sua Act, non hanno né confermato né smentito questa revisione, sostenendo però che “il governo sta ancora valutando la propria strategia futura date le sue ramificazioni internazionali”. Tutti segni, questi, di “imbarazzo del governo indiano”, per il ministro della Difesa Mario Mauro. La seconda buona notizia di oggi è la decisione del tribunale speciale di rinviare al 25 febbraio la discussione su una richiesta della polizia investigativa Nia di trasferire Latorre e Girone. Perché questo, in apparenza l’ennesima battuta d’arresto nel lungo e farraginoso cammino verso una soluzione della vicenda, sia uno sviluppo positivo lo ha spiegato Staffan de Mistura. E’ stato “un passaggio previsto, puramente formale e voluto dall’Italia che punta più in alto, all’udienza della Corte Suprema il 3 febbraio”, ha detto l’inviato speciale del governo, precisando che “la dimostrazione che quello di oggi era un atto puramente formale è che io partirò per l’India sabato”. Per il ministro della Difesa Mauro, il rinvio rafforza ancor di più l’idea che i marò debbano tornare “subito in Italia” e “seguire da uomini liberi lo sviluppo delle indagini”. Intanto, la delegazione bicamerale rientrata dall’India ha incontrato il presidente del Senato Piero Grasso e quello della Camera Laura Boldrini, e poi vedrà Letta a Palazzo Chigi e sarà ricevuta da Giorgio Napolitano al Quirinale. Al presidente della Repubblica si è rivolto il senatore Maurizio Gasparri, che ha fatto parte della missione, chiedendogli di “intervenire direttamente, assumendo la guida di una forte iniziativa internazionale”. (Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

17:19Agguato in Ogliastra, un morto e un ferito

(ANSA) - NUORO, 22 NOV - E' stato trovato morto dai carabinieri, Fabio Longoni, l'allevatore di 39 anni colpito dalle fucilate durante un agguato nelle campagne di Villagrande Strisaili, in Ogliastra. L'uomo si trovava insieme a Daniele Angelo Congiu, 37 anni, suo socio in affari, rimasto ferito a un polpaccio e ricoverato all'ospedale di Lanusei. Dopo essere stato raggiunto dalle fucilate, Longoni era riuscito a scappare, ma le ferite si sono rivelate fatali: l'allevatore è morto quando ormai era giunto in prossimità dell'ovile.

17:19Cassazione: ‘matrimonio rom’ con quindicenne è reato

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Anche se la cultura rom ammette le spose bambine, in Italia il matrimonio con minorenni non esiste. E commette reato - atti sessuali con minore (art.609 quater) - chi convive more uxorio con una minore di 16 anni, anche se c'è il suo consenso. La Cassazione ha così confermato la condanna a un anno, con le attenuanti generiche, inflitta dalla Corte d'Appello di Sassari a un giovane, all'epoca 22enne, che aveva sposato una ragazza con 'matrimonio rom'. I fatti si sono svolti nel 2011 e il giovane era stato ritenuto colpevole sia dal Tribunale di Sassari, che dalla Corte d'Appello. Nel ricorso in Cassazione, il difensore dell'imputato aveva opposto che non ci fosse alcuna "situazione di soggezione", neanche morale, tra i "due fidanzati, già coniugi", secondo la loro cultura. In pratica, la difesa aveva provato a sostenere che la norma punisce gli atti sessuali compiuti in un rapporto non paritario, di supremazia dell'autore tale da condizionare una ragazza di meno di 16 anni. Non in un'unione stabile.

17:16Onu, Mladic è quintessenza del male, vince la giustizia

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - "Una memorabile vittoria della giustizia". Così l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i Diritti umani Zeid Ra'ad Al Hussein commenta, in una nota, la condanna all'ergastolo dell'ex comandante dell'esercito serbo bosniaco Ratko Mladic. "Mladic è la quintessenza del male, e l'azione penale nei suoi confronti è il simbolo di ciò che la giustizia internazionale rappresenta", afferma Al Hussein, che ricorda come l'ex comandante dell'esercito serbo bosniaco abbia guidato "alcuni dei crimini più oscuri avvenuti in Europa dalla Seconda guerra mondiale. La sua detenzione è un riconoscimento al coraggio e alla determinazione di quelle vittime e testimoni che non hanno mai abbandonato la speranza di vederlo di fronte alla giustizia", ha detto Zeid, già membro dei caschi blu Onu nella ex Yugoslavia dal 1994 al 1996. La condanna di oggi "è un avvertimento a chi commette" tali atrocità: "non sfuggiranno alla giustizia", aggiunge.

17:15Ostia: giornalista aggredito, temo per me e mia famiglia

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Ora temo ritorsioni degli Spada nei miei confronti e ho paura per la mia famiglia": lo ha dichiarato il giornalista Daniele Piervincenzi ai magistrati della Procura di Roma, che indagano sulla aggressione al giornalista della Rai da parte di Roberto Spada il 7 novembre scorso. Stralci del verbale dell'audizione del cronista sono presenti nella memoria che oggi i pm hanno depositato davanti ai giudici del Riesame, che dovranno decidere sulla richiesta di scarcerazione avanzata dai difensori di Spada, accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso.

17:14Aereo Usa precipitato: 8 persone ritrovate stanno bene

(ANSA) - TOKYO, 22 NOV - Sono in buone condizioni gli otto membri dell'equipaggio dell'aereo Usa precipitato nel Pacifico che sono stati recuperati. Lo ha reso noto la marina Usa, specificando che sono ancora in corso le ricerche agli altri tre.

17:13Violenza donne: 74,5% autori sono italiani

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Da un monitoraggio effettuato dal ministero della Giustizia, partendo dall'esame di 417 sentenze rappresentative del 60% dei casi di violenza sulle donne, tra il 2012 e il 2016, emerge che l'85% dei casi (355 su 417) sono classificabili come omicidio. Nel 98% dei casi l'autore del reato è un uomo e la nazionalità dell'autore conferma la prevalenza di soggetti italiani (74,5%). Nel 55,8% dei casi tra autore e vittima esiste una relazione sentimentale. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sentito dalla commissione parlamentare sul femminicidio. Riguardo alla relazione sentimentale che lega vittima e autore, la percentuale del 55,8% è così distribuita: nel 63,8% dei casi si registra un rapporto di coniugio o convivenza; nel 12% una relazione sentimentale in atto; per il restante 24% tra le due parti vi era stata una relazione sentimentale terminata prima dell'omicidio. L'arma prevalentemente utilizzata è il coltello, che spesso risulta il mezzo di più agevole disponibilità.

17:11Dottoressa violentata, chi mi ha esposto al rischio non paga

(ANSA) - PALERMO, 22 NOV - A due mesi dagli abusi subiti mentre prestava servizio nella guardia medica di Trecastagni, nel Catanese, Serafina Strano, la dottoressa aggredita e violentata nella notte tra il 18 e il 19 settembre, definisce "tugurio" quell'ambulatorio medico dove un ventiseienne ora in carcere, Alfio Cardillo, l'ha violentata per ore e dove i suoi colleghi continuano a lavorare senza che nulla sia cambiato. Lo fa a Palermo nel corso un'iniziativa sul contrasto al fenomeno della violenza sulle donne medico nel luogo di lavoro. E accusa i vertici dell'Asp che l'hanno esposta al rischio "e verso i quali la magistratura dovrebbe aprire un'inchiesta parallela". "E' ineccepibile quanto stanno facendo i magistrati nei confronti del mio aggressore; però ci sono dei corresponsabili. Si dovrebbe aprire un'inchiesta parallela sui dirigenti dell'Asp che mi hanno esposto a quel rischio. Non voglio far polemiche, ma qual è l'organo che deve far assumere responsabilità ai dirigenti, se non la magistratura?".

Archivio Ultima ora