Maró: Retromarcia del governo indiano sulla pena di morte

Pubblicato il 30 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – Le pressioni internazionali sulla vicenda dei due marò, rese esplicite da un forte monito all’India lanciato dal presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, cominciano (forse) a dare i loro frutti a New Delhi: indiscrezioni di stampa riferiscono come il governo indiano stia facendo retromarcia sull’intenzione di utilizzare la legge anti-pirateria (che prevede la pena di morte) per processare i due militari. Mentre sul fronte italiano non si ferma l’offensiva “a 360 gradi”, con la delegazione bicamerale rientrata dall’India che chiederà un intervento diretto del capo dello Stato. “La pena di morte è inaccettabile”, sul caso “sono state attivate una serie di iniziative”, ha avvertito Barroso tornando sulla vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone due volte in meno di 48 ore. Dopo il suo incontro con il premier Enrico Letta a Bruxelles e al comitato delle Regioni Ue, dove i rappresentanti della delegazione italiana hanno portato un’iniziativa di solidarietà indossando foulard gialli al collo. “Siamo molto preoccupati da questa situazione”, ha detto il presidente della Commissione europea, ribadendo che “se questa situazione non sarà gestita in modo adeguato, potrebbe comportare conseguenze nei rapporti tra l’Ue ed i partner indiani”. Quali siano le iniziative attivate o quali conseguenze possano esserci non è stato chiarito, anche se è facile immaginare che possano avere a che fare con il trattato di libero scambio Ue-India e gli accordi di cooperazione politica. Alla fine Barroso ha comunque lasciato una porta aperta: “E’ vero che in India c’è una campagna elettorale e quindi il rischio emotività a farla da padrone. Ma credo prevarrà il buon senso”. E da New Delhi intanto sono arrivate due buone notizie per i fucilieri di Marina. La prima, stando a indiscrezioni di stampa, è che il governo indiano avrebbe chiesto al ministero della Giustizia di rivedere il parere secondo il quale alla vicenda va applicata la legge anti-terrorismo che prevede la pena di morte. The Indian Express sostiene che al ministero “è stato fatto presente che la legge in questione è stata concepita per contrastare il terrorismo e la pirateria e che questo non è il caso”. Fonti del ministero dell’Interno, il dicastero che ha chiesto l’applicazione del Sua Act, non hanno né confermato né smentito questa revisione, sostenendo però che “il governo sta ancora valutando la propria strategia futura date le sue ramificazioni internazionali”. Tutti segni, questi, di “imbarazzo del governo indiano”, per il ministro della Difesa Mario Mauro. La seconda buona notizia di oggi è la decisione del tribunale speciale di rinviare al 25 febbraio la discussione su una richiesta della polizia investigativa Nia di trasferire Latorre e Girone. Perché questo, in apparenza l’ennesima battuta d’arresto nel lungo e farraginoso cammino verso una soluzione della vicenda, sia uno sviluppo positivo lo ha spiegato Staffan de Mistura. E’ stato “un passaggio previsto, puramente formale e voluto dall’Italia che punta più in alto, all’udienza della Corte Suprema il 3 febbraio”, ha detto l’inviato speciale del governo, precisando che “la dimostrazione che quello di oggi era un atto puramente formale è che io partirò per l’India sabato”. Per il ministro della Difesa Mauro, il rinvio rafforza ancor di più l’idea che i marò debbano tornare “subito in Italia” e “seguire da uomini liberi lo sviluppo delle indagini”. Intanto, la delegazione bicamerale rientrata dall’India ha incontrato il presidente del Senato Piero Grasso e quello della Camera Laura Boldrini, e poi vedrà Letta a Palazzo Chigi e sarà ricevuta da Giorgio Napolitano al Quirinale. Al presidente della Repubblica si è rivolto il senatore Maurizio Gasparri, che ha fatto parte della missione, chiedendogli di “intervenire direttamente, assumendo la guida di una forte iniziativa internazionale”. (Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

20:40Uzbekistan: Mirziyoyev eletto presidente

(ANSA) - MOSCA, 5 DIC - Il premier uzbeko Shavkat Mirziyoyev ha stravinto le elezioni presidenziali in Uzbekistan - ritenute irregolari dall'Osce - con l'88,61% dei voti (15,9 milioni di preferenze). Mirziyoyev era considerato il favorito, anche perché il parlamento gli aveva già affidato la presidenza ad interim benchè, secondo la legge, la carica avrebbe dovuto andare al presidente del Senato, Nigmatilla Yuldashev, dopo la morte del presidente Islam Karimov.

20:31Uccise i genitori, figlio adottivo si suicida in carcere

(ANSA) - CAGLIARI, 5 DIC - Igor Diana, il 28enne in carcere per aver ucciso nel maggio scorso, nella loro abitazione di Settimo San Pietro (Cagliari), i genitori adottivi, Giuseppe Diana, di 67 anni, e la moglie Luciana Corgiolu, di 62, si è suicidato nella cella del carcere di Cagliari-Uta, dove era rinchiuso. Il giovane si è tolto la vita impiccandosi. Inutile ogni tentativo di rianimarlo da parte del personale medico del penitenziario.

20:31Referendum: Casa Bianca, non è come la Brexit

(ANSA) - WASHINGTON, 5 NOV - "E' rischioso semplificare paragonando i potenziali effetti del referendum sulla Brexit con quelli del referendum italiano": lo ha detto Josh Earnest, portavoce della Casa Bianca, rispondendo ad una domanda sulla consultazione referendaria italiana nel suo briefing con la stampa. Earnest ha ammonito a non dipingere i potenziali effetti dell'esito del referendum in modo troppo generalizzato, ricordando che esso non riguardava la relazione con l'Ue.

20:28Gb: pedofilia, centenario a processo a Birmingham

(ANSA) - LONDRA, 5 DIC - Un ennesimo caso di pedofilia imbarazza la giustizia britannica che porta oggi a processo a Birmingham un uomo di ben 101 anni, accusato di una trentina di episodi di stupro e molestie sessuali contro bambini risalenti a tre-quattro decenni fa, ma mai puniti ne' finora perseguiti. L'uomo, Ralph Clarke, che ovviamente non pare destinato a scontare ormai neppure un giorno di prigione anche se riconosciuto colpevole, nega tutto. Ma l'accusa gli contesta, denunce alla mano, di aver perpetrato fra il 1974 e il 1983 abusi ripetuti su almeno tre bambini. Clarke, che e' un ex autotrasportatore originario dell'area metropolitana di Birmingham (Inghilterra centrale), potrà assistere a udienze non piu' lunghe di 4 ore al giorno in ragione dell'eta' ed e' stato autorizzato a sedersi fra il pubblico invece che nella 'gabbia' degli imputati, riferisce la Bbc.

20:28Morti in corsia, il medico rimane in carcere

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Rimane in carcere Leonardo Cazzaniga, il medico accusato di omicidio per i morti in corsia all'ospedale di Saronno (Varese). Lo ha deciso il gip di Busto Arsizio, respingendo la sua richiesta di arresti domiciliari. Cazzaniga comparirà davanti ai pm in settimana. Che volesse cercare di chiarire la sua posizione, il medico l'aveva detto dopo l'arresto nell'interrogatorio davanti al gip che deve decidere su un'istanza di arresti domiciliari chiesti dalla difesa. Aveva anche detto di aver somministrato farmaci ai pazienti, che poi morirono, per alleviare le sofferenze della loro malattia ma di non aver avuto intenzione di uccidere nessuno. La sua amante, l'infermiera Laura Tironi, accusata dell'omicidio del marito (non di quelli provocati in ospedale) si era invece avvalsa della facoltà di non rispondere. I carabinieri hanno acquisito documenti nei giorni scorsi anche nella sede dell'Azienda Sanitaria Territoriale di Busto Arsizio, a cui fa capo l'ospedale di Saronno.

20:25Giudice arrestato, “nessun favore legato al mio ruolo”

(ANSA) - OLBIA, 5 DIC - "Non favori legati alla mia professione, ma reciproche cortesie nell'ambito di un rapporto amicale, creatosi per il tramite di amici comuni ma successivamente alle sentenze emesse nei loro confronti". Così si è difeso per oltre tre ore davanti al Gip di Roma, Vincenzo Cristiano, il giudice del tribunale di Tempio Pausania, 48 anni originario di Napoli, finito agli arresti domiciliari per corruzione perché avrebbe favorito processualmente alcuni suoi amici imprenditori, Umberto Galizia, 45 anni di Napoli, e Manuel Spano, di 38 di Olbia - entrambi ai domiciliari per concorso in corruzione - in cambio di regalie. Il giudice, assistito dai difensori Giovanni Azzena e Gerolamo Orecchioni, ha parlato negli uffici di piazzale Clodio, raccontando la sua verità al gip Giulia Proto nell' interrogatorio di garanzia. Cristiano, che a detta degli avvocati è apparso molto provato, "si è difeso da uomo di Stato nel rispetto delle istituzioni, anche se, avendo la coscienza pulita, è addolorato da quanto accaduto".

20:23MH370: familiari vittime, ‘ricompensa a chi trova rottami’

(ANSA-AP) - ANTANANARIVO, 5 DIC - Chiunque trovi un rottame dell'aereo del volo MH370 della Malaysia Airlines, scomparso dai radar con 239 persone a bordo l'8 marzo 2014 e probabilmente caduto nell'Oceano Indiano meridionale, riceverà una ricompensa in denaro. Lo hanno reso noto oggi in Madagascar alcuni familiari delle persone che erano sul velivolo, nella speranza che gli abitanti dell'isola, invogliati dal premio, si mettano a setacciare le coste. Nel frattempo è arrivato ad Antananarivo un funzionario incaricato delle indagini sulla scomparsa del Boeing 777 per raccogliere i rottami che sono già stati trovati e capire se appartengono effettivamente all'aereo. Malaysia, Australia e Cina intanto stanno per completare le ricerche con i sonar di profondità, finora senza successo, e hanno comunicato che le operazioni saranno sospese se si continuerà a non trovare nulla che permetta di individuare il punto d'impatto dell'aereo.

Archivio Ultima ora