Maró: Retromarcia del governo indiano sulla pena di morte

Pubblicato il 30 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – Le pressioni internazionali sulla vicenda dei due marò, rese esplicite da un forte monito all’India lanciato dal presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, cominciano (forse) a dare i loro frutti a New Delhi: indiscrezioni di stampa riferiscono come il governo indiano stia facendo retromarcia sull’intenzione di utilizzare la legge anti-pirateria (che prevede la pena di morte) per processare i due militari. Mentre sul fronte italiano non si ferma l’offensiva “a 360 gradi”, con la delegazione bicamerale rientrata dall’India che chiederà un intervento diretto del capo dello Stato. “La pena di morte è inaccettabile”, sul caso “sono state attivate una serie di iniziative”, ha avvertito Barroso tornando sulla vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone due volte in meno di 48 ore. Dopo il suo incontro con il premier Enrico Letta a Bruxelles e al comitato delle Regioni Ue, dove i rappresentanti della delegazione italiana hanno portato un’iniziativa di solidarietà indossando foulard gialli al collo. “Siamo molto preoccupati da questa situazione”, ha detto il presidente della Commissione europea, ribadendo che “se questa situazione non sarà gestita in modo adeguato, potrebbe comportare conseguenze nei rapporti tra l’Ue ed i partner indiani”. Quali siano le iniziative attivate o quali conseguenze possano esserci non è stato chiarito, anche se è facile immaginare che possano avere a che fare con il trattato di libero scambio Ue-India e gli accordi di cooperazione politica. Alla fine Barroso ha comunque lasciato una porta aperta: “E’ vero che in India c’è una campagna elettorale e quindi il rischio emotività a farla da padrone. Ma credo prevarrà il buon senso”. E da New Delhi intanto sono arrivate due buone notizie per i fucilieri di Marina. La prima, stando a indiscrezioni di stampa, è che il governo indiano avrebbe chiesto al ministero della Giustizia di rivedere il parere secondo il quale alla vicenda va applicata la legge anti-terrorismo che prevede la pena di morte. The Indian Express sostiene che al ministero “è stato fatto presente che la legge in questione è stata concepita per contrastare il terrorismo e la pirateria e che questo non è il caso”. Fonti del ministero dell’Interno, il dicastero che ha chiesto l’applicazione del Sua Act, non hanno né confermato né smentito questa revisione, sostenendo però che “il governo sta ancora valutando la propria strategia futura date le sue ramificazioni internazionali”. Tutti segni, questi, di “imbarazzo del governo indiano”, per il ministro della Difesa Mario Mauro. La seconda buona notizia di oggi è la decisione del tribunale speciale di rinviare al 25 febbraio la discussione su una richiesta della polizia investigativa Nia di trasferire Latorre e Girone. Perché questo, in apparenza l’ennesima battuta d’arresto nel lungo e farraginoso cammino verso una soluzione della vicenda, sia uno sviluppo positivo lo ha spiegato Staffan de Mistura. E’ stato “un passaggio previsto, puramente formale e voluto dall’Italia che punta più in alto, all’udienza della Corte Suprema il 3 febbraio”, ha detto l’inviato speciale del governo, precisando che “la dimostrazione che quello di oggi era un atto puramente formale è che io partirò per l’India sabato”. Per il ministro della Difesa Mauro, il rinvio rafforza ancor di più l’idea che i marò debbano tornare “subito in Italia” e “seguire da uomini liberi lo sviluppo delle indagini”. Intanto, la delegazione bicamerale rientrata dall’India ha incontrato il presidente del Senato Piero Grasso e quello della Camera Laura Boldrini, e poi vedrà Letta a Palazzo Chigi e sarà ricevuta da Giorgio Napolitano al Quirinale. Al presidente della Repubblica si è rivolto il senatore Maurizio Gasparri, che ha fatto parte della missione, chiedendogli di “intervenire direttamente, assumendo la guida di una forte iniziativa internazionale”. (Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

23:57Blitz di Lotta Studentesca a giornate antifasciste dell’Anpi

(ANSA) - MILANO, 26 MAG - Blitz di Lotta Studentesca contro le giornate antifasciste dell'Anpi in diverse città italiane: il movimento giovanile di Forza Nuova ha recintato con del nastro segnaletico alcune sedi dell'Anpi. Lo rende noto lo stesso movimento con un comunicato stampa e con una foto in cui si vedono alcuni ragazzi davanti alla sede dell'Anpi di Milano nel quartiere Crescenzago. "I militanti di LS, in tuta bianca da lavoro, hanno anche affisso numerosi cartelli - si legge nella nota - per informare la cittadinanza della disinfestazione in corso contro zecche e fastidiosi animaletti, purtroppo presenti nel luogo". "Oggi i nostri militanti - afferma Andrea Di Cosimo, responsabile nazionale del movimento giovanile - sono impegnati in una vasta operazione di disinfestazione in molte città italiane per liberarle dalla presenza di zecche e partigiani vari". "Nessuno - conclude la nota - vieterà a Lotta Studentesca di esprimere le sue idee".

23:29Calcio: semifinali playoff, Carpi-Frosinone 0-0

(ANSA) - CARPI, 26 MAG - Finisce senza reti l'andata della semifinale dei playoff serie B tra Carpi e Frosinone, un pari che avvicina i ciociari alla finalissima in virtù della migliore posizione di classifica (terzo posto contro il settimo del Carpi) che avrà un peso nella gara di ritorno, lunedì prossimo a Frosinone. La squadra di Marino non è stata in grado di sfruttare la superiorità numerica dopo l'espulsione del giocatore di casa Sabbione al 35' della ripresa per doppia ammonizione. Gara molto intensa ma con pochissime occasioni da gol, a conferma del grande equilibrio in campo nell'arco dei novanta minuti. Decisiva nel corso del primo tempo l'uscita provvidenziale del portiere Belec su Ciofani, mentre nella ripresa più iniziativa da parte del Carpi che ha potuto contare sull'apporto di Mbakogu entrato ma anche lui poco incisivo in zona gol. Con un pareggio nel ritorno Frosinone in finale, mentre il Carpi sarà obbligato a vincere per andare in finale.

22:34Calcio: Bernardo Silva dal Monaco al Manchester City

(ANSA) - MANCHESTER, 26 MAG - Bernardo Silva, nazionale portoghese di 22 anni, passa dal Monaco al Manchester City. Durata del contratto e costo dell'operazione non sono stati resi noti, ma i media inglesi ipotizzano una affare da circa 43 milioni di sterline. Con la maglia del Monaco, Silva ha vinto quest'anno il campionato francese e raggiunto le semifinali di Champions. E' un rinforzo fortemente voluto dal tecnico Pep Guardiola, che ha concluso la prima stagione al City senza vincere trofei. Il centrocampista ha già superato le visite mediche e dal primo luglio sarà a tutti gli effetti a disposizione di Guardiola.

22:31Egitto: autorità, colpite basi miliziani in est Libia

(ANSA-AP) - IL CAIRO, 26 MAG - Responsabili egiziani hanno riferito stasera che aerei da combattimento egiziani hanno compiuto raid e hanno colpito basi di miliziani nell'est della Libia. Si tratta, hanno detto, della risposta al sanguinoso attentato compiuto oggi contro i cristiani copti egiziani. Il presidente Abdel Fattah al Sisi ha rivolto un appello al presidente Usa, Donald Trump, perché prenda la guida della lotta al terrorismo. "Rivolgo il mio appello al presidente Trump: io mio fido di te, della tua parola e della tua capacità di fare della lotta al terrorismo globale il tuo obiettivo principale". Sisi ha poi ripetuto il suo appello a punire i Paesi che finanziano, armano o addestrano i terroristi.

21:47Calcio: Mandzukic a riposo, col Bologna c’è Sturaro

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Niente Bologna per Mario Mandzukic, a cui mister Allegri dovrebbe concedere un turno di riposo in vista della finale Champions di Cardiff. Al suo posto al Dall'Ara dovrebbe esserci Sturaro. Questa l'indicazione emersa al termine dell'allenamento svolto dalla Juventus nel pomeriggio.

21:42Blue Whale: Procura Udine indaga su presunto caso in Friuli

(ANSA) - UDINE, 26 MAG - La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per "istigazione al suicidio a carico di ignoti" per un sospetto caso di Blue Whale, la sfida delle 50 prove in 50 giorni che istigherebbe gli adolescenti fino al suicidio. La vicenda coinvolgerebbe una ragazzina friulana. Lo si apprende dal Procuratore di Udine, Antonio De Nicolo. Stando agli elementi emersi finora, la minore coinvolta sarebbe ancora nella fase iniziale della sfida, che comincia con la sveglia alle 4 del mattino e la visione di film horror per arrivare fino al suicidio gettandosi dal palazzo più alto della città, dopo le ferite autoinferte con un temperino per tatuarsi una balena sul braccio, da cui il nome di Blue Whale. E' stato lanciato dai genitori l'allarme sul quale stanno indagando la Procura della Repubblica di Udine e la Polizia Postale. La ragazzina vive in provincia di Udine e ha 13 anni. I genitori hanno notato un tatuaggio, simile a quello del Blue Whale, sul braccio della figlia.

21:12Terrorismo: Minniti, sbaglio fare scambio sicurezza-libertà

(ANSA) - TODI (PERUGIA), 26 MAG - "E' fondamentale tenere insieme due principi, quello di garantire la sicurezza dei cittadini ma anche la loro libertà. Non è possibile fare uno scambio tra sicurezza e libertà, sarebbe la cosa più sbagliata di questo mondo": lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, intervenendo oggi a Todi ad un incontro a sostegno del candidato a sindaco del centro sinistra Carlo Rossini. presente anche la presidente della Regione Catiuscia Marini. Soffermandosi sul tema del terrorismo il ministro ha detto che "sicurezza e libertà devono essere due termini strettamente connessi" perché al cittadino non "serve avere una sicurezza che lo isola e che non gli permette di vivere serenamente la sua vita". (ANSA).

Archivio Ultima ora